HomeSerie ALo Spezia di Italiano non è una vittima sacrificale

Lo Spezia di Italiano non è una vittima sacrificale

Da vittima sacrificale a squadra che propone del buon calcio: con Italiano al comando, lo Spezia culla sogni di salvezza

Pochi mesi, un po’ a sorpresa, lo Spezia otteneva la sua prima storica promozione in Serie A. Non ce ne vogliano gli storici Vigili del Fuoco che negli anni Quaranta fecero parlare della loro impresa a ridosso di una sanguinosa guerra, ma in tempi moderni mai una squadra ligure – se si eccettuano le due genovesi – era riuscita ad arrivare così in alto.

Le partite di oggi in tv: a che ora e dove vedere

La scalata verso la massima serie dello Spezia ha tanti padri, da una società competente, paziente e lungimirante fino a un allenatore innovativo, preparato e, in questi mesi, finito finalmente al centro di un dibattito molto interessante. Quanto vale Vincenzo Italiano? Se lo stanno chiedendo in tanti. La risposta è solo una, ovvero che le basi per una carriera importante sembrano esserci tutte.

Calciatori positivi Serie A | la lista | diversi i contagi

spezia
Fonte immagine: @LI_Palembang (Twitter)

Una squadra viva con buoni numeri

Nelle prime 10 partite di Serie A lo Spezia ha ottenuto altrettanti punti. Ma, come giova ricordare, ha già affrontato Sassuolo, Juventus, Milan, Atalanta e Lazio. Contro queste cinque ha ottenuto un solo punto – nel pareggio con la Dea – ma nell’ultima sconfitta maturata per mano dei biancocelesti di Inzaghi il campo ha dato riscontri comunque molto positivi.

Infortunio Rafael Leao | quando rientra | tempi di recupero

Testimoniati, come sempre, dalle statistiche. Nei novanta minuti giocati contro la Lazio, lo Spezia ha completato 562 passaggi contro i 260 degli avversari, tirato 17 volte a 4, creato 3 big chance a 1, calciato dentro l’area ben 11 volte a 3 e, a corredo, colto anche un paio di legni. Sfortuna, insomma, o se preferite una condanna arrivata principalmente per le ingenuità difensive e la scarsa forma di Provedel.

Infortunio Castrovilli | quando rientra | tempi di recupero

Come costruire una salvezza

Vincenzo Italiano sa che il percorso salvezza dello Spezia sarà impervio ma, a suo vantaggio, potrebbero sopraggiungere alcuni fattori. Il primo: tante squadre, anche quest’anno, saranno coinvolte nella lotta, alcune – come Fiorentina e Torino – in maniera inaspettata. In secondo luogo, lo Spezia già sapeva che sarebbe stata una battaglia, visto che alla vigilia veniva visto come vittima sacrificale.

Stipendi allenatori Serie A 2020 2021: la classifica

Ultimo, ma non per importanza, il tema tattico. Lo Spezia cerca di ottenere il risultato tramite un gioco propositivo, sicuramente rischioso, talvolta efficace ma frenato, troppo spesso, dalle scarse qualità complessive della rosa. Ma questo a Italiano sembra non importare: “Una nostra salvezza – ha detto qualche settimana fa – sarebbe un miracolo: varrebbe come tutti gli Scudetti della Juventus”.

Tommaso Pobega, la prepotente crescita del centrocampista dello Spezia

Eppure, per centrarla, Italiano non ha minimamente stravolto il suo credo, proprio – tanto per fare un’analogia abbastanza pertinente – come fece ai tempi De Zerbi una volta arrivato al Benevento. Il 4-3-3 rimane il suo marchio di fabbrica, semmai sono gli interpreti a cambiare: in dieci match, il tecnico ha utilizzato ben 33 calciatori differenti, tra i quali figurano tre portieri e tutti i centrocampisti della rosa.

Come gioca lo Spezia di Italiano: i 3 punti chiave della neopromossa

spezia
Fonte immagine: @GazzettadellaSp (Twitter)

I punti fermi dello Spezia

Tra questi, ovviamente, ci sono alcuni elementi che si stanno confermando come veri e propri punti fermi. Per esempio, partendo da dietro, va sottolineata la crescita di Simone Bastoni, terzino sinistro di 24 anni che sta ben figurando in questa prima parte di stagione. Sempre in difesa, ha avuto un buon impatto Julian Chabot, ex meteora della Sampdoria arrivata in estate.

Spezia, una rivoluzione per la salvezza

In mezzo al campo, tra quelli che hanno giocato di più troviamo tre prodotti DOC del vivaio italiano: Matteo Ricci, mediano, ma soprattutto Tommaso Pobega – scuola Milan: sta facendo molto bene – e Giulio Maggiore, uno dei protagonisti della promozione per il quale, in estate pareva essersi mosso anche il Torino.

Andrej Galabinov, il bomber che non ti aspetti

Ma il vero botto lo sta facendo M’Bala NZola, la cui storia è tutta da ripercorrere. Francese di origine angolana, arrivò in Italia scoperto dal Carpi e lo Spezia lo prese a parametro zero dopo il fallimento del Trapani. Ha segnato 4 gol in 7 apparizioni, punendo Benevento, Cagliari e Lazio. Se Italiano vuole aggrapparsi a qualcuno, il gigante di Troyes è il cavallo giusto sul quale scommettere.

Tutti i marcatori delle squadre di Serie A

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti