Nacho e Militão sono divenuti colonne del Real nel momento del bisogno

Il Real Madrid è arrivato al momento cruciale della stagione con molti assenti, soprattutto in difesa. Nacho e Militão sono così divenuti a sorpresa due pilastri della squadra di Zidane

LEGGI ANCHE: Pagelle Liverpool-Real Madrid 0-0: la “vittoria” di Zidane

Quando si è saputo che il Real Madrid avrebbe dovuto affrontare due sfide cruciali per la sua stagione – il Clasico in Liga e il doppio quarto di finale di Champions contro il Liverpool – senza Sergio Ramos e Varane, è stato chiaro praticamente a tutti che sarebbe stata durissima mantenere la rete inviolata, e ancor di più ottenere delle vittorie.

LEGGI ANCHE: Chi è Gonzalo Bustos, il 2004 che ha stregato l’Inter

Eppure, in queste tre partite i Blancos hanno subito appena due reti, sono rimasti imbattuti e ora sono a un punto dall’Atletico in campionato e in semifinale di coppa. Merito anche di due sorprese, Nacho e Militão, che contro ogni aspettativa sono emersi nel momento del bisogno.

Nacho e Militão, gli eroi che non ti aspetti

LEGGI ANCHE: Isco, Militão, Jovic: i campioni del Real Madrid che si stanno svalutando

Nacho Fernandez oggi ha 31 anni ed è un veterano del Real Madrid, club in cui è cresciuto, approdando in prima squadra nel 2013. Nonostante questo, non è certamente un giocatore che possa essere definito come un punto di riferimento: in questi anni è sempre stato un comprimario, e se è rimasto in rosa è principalmente per il fatto che sa ricoprire con efficacia qualsiasi ruolo della retroguardia.

LEGGI ANCHE:

Per Eder Militão il discorso è diverso: nell’estate del 2019 aveva solo 21 anni, e Florentino Perez decise di investire ben 50 milioni su di lui, dopo averlo visto giocare nel Porto. Ma il brasiliano si è ritrovato quasi subito a essere considerato un esubero, finendo ai margini della rosa di Zidane.

LEGGI ANCHE: Quale sarà il futuro di Sergio Ramos?

Due carriere quasi opposte, quella di un utile canterano e quella della promessa sudamericana supervalutata, ma unite dall’essere nomi di secondo piano dei Galacticos, sebbene Nacho sia diventato un po’ un uomo di fiducia di Zidane (è dall’arrivo del francese in panchina, nel 2016, che ha iniziato a trovare spazio). Tutti e due erano da tempo considerati dagli specialisti di calciomercato come possibili partenti, specialmente Militão, che in quest’annata, prima degli infortuni di Ramos e Varane, aveva giocato appena quattro partite da titolare.

Gli infortuni nel Real Madrid

È stata una stagione difficile per il Real, dal punto di vista delle assenze. Zidane si è presto ritrovato a dover rinunciare a uno dei suoi pilastri, Dani Carvajal, infortunato praticamente da ottobre, e ha dovuto fare di necessità virtù.

LEGGI ANCHE: A chi serve Lucas Vazquez?

Il suo posto sulla fascia destra difensiva è stato preso da Lucas Vazquez, che in realtà sarebbe un attaccante, ma nel Clasico anche quest’ultimo s’è infortunato (stagione finita, e contratto in scadenza a giugno) e il Real Madrid ha dovuto ripiegare sulla terza scelta, Alvaro Odriozola. Acquistato nel 2018 per 30 milioni dalla Real Sociedad, il basco non ha quasi mai giocato, e in stagione è partito titolare appena due volte; nell’ultima settimana, Zidane lo ha fatto prima subentrare a Vazquez contro il Barcellona, e ieri ad Anfield al posto di Valverde, reinventato terzino dal primo minuto.

Le seconde linee di Zidane fanno la differenza

In una stagione in cui gli infortuni sono più frequenti del solito e la condizione atletica non è delle migliori, la vera chiave di volta del Real Madrid fino a questo punto è stato il rendimento sopra la media delle sue riserve. Ieri sera, Valverde ha giocato una partita di grande intensità e sacrificio, pur in un ruolo non suo e con una caviglia gonfia.

LEGGI ANCHE: Stipendi Real Madrid, quanto vale il monte ingaggi degli spagnoli

Nacho e Militão, però, rappresentano senza ombra di dubbio l’emblema di una squadra sta riuscendo a far fronte alle difficoltà in maniera inaspettata: una coppia centrale “di scorta”, che non appena è stata chiamata in campo si è fatta trovare pronta, non facendo rimpiangere i titolari.

Così, Zidane e Florentino Perez potrebbero essersi ritrovati con nuove certezze su cui puntare per la prossima stagione: con Sergio Ramos e forse anche Varane in partenza, e senza aver ancora concluso con Alaba, la conferma di Nacho e le nuove speranze offerte da Militão possono essere i punti su cui costruire il Real del prossimo futuro.

LEGGI ANCHE: Varane è pronto a salutare il Real Madrid

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!