HomeCalcio EsteroIl precario diventato insostituibile: chi è Ole Gunnar Solskjaer

Il precario diventato insostituibile: chi è Ole Gunnar Solskjaer

Arrivato come traghettatore, Ole Gunnar Solskjaer ha conquistato la fiducia di un ambiente complicato come quello del Manchester United. E ora vuole vincere l’Europa League

Roma-Manchester United sarà una delle due semifinali di Europa League. Il manager dei Red Devils, Ole Gunnar Solskjaer, nell’immediato postpartita del quarto di finale vinto contro il Granada, ha così voluto commentare l’affascinante accoppiamento con i giallorossi, mostrando un profondo rispetto per l’avversario che divide i suoi ragazzi dall’ultimo atto del torneo.

LEGGI ANCHE: Chi è Gonzalo Bustos, il 2004 che ha stregato l’Inter

“Non vediamo l’ora di giocare – ha detto Solskjaer – sarà sicuramente una sfida equilibrata, perché la Roma è un club con una tradizione storica. Abbiamo già fatto bene contro squadre italiane in passato e vogliamo assolutamente qualificarsi per la finale: finire la stagione con un trofeo sarebbe straordinario”.

LEGGI ANCHE: Maignan, il portiere del Lille che guarda all’Europeo (e al Milan)

solskjaer
Fonte immagine: @STOCALCIO1 (Twitter)

Roma-Manchester United, la sfida degli ex

Inoltre, Solskjaer si è soffermato anche sulle sfide nella sfida, che vedranno due ex calciatori del Manchester United affrontare il loro recente passato: “Conosciamo bene sia Smalling che Mkhitaryan – ha dichiarato il manager norvegese – due calciatori che ho allenato e che renderanno il contesto un incrocio degno delle semifinali”.

LEGGI ANCHE: Cosa c’è da sapere sul nuovo bando per i diritti tv di Serie B

Chris Smalling ha militato nei Red Devils per ben nove anni, ovvero da quando – giovanissimo – il club lo ha acquistato dal Fulham per poi trasformarlo in uno dei difensori con più presenze della storia recente della squadra. Nel 2019, a fine mercato estivo, Petrachi lo portò alla Roma con i giallorossi che, successivamente, lo hanno riscattato per 15 milioni di euro.

LEGGI ANCHE: Mkhitaryan faro della Roma: i motivi dell’esplosione dell’armeno

Henrikh Mkhitaryan, invece, al Manchester United ci ha passato dal 2016 al 2018 senza però lasciare grandi tracce. Arrivato dal Borussia Dortmund, è stato poi inserito nello scambio con l’Arsenal per Alexis Sanchez, prima di lasciare l’Inghilterra a parametro zero per accasarsi nella Capitale. Peraltro, l’armeno in Italia ha trovato una seconda giovinezza, grazie proprio al grande lavoro di Paulo Fonseca.

LEGGI ANCHE: Come sarà la quarta maglia dell’Inter?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ole Gunnar Solskjær (@solskjaerutd)

Solskjaer, futuro ai Red Devils

Contrariamente ai due calciatori, il Manchester United non rappresenta affatto una meta di passaggio per Solskjaer, arrivato al club in un momento molto delicato – post van Gaal e Mourinho – ma capace, grazie al lavoro quotidiano, di allontanare critiche e dubbi, guadagnandosi un rinnovo contrattuale meritato (deve solo essere ufficializzato) e la fiducia di un ambiente inizialmente freddo.

LEGGI ANCHE: Dieci talenti non italiani da seguire all’Europeo Under 21

Al norvegese è legato uno dei momenti più felici della storia della società inglese, visto il gol che risolse una clamorosa finale di Champions League contro il Bayern, ma la ricostruzione della squadra nel post Ferguson non è stata affatto facile. Oggi, il suo Manchester United gioca un calcio propositivo e punta forte su alcuni giovani del settore giovanile – tipo Mason Greenwood – decisamente importanti, sui quali Solskjaer ha fatto un lavoro perfetto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ole Gunnar Solskjær (@solskjaerutd)

Il futuro è quindi sulla sponda rossa cittadina, per ora fino al 2022, certo, ma a breve il matrimonio verrà prolungato in modo tale da dare anche un segnale di continuità all’ambiente. Unico neo, da ex tecnico del Molde non è stato celere a segnalare un giovane Erling Haaland alla dirigenza inglese, questo sì un clamoroso buco nell’acqua che non doveva succedere.

LEGGI ANCHE: Bruno Fernandes si è preso il Manchester United

Per il resto, a parte un periodi di incertezza per un contenzioso proprio con il club norvegese che avrebbe potuto portare a una squalifica, l’impressione è che il Manchester United sia l’ideale per Solskjaer. E viceversa.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti