serie b
Fonte: Instagram @ascittadella1973

Dal Monza fuoriserie alle tre retrocesse, passando per le possibili outsider e il miracolo Cittadella: una panoramica completa sulla Serie B 2020/21?

A poco più di un mese dalla straordinaria e tiratissima doppia finale di playoff tra Frosinone e Spezia, che ha visto quest’ultima festeggiare l’approdo in Serie A, la Serie B è ripartita alla grande. Mai come quest’anno, infatti, la cadetteria può essere considerata una sorta di massima divisione bis, con tantissime squadre competitive presenti ai nastri di partenza.

INFORTUNIO REBIC, QUANDO RIENTRA E TEMPI DI RECUPERO

La promozione, contrariamente alle stagioni passate, sarà cosa per molti, soprattutto perché in tanti si sono sensibilmente rinforzati per mettere insieme rose di qualità molto alta. In più, la stagione 2020/21 riaccoglie in Serie B il Monza, realtà che rappresenta una delle provincie più vaste ed estese d’Italia, al momento mai capace di mettere piede in Serie A nella sua centenaria storia.

INFORTUNIO INSIGNE, QUANDO RIENTRA E TEMPI DI RECUPERO

Monza, la favorita per la promozione

Questa però potrebbe davvero essere la volta buona, perché al timone della società, da circa un anno e mezzo, ci sono Silvio Berlusconi e Adriano Galliani, artefici del Milan più grande della storia. Se il primo, nonostante l’età, ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla sua più grande passione, l’ex amministratore delegato rossonero – tifoso del Monza da sempre – è stato la chiave che ha convinto Berlusconi a investire nel progetto biancorosso.

SCUDETTO SPEZIA 1944, LO SCUDETTO CONQUISTATO DAI POMPIERI

Per dare l’assalto alla Serie A sono stati spesi quasi 10 milioni di euro, più di tutte le altre società messe assieme. In Brianza sono arrivati giocatori top di categoria ed elementi che vantano diversi anni di esperienza in Serie A. L’impressione è che, in mano a Cristian Brocchi, sia stata consegnata una fuoriserie, e che ora starà all’ex allenatore del Milan condurla fino al tanto sognato traguardo. Perché se di griglia si può parlare, il Monza parte senza dubbio al primo posto.

FILIP DJURICIC, IL SOLDATO DI DE ZERBI

In Purgatorio per rinascere

Oltre al Monza, grossa considerazione la meritano le tre realtà che, alla fine della stagione 2019/20, sono retrocesse in Serie B dalla massima categoria. Il Lecce sulla carta sembra la squadra più attrezzata per condurre un campionato da protagonista: il club salentino si è rinforzato in tutti i reparti – ottimo l’innesto di Massimo Coda in attacco – e, a oggi, non ha perso il trio di funamboli che un anno fa condussero in A i giallorossi.

INTER, DIETRO È RIVOLUZIONE: COME CAMBIA LA DIFESA NERAZZURRA

View this post on Instagram

📸 #Spal- @inter Primavera 2️⃣-1️⃣ #ForzaSPAL

A post shared by SPAL (@spalferrara) on

Filippo Falco, Marco Mancosu e Jacopo Petriccione sono elementi che in Serie B spostano parecchio, a patto che il presidente Sticchi Damiani non ceda alle lusinghe che arrivano dal piano di sopra. In panchina, al posto del dimissionario Fabio Liverani, è stato chiamato Eugenio Corini, ultima stagione al Brescia. Le Rondinelle invece hanno puntato su Gigi Del Neri, usato sicuro e amico del presidente Cellino. Funzionerà? Difficile dirlo ora, fatto sta che il Brescia, a oggi, ha ancora tutti i suoi big in rosa.

MARCO ETCHEVERRY, IL 10 BOLIVIANO TUTTO GENIO E SREGOLATEZZA

Un po’ più di movimento c’è stato in casa Spal, che all’esordio in campionato ha comunque fatto un’ottima figura in casa del Monza. I pezzi grossi – da Andrea Petagna a Mohamed Fares, passando per Kevin Bonifazi – sono stati ceduti, Gigi Di Biagio è stato allontanato e in panchina la società emiliana ha dato un’occasione a Pasquale Marino, rilanciatosi durante la scorsa stagione all’Empoli. La stella è sempre Gabriel Strefezza, anche lui però in procinto di partire.

I CALCIATORI PIÙ COSTOSI DELLA STORIA

Serie B, le possibili outsider per la promozione

Hanno una voglia matta di tornare in Serie A anche Empoli e Frosinone. La squadra toscana, retrocessa due anni fa nonostante un ottimo girone di ritorno e un Ciccio Caputo in forma smagliante, è reduce da un’annata con tanti cambi in panchina e un rinnovamento massiccio della rosa. Il compito di riportarla al piano superiore sarà affidato ad Alessio Dionisi, uno degli allenatori più giovani della categoria, che lo scorso anno ha fatto molto bene a Venezia.

BALOTELLI – GENOA, RINASCERE INSIEME

Nonostante la delusione maturata nella finale degli scorsi playoff, anche il Frosinone può sperare di tornare al piano superiore. La squadra di Alessandro Nesta, confermato dalla famiglia Stirpe, ha individualità di spicco assolute come Federico Dionisi, Alessio Ciano, Luca Ariaudo e Francesco Bardi, autentici lussi per la Serie B. Il problema, come al solito, sarà di tenuta mentale: riusciranno i ciociari a non sfaldarsi alla prima complicazione?

GODIN E I SUOI FRATELLI: GLI URUGUAYANI DELLA STORIA DEL CAGLIARI

Occhio al Cittadella

Ogni anno nessuno la nomina, ma puntualmente il Cittadella – quando si tirano le somme – è là davanti a dire la propria. Il club granata con sede nella periferia di Padova è un esempio gestionale straordinario. La famiglia Gabrielli, che ha fatto fortuna investendo nell’industria siderurgica, ha dato vita a un modello economicamente sostenible e sportivamente soddisfacente, ma soprattutto duraturo. Due anni fa arrivò la sconfitta ai playoff contro il Verona, ma la sensazione è quella che, a breve, il Cittadella salirà.

TACCHINARDI: “MORATA E DZEKO SOTTO SUAREZ, PIRLO MI HA SCONVOLTO”

Se dovesse riuscirci, grosso del merito andrà ascritto al lavoro di Stefano Marchetti, direttore sportivo classe 1963 amico fraterno di Rolando Maran ed Ezio Glerean, un allenatore che a Cittadella ha fatto la storia. Le plusvalenze fatte fare al club non si contano nemmeno più, i talenti scoperti e i profili rilanciati neppure. È soprattutto grazie a Marchetti se il Cittadella è arrivato ai playoff per cinque volte, quattro delle quali negli ultimi anni. E, con Venturato in panchina, chissà che questa non sia la volta buona.

NUOVA REGOLA FALLO DI MANO: I CAMBIAMENTI INTRODOTTI

Serie B 2020/21: le squadre al via

  • Ascoli
  • Brescia
  • Cittadella
  • Chievo
  • Cosenza
  • Cremonese
  • Empoli
  • Frosinone
  • Lecce
  • Monza
  • Pescara
  • Pisa
  • Pordenone
  • Reggiana
  • Reggina
  • Salernitana
  • Spal
  • Venezia
  • Vicenza
  • Virtus Entella

IL LIPSIA PUNTA SU SORLOTH

Serie B 2020/21: le date e dove vederla in tv e streaming

La Serie B 2020/21 ha preso il via il 25 settembre 2020 e la stagione regolare si concluderà il 7 maggio 2021, prima della definizione delle date per la disputa di playoff e playout. Il campionato cadetto è disponibile interamente in esclusiva sulla piattaforma streaming DAZN, ma Rai Sport trasmette in chiaro un match a settimana.

IL MILAN RITROVA CALHANOGLU

I big match della Serie B 2020/21

1a giornata

Monza-SPAL

  • 2a giornata

Cittadella-Brescia
Empoli-Monza

  • 3a giornata

Brescia – Lecce

  • 4a giornata

Empoli – Spal

  • 5a giornata

Empoli-Pisa
Monza-Chievo Verona

  • 6a giornata

Cittadella – Monza

  • 7a giornata

Monza – Frosinone

  • 8a giornata

Cittadella – Empoli

  • 9a giornata

Brescia-Frosinone
Chievo Verona-Lecce

  • 10a giornata

Frosinone-Chievo Verona
Spal – Pisa

  • 11a giornata

Cittadella-SPAL
Lecce – Frosinone

  • 12a giornata

Spal – Chievo Verona

  • 13a giornata

Chievo Verona – Empoli

  • 14a giornata

Cittadella-Frosinone
Spal – Lecce

  • 15a giornata

Brescia-Empoli
Chievo Verona-Cittadella

  • 16a giornata

Cittadella-Lecce
Spal – Brescia

  • 17a giornata

Frosinone-SPAL
Lecce-Monza

  • 18a giornata

Pisa – Brescia
Reggina – Lecce

  • 19a giornata

Brescia-Monza
Lecce – Empoli

Per restare sempre aggiornati, seguici su InstagramFacebook Twitter