Pagelle Liverpool-Real Madrid 0-0: la “vittoria” di Zidane

Liverpool Real Madrid finisce 0-0: un risultato che fa felice solamente Zidane e che, invece, condanna Klopp e il suo Liverpool. Ciononostante, il tecnico tedesco non può dirsi insoddisfatto: i suoi ragazzi hanno infatti giocato una partita di grandissimo sacrificio, dominando per larghi tratti della partita un Real Madrid che ha conquistato le semifinali con la “minima spesa”. Nel primo tempo, in particolare, i Reds hanno giocato a ritmi altissimi, lasciando solamente per pochi istanti la palla alla squadra di Zidane, che non a caso si è dovuta chiudere in difesa, resistendo con ordine e disciplina. Nel secondo tempo, invece, la stanchezza ha cominciato a palesarsi fra le fila del Liverpool, con i ragazzi di Klopp che sono calati soprattutto negli ultimi 20 minuti di gara. Trovate qui le pagelle di questa gara che, pur terminando 0-0, ci ha regalato tantissime emozioni.

LEGGI ANCHE: Manchester United, tutte le cessioni sbagliate: da Lingard a Lukaku

Le pagelle del Liverpool

Alisson, voto 6: ordinaria amministrazione per l’ex portiere della Roma, che non è praticamente mai costretto ad intervenire.

Alexander-Arnold, voto 7: rapido e ispirato, il terzino scuola Liverpool gioca una partita di alto livello, garantendo cross e inserimenti di qualità per tutti i 90 minuti. Peccato che là davanti giochi un lontano parente di Firmino…

Phillips, voto 5: per usare un eufemismo, non ha il talento di Van Dijk e non ha l’esperienza di Matip. La velocità, poi, non è il suo forte: Vinicius lo brucia al 67’ e rischia di chiudere definitivamente la gara. In altre parole: inadeguato.

Kabak, voto 5,5: vedi Phillips. In più, l’ex Schalke rischia anche di “fregare” Alisson deviando sul palo un filtrante di Benzema, ma fino al momento dell’uscita non crolla. (dal 60’ Diogo Jota, voto 6: ci prova, ma non incide come Klopp avrebbe voluto.)

Robertson, voto 6: meno costante di Alexander-Arnold, lo scozzese viene anche coinvolto meno rispetto al suo corrispettivo. Ciononostante, la sua prestazione rimane positiva.

Milner, voto 7: anima del Liverpool, guerriero indomabile e capitano d’altri tempi. Nel primo tempo fa tirare fuori una paratona a Courtois. La sua grinta e la sua qualità, tuttavia, non bastano ai Reds per passare il turno. (dal 60’ Thiago Alcantara, voto 5,5: non stupisce, non delizia, non aggiunge nulla alla manovra dei Reds.)

Fabinho, voto 6: mai pericoloso, mai troppo veloce, mai verticale, ma non è questo il suo compito: il brasiliano garantisce infatti equilibrio e fisicità al centrocampo di Klopp.

Wijnaldum, voto 5,5: la voglia di fare di certo non manca, come non manca qualità. Pesa, però, un erroraccio sotto porta su invito di Salah.

Salah, voto 6,5: sotto porta manca cattiveria, ma la qualità c’è. Ed è talmente tanta che l’egiziano è il vero faro dell’attacco dei Reds, creando occasioni dal primo all’ultimo minuto di gioco.

liverpool real madrid
FOTO – Twitter Liverpool

Firmino, voto 5: l’attaccante rapido e tecnicamente sublime sembra scomparso: nel primo tempo sbaglia tutto quello che si può sbagliare, non tirando mai in porta. Meglio nel secondo tempo, ma sicuramente non basta per raggiungere la sufficienza. (Dal 82′ Shaqiri SV)

Mané, voto 6: positiva la gara del senegalese, che, tuttavia, non riesce mai a concretizzare. (Dal 82′ Oxlade-Chamberlain SV)

Klopp, voto 6,5: l’allenatore tedesco prepara davvero bene la gara: il suo Liverpool domina il primo tempo, ma non riesce a concretizzare e sbaglia spesso l’ultimo passaggio. Per questo, tuttavia, il mister può fare ben poco.

LEGGI ANCHE: Infortunio Ospina | quando rientra | tempi di recupero

Le pagelle del Real Madrid

Courtois, voto 7: se il Real non subisce nemmeno un gol bisogna ringraziare proprio il portiere belga, che protegge la porta dei blancos con una serie di grandi parate: incredibile il salvataggio su Salah dopo pochi minuti di gara.

liverpool real madrid
FOTO – Twitter Real Madrid

Valverde, voto 6: dopo un inizio timido, l’uruguagio prende le misure e sbaglia poco. E con uno come Mané non è poco, anzi.

Eder Militao, voto 6: la sua prestazione ricalca quella dell’avversario Phillips: non è Ramos e non è nemmeno Varane. Di errori evidenti, tuttavia, non c’è traccia.

Nacho, voto 6,5: pur non brillando per tecnica, Nacho gioca una partita ordinata e autoritaria. Senza nessuna aspettativa, lo spagnolo si è ritagliato un ruolo importantissimo in questo Real.

Mendy, voto 5,5: non è il Mendy ammirato nella gara d’andata, dato che Salah e Alexander-Arnold lo costringono ad una gara di pura sofferenza.

Modric, voto 6: il croato non brilla e non domina, ma gestisce con ordine, tecnica e pazienza il centrocampo di Zidane.

Casemiro, voto 5: terrificante il suo fallo su Milner nel primo tempo: il giallo, per certi versi, è quasi troppo “gentile”. Escludendo questo episodio, il brasiliano non entra mai in partita.

Kroos, voto 6: vedi Modric: senza entusiasmare, il tedesco gioca una partita positiva. (Dal 72′ Odriozola, voto 6: si posiziona sulla fascia destra, con ordine e disciplina limita le folate offensive del Liverpool.)

Asensio, voto 5,5: partita mediocre quella del talento del Real Madrid, che delude le aspettative e non crea nessun pericolo dalle parti di Alisson. (Dal 82′ Isco SV)

Benzema, voto 6,5: leader offensivo della squadra di Zidane, il francese gioca una partita di grande qualità, abbassandosi e cercando di creare spazi. I suoi compagni offensivi, tuttavia, non lo aiutano e lui stesso non è freddo come vorrebbe.

Vinicius Jr., voto 6: come per Mendy, non è il Vinicius dell’andata. Ma non è questo che serve a Zidane per passare il turno: encomiabili alcuni suoi ripiegamenti difensivi. (Dal 72′ Rodrygo, voto 6: il brasliano gioca 20 minuti di buon livello).

liverpool real madrid
FOTO – Twitter Real Madrid

Zidane, voto 7: sia chiaro, il suo Real non gioca una bella partita. Eppure, a cosa sarebbe servito? Con una gara di grandissima esperienza, i blancos ottengono il passaggio alle semifinali e dimostrano di aver completamente dimenticato la prima parte di stagione.

LEGGI ANCHE: Calciatori venduti e ricomprati: da Piqué a Kean