HomeSerie ADa Gagliardini a Kulusevski: come vanno le cose lontano dall'Atalanta

Da Gagliardini a Kulusevski: come vanno le cose lontano dall’Atalanta

Le cessioni dell’Atalanta sono alla base del successo del club bergamasco, ma come sono andati questi giocatori una volta separatisi da Gasperini?

LEGGI ANCHE: Scudetto Inter: ora si guarda al calendario in attesa della matematica

Le cessioni? Succede da anni, vengono venduti tanti giocatori perché arrivano squadre che offrono dieci volte quello che guadagnano qui” ha detto Gian Piero Gasperini ai microfoni di Sky Sport dopo la vittoria sul Bologna, che ha proiettato l’Atalanta al secondo posto in classifica.

Anche se nelle ultime stagioni la situazione si è stabilizzata e i bergamaschi riescono a trattenere le loro stelle con maggiore facilità, confermando sempre gli ottimi risultati, le cessioni illustri restano un fattore determinante negli equilibri economici del club. Il nome caldo di quest i giorni, per esempio, è Robin Gosens, che sarebbe seguito dall’Inter.

LEGGI ANCHE: Gosens sempre più decisivo: chi lo cerca e quanto costa?

Tra le tante cessioni dell’Atalanta di Percassi e Gasperini, poche però si sono rivelate acquisti mirati per i club che ci hanno investito.

atalanta Gasperini
Fonte immagine: @CampoFattore (Twitter)

Roberto Gagliardini

È il primo gioiello nerazzurro dell’era Gasperini ha lasciare Bergamo, quando nel gennaio 2017 si accorda con l’Inter. Da motore del centrocampo atalantino, Gagliardini si ritrova a essere un po’ un pesce fuori d’acqua a Milano: da Pioli a Spalletti a Conte, il suo ruolo è passato da punto di riferimento a centrocampo a riserva.

LEGGI ANCHE: L’Atalanta ha un sistema di fare mercato particolarmente efficace

Quando lasciò l’Atalanta, a soli 23 anni, sembrava destinato a una grande carriera; oggi, 26enne, è fuori dal giro della Nazionale e sembra ormai pronto a lasciare l’Inter in estate, in cerca di una squadra dove possa trovare maggiore spazio.

Franck Kessié

Ceduto al Milan l’estate successiva alla partenza di Gagliardini, e pagato nel complesso 32 milioni sebbene avesse solo 21 anni, Kessié è uno dei pupilli di Gasperini che ha avuto la carriera finora migliore lontano da Bergamo.

LEGGI ANCHE: Tutti i rigori del Milan, uno per uno

Dopo un inizio difficile, sotto la guida di Pioli si è affermato come un pilastro della mediana rossonera e uno dei giocatori più importanti del club anche nello spogliatoio. Da sempre molto portato al gol, in questa stagione è divenuto pure il rigorista più affidabile del Milan, e già realizzato 10 reti e 5 assist in Serie A.

stipendi milan
Fonte: @franckkessie (Instagram)

Andrea Conti

Arrivato al Milan assieme a Kessié per altri 24 milioni di euro, Conti ha avuto una carriera molto sfortunata: tormentato dagli infortuni al ginocchio, in rossonero ha fatto più infermeria che campo. A gennaio ha provato a rilanciarsi col Parma , ma anche qui, tra guai fisici e pessimo rendimento della squadra, le cose non stanno andando granché bene.

LEGGI ANCHE: Perché il Milan vuole riportare Pessina in rossonero

Mattia Caldara

Un altro talento fermato dagli infortuni: Caldara era stato acquistato dalla Juventus già nel gennaio 2017, che voleva scommettere su di lui come erede di Chiellini, lasciandolo finire la stagione a Bergamo. Un anno e mezzo dopo approda a Torino, venendo però subito scambiato col Milan per Bonucci.

La nuova avventura lo ha visto totalizzare però solo 2 presenze in rossonero (una in Coppa Italia e una in Europa League) in altrettante stagioni. Da gennaio 2020 è di nuovo all’Atalanta, in prestito dal Milan, ma anche Gasperini ormai lo considera un comprimario.

LEGGI ANCHE: Caldara e il fallimento all’Atalanta: a giugno torna al Milan

Bryan Cristante

L’Atalanta lo aveva preso dal Benfica, dov’era espatriato giovanissimo in cerca di fortuna, portandolo a diventare uno dei centrocampisti più interessanti della Serie A. A luglio 2018 lo ha acquistato la Roma per 27 milioni, ma nella Capitale Cristante non è mai riuscito a imporsi come avrebbe dovuto, pur giocando molto di frequente coi giallorossi.

infortunio cristante
Fonte immagine: @Fantacalcio

Andrea Petagna

Il primo centravanti dell’era Gasperini, Petagna non è mai stato un gran realizzatore, ma una boa in grado di far salire la squadra e far rendere al meglio i compagni d’attacco. Nell’estate del 2019 anche lui cambiò squadra, ormai chiuso da Zapata, e si trasferì alla Spal per 12 milioni, dove cambiò radicalmente modo di giocare, concentrandosi più sull’aspetto realizzativo.

LEGGI ANCHE: Gattuso e il nodo infortuni: perché il Napoli assomiglia al suo Milan

Delle cessioni importanti dell’Atalanta, è stato l’unico a non essere passato direttamente a un club di categoria superiore, e forse questo lo ha aiutato a crescere più gradualmente. Oggi è di proprietà del Napoli, dove però sta trovando molto poco spazio.

Gianluca Mancini

Può essere ritenuto, con Kessié, il giocatore che ha fatto meglio in Serie A lontano da Bergamo. Arrivato nel 2019 alla Roma, dopo aver sostituito egregiamente Caldara in nerazzurro, Mancini si è immediatamente affermato come uno degli elementi più affidabili della rosa di Fonseca.

LEGGI ANCHE: Splende la stella di Malinovskyi e l’Atalanta ha sempre meno bisogno di Ilicic

Specialmente in questa stagione ha confermato di essere un giocatore pericoloso in zona gol (5 reti segnate con l’Atalanta, 4 quest’anno in giallorosso), e a 25 anni potrebbe riuscire a trovare un posto tra i convocati di Roberto Mancini per l’Europeo.

gianluca mancini roma
Fonte: @gianlumancio_23 (Instagram)

Timothy Castagne

Acquistato per 6,5 milioni da Genk, Castagne ha lasciato l’Atalanta la scorsa estate per 20 milioni, trasferendosi al Leicester, con cui oggi si trova sorprendentemente al terzo posto in Premier League. Il terzino belga ha già giocato 2.300 minuti, segnando 2 reti e servendo 4 assist ai compagni: la sua affermazione in un contesto come quello inglese è una delle grandi conferme del lavoro di ricerca di sviluppo dei giocatori svolto dall’Atalanta in questi anni.

LEGGI ANCHE: Luis Muriel continua a essere il giocatore più decisivo della Serie A

Papu Gomez

Una cessione sofferta di un giocatore simbolo della Dea, ormai arrivato alla rottura con Gasperini. La seconda giovinezza di Gomez sta però continuando a Siviglia, dove il Papu sta illuminando il goco della squadra di Lopetegui, che attualmente si trova addirittura in corsa per il titolo della Liga.

Cessioni Atalanta: le sorprese Diallo e Kulusevski

Due giocatori che a Bergamo si sono visti poco o nulla, per la verità, pur essendo di proprietà del club di Percassi. Qualche minuto appena in Serie A per l’ivoriano, che la scorsa estate è stato ceduto al Manchester United per 21 milioni di euro: ha solo 18 anni e tutta la carriera davanti, ma il suo inizio in Inghilterra (con un gol all’esordio in Europa League) fa ben sperare.

LEGGI ANCHE: Kulusevski, la Juventus ha un nuovo numero 10

Discorso simile per Kulusevski, 21enne esploso l’anno scorso in prestito al Parma e subito acquistato dalla Juventus per 35 milioni. Lo svedese sta avendo una buona stagione a Torino, considerando le difficoltà degli uomini di Pirlo, e anche su di lui ci sono legittimamente grandi speranze.

muriel
Fonte Immagine: @dejan.k10 (Instagram)

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti