HomeCalcio EsteroTeun Koopmeiners, perché piace tanto alle big di serie A

Teun Koopmeiners, perché piace tanto alle big di serie A

Teun Koopmeiners è il nuovo fiore all’occhiello del calcio olandese, e con le sue prestazioni nell’AZ Alkmaar ha stregato le big della Serie A. Conosciamolo meglio

LEGGI ANCHE: Koopmeiners, l’agente: ‘Ama l’Italia ed è pronto per il salto…’

L’Olanda è la patria del calcio totale e negli ultimi anni la fucina di talenti orange sta tornando a sfornare piccoli fenomeni come De Jong, De Ligt e Berwijn. Al momento c’è un nuovo tulipano in rampa di lancio, gioca nell’AZ Alkmaar, ha 22 anni, un ruolo indecifrabile e una qualità sopraffina.

Parliamo del capitano della squadra: Teun Koopmeiners, centrocampista, trequartista e difensore centrale (voci di corridoio narrano possa essere usato anche come portiere). Le sue caratteristiche sono incredibili, poiché può essere utilizzato in qualsiasi ruolo centrale del campo e unisce la capacità di segnare a quella di gestire i ritmi della propria compagine.

Dal vivaio all’esordio in prima squadra con l’AZ Alkmaar

LEGGI ANCHE: Maksimovic all’Inter è l’ultima idea di Ausilio

Classe ’98 nativo di Amsterdam, Koopmeiners muove i suoi primi passi calcistici nell’AZ Alkmaar, dove inizia a giocare a soli undici anni. Solitamente, quando parliamo di un futuro crack del calcio, ne descriviamo un’ascesa inesorabile fin dalle categorie minori. Per Koopmeiners la scalata nel calcio dei grandi è stata difficile e, come ammesso dallo stesso ragazzo in un’intervista, ha avuto dei momenti in cui è stato a un passo dall’abbandonare tutto.

Fortunatamente per lui (e per tutto il calcio europeo), non ha mollato ed è diventato uno dei pezzi pregiati del calciomercato mondiale. Dopo tutta la trafila nelle squadre giovanili dell’AZ Alkmaar, Koopmeiners fa il suo esordio nel 2017 contro il Feyenoord e oggi, a 22 anni, è il capitano del club che lo ha cresciuto come una seconda famiglia. Il carattere e la perseveranza sono due caratteristiche che non mancano al ragazzo olandese.

Le caratteristiche uniche di Teun Koopmeiners

LEGGI ANCHE: Infortunio Perisic | quando rientra | tempi di recupero

Prendendo in esame i dati statistici di questa stagione, il profilo che tutti gli scout calcistici farebbero di Koopmeiners è quello del classico centrocampista avanzato dalle spiccate doti offensive. Ma c’è molto di più nel gioco del nuovo talento olandese. Ha collezionato 33 presenze tra Eredivisie e Europa League, 16 goal, 2 assist e 83.8% di passaggi riusciti (coronati con 6 premi come Man of the Match).

La percentuale sui passaggi è molto interessante se la andiamo a contestualizzare con l’utilizzo fatto da parte di Pascal Jansen. Il tecnico olandese lo ha utilizzato principalmente come centrocampista centrale, ma ha sfruttato le sue qualità anche nel ruolo di mediano metodista e di difensore centrale. Un centrocampista utilizzato come difensore centrale, vi ricorda qualcosa? Ovviamente la scelta di Koeman di arretrare De Jong nella linea difensiva del Barcellona.

LEGGI ANCHE: Quanti scudetti ha l’Inter in bacheca?

Oltre alla duttilità e a un’ottima fluidità di corsa, Kooopmeiners ha anche grandi qualità di tecnica individuale. È il gestore dei ritmi di gioco della propria squadra (67.9 passaggi medi) ed è capace di alternare passaggi lunghi (5 di media a partita) a keypass (1 a partita) nella zona di rifinitura. Inoltre, nonostante la grande mole di gioco che passa dai suoi piedi, la percentuale di controlli sbagliati a partita è irrisoria: 1.

koopmeiners
Fonte Immagine: @teunkoopmeiners (Instagram)

Goleador dall’intelligenza sopraffina o difensore moderno?

A livello offensivo i 16 gol realizzati potrebbero bastare per descrivere le sue qualità, ma non sarebbe abbastanza. Grazie alla sua grande capacità a livello aerobico e una fluidità di corsa ineccepibile, riesce a unire una costante presenza a livello difensivo e la possibilità di inserimento nell’area avversaria con continuità. È uno specialista delle punizioni dirette, arma con la quale riesce ad aumentare la sua pericolosità offensiva.

LEGGI ANCHE: L’Inter pensa a Teun Koopmeiners come vice Brozovic

Il punto che unisce le sue caratteristiche è il colpo di testa, grazie al quale domina entrambe le aree di rigore. A livello difensivo fa intravedere ampi margini di miglioramento, soprattutto dal punto di vista delle scelte. Le qualità di palleggiatore non si possono discutere, però paga molto l’esuberanza della sua età. Predilige l’aggressione continua dei propri avversari finendo, in alcuni casi, per essere facilmente letto e arginato grazie a una rapida circolazione palla.

Futuro in Italia?

Oggetto del desiderio di mezza Europa, anche le squadre italiane hanno messo gli occhi sul talentino olandese. Fiorentina, Roma e Napoli monitorano la situazione da un paio di mesi, ma è notizia di questa settimana che anche l’Inter starebbe sondando il terreno per Teun Koopmeiners. Se il suo futuro sarà in Italia, ripercorrerà le orme di uno dei giocatori a cui più assomiglia per caratteristiche tecniche e mentali: Kevin Strootman.

LEGGI ANCHE: Infortunio Muriel | quando rientra | tempi di recupero

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Matteo Spaggiari
Matteo Spaggiari
Classe ’97, nato in provincia di Reggio Emilia e collaboratore da anni nelle redazioni reggiane. Allenatore Uefa C e con diversi attestati come Match Analyst, Data Analyst e diplomato all’Inter Youth Master. Nella vita mi occupo di calcio, oppure il contrario, questo è il mio dilemma più grande

Articoli recenti