HomeNotizieCosa c'è da sapere sul nuovo bando per i diritti tv di...

Cosa c’è da sapere sul nuovo bando per i diritti tv di Serie B

Le prossime settimane saranno fondamentali per l’assegnazione dei diritti tv Serie B, che per la prima volta non verranno ceduti in esclusiva

LEGGI ANCHE: Serie A, perché sette club chiedono le dimissioni del presidente Dal Pino

La Lega Serie B ha reso pubblico il bando per l’assegnazione dei diritti televisivi in vista del triennio che partirà dalla stagione 2020/21 e terminerà nella 2023/24. I diritti tv Serie B a oggi non sono ancora stati assegnati, né se n’era tantomeno cominciato a parlarne. Invece, nelle ultime ore, parallelamente al bando sono state rese note alcune novità interessanti.

Cosa prevede il nuovo bando per i diritti tv Serie B

Il nuovo bando per i diritti tv Serie B prevede in primis due pacchetti differenti, il primo destinato a essere ceduto al digitale terrestre e o al satellite e il secondo destinato esclusivamente allo streaming, quindi sostanzialmente riservato alle OTT già presenti sul mercato italiano. Le offerte potranno essere quindi presentate alla Lega, che da qui al 15 giugno deciderà come e dove piazzare il campionato per i prossimi tre anni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lega B (@legab)

La novità riguarda la non esclusività della vendita, nel senso che – qualora arrivassero offerte ritenute soddisfacenti – i diritti tv Serie B potrebbero essere piazzati a due piattaforme diverse, con l’unico paletto insindacabile riguardante il fatto che, le due eventuali vincitrici del bando, non trasmettano tramite la stessa tecnologia.

LEGGI ANCHE: DaznGate: cosa sta succedendo tra Dazn, Comcast e la Serie A

Ergo, se il prossimo triennio di Serie B dovesse vedersi su più piattaforme, di certo un sarà satellitare o digitale, mentre la seconda per forza via internet. Nello scorso triennio la Lega incassò 24 milioni di euro complessivi, quindi l’obiettivo minimo sarà almeno quello di superare tale cifra. Proprio in tal direzione va quindi letta l’apertura a più acquirenti.

LEGGI ANCHE: Dazn, pronto un altro colpo? È in arrivo l’Europa League

Dove vedremo la prossima Serie B

È ancora presto per pronosticare dove vedremo il prossimo triennio di Serie B, di certo però c’è che tutte le parti in causa hanno la convenienza ad acquistare il prodotto, per quanto non sia di primissimo livello. Persa la Serie A, Sky potrebbe implementare la propria offerta calcistica assicurandosi, tramite l’acquisizione dei diritti tv Serie B, il campionato cadetto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lega B (@legab)

Dazn, viceversa, con l’eventuale acquisto completerebbe una proposta di primissimo livello, ma per la parte streaming potrebbe inserirsi anche Eleven Sport, che in queste ultime stagioni ha trasmesso – non senza problemi di carattere tecnico – la Serie C.

LEGGI ANCHE: Diritti tv Serie A 2021-2024: tutto il campionato a Dazn

Sia il pacchetto 1 che il 2 verranno battuti partendo da una base di 16 milioni di euro, che scendono a 12 in caso di doppia offerta, 10 in caso di tripla e 8 se i soggetti interessati dovessero essere quattro o più. La partita è aperta più che mai, in attesa di capire anche la composizione del prossimo campionato che, al via, potrebbe vedere anche qualche squadra di livello superiore come Cagliari, Torino, Parma e Fiorentina.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti