L’imbattibile Sheriff arriva a San Siro: perché all’Inter serve un’impresa

Lo Sheriff Tiraspol è la sorpresa della Champions League, ma in numeri rivelano che il rendimento dei moldavi è stato eccezionale in tutte le competizioni. Come si battono?

Leggi anche | Sheriff Tiraspol in Champions: il club dello Stato che non c’è

Nessuno lo avrebbe mai detto, prima dell’inizio dei gironi, ma Inter Sheriff Tiraspol richiederà un’impresa ai nerazzurri. La squadra moldava (o transnistriana, a seconda di come la vedete) è la sorpresa della Champions League, prima nel girone dopo aver battuto sia Shakhtar Donetsk che Real Madrid, ma è anche una squadra che non sa perdere.

Dura infatti da più di 4 mesi l’imbattibilità dello Sheriff tra tutte le competizioni, una delle strisce più lunghe tra i club impegnati anche nella massima coppa europea, che diventa ancora più sensazionale se pensiamo che questa sarebbe dovuta essere una delle squadre più deboli del torneo.

Gli imbattibili dello Sheriff Tiraspol

Leggi anche | Stipendi Sheriff: quanto vale il monte ingaggi del club di Tiraspol

Le due vittorie in Champions sono senza dubbio clamorose: quella netta del 15 settembre, in casa contro lo Shakhtar, era difficilmente preventivabile, ma quella del 28 al Bernabeu era invece inimmaginabile. Se aggiungete a questo quadro il fatto che lo Sheriff ha conquistato 19 delle ultime 21 edizioni del campionato moldavo, è facile rendersi conto di come possa aver realizzato una simile striscia positiva.

Quattro mesi, perché la Divizia Nationala incomincia a luglio, per un totale di 19 partite complessive, tra campionato preliminari e gironi di Champions League: 16 vittorie e 3 pareggi, che hanno permesso ai ragazzi di Jurij Vernydub di avere la meglio non solo di Shakhtar e Real Madrid, ma anche di Stella Rossa e Dinamo Zagabria. In totale, i moldavi hanno messo a segno in questo periodo 50 reti subendone appena 6.

Leggi anche | L’incredibile statistica delle prime due partite di Champions dello Sheriff

Numeri impressionati, che il basso livello del campionato nazionale ridimensiona solo di poco. Infatti, se consideriamo tutta l’esperienza dello Sheriff Tiraspol in questa edizione della Champions, il club ha vinto 8 partite su 10, pareggiandone 2 e senza perderne nessuna. A livello di reti, ne ha realizzate 18 e ne ha incassate appena 2.

Iscriviti al nostro canale YOUTUBE

Come si batte lo Sheriff?

Impossibile, a questo punto sottovalutare consapevolmente il club moldavo, anche quando sei l’Inter. Simone Inzaghi si starà domandando come fare, al di là dei meri valori “sulla carta” a sconfiggere l’imbattile Sheriff Tiraspol. Per adesso, l’unico indizio, può darlo Igor Rakhaev.

Leggi anche | Quanti Adama Traoré ci sono nel calcio?

È ucraino, ha 48 anni e si è formato al Metalist Karkhiv, di cui è stato prima giocatore e poi, tra il 2006 e il 2015, allenatore a vari livelli, partendo dalle riserve e arrivando fino alla prima squadra. Nel febbraio 2020, Rakhaev è divenuto tecnico del FC Balti, con cui è riuscito a ottenere la promozione in prima divisione moldava al termine del campionato 2020/2021. E lo scorso 1° luglio, all’esordio del campionato, ha inflitto una sorprendente sconfitta allo Sheriff, espugnando Tiraspol per 1-0.

Un’impresa storica, dato che i rivali dell’Inter di stasera prima di quella volta non perdevano in campionato dal novembre 2020, e l’ultima sconfitta in casa nel torneo nazionale risaliva addirittura al 7 aprile 2019 contro il Milsami.

Leggi anche | Champions League, non solo Sheriff: le altre vittorie clamorose

Il FC Balti scese in campo con un 4-5-1 tutto difesa e contropiede, arrivando a colpire lo Sheriff con una ripartenza al 19° minuto, quando un bel passaggio in verticale dalla sinistra colse impreparata la retroguardia transnistriana, mettendo il 21enne nigeriano Emmanuel Alaribe in condizione di tirare e, grazie a una deviazione, trovare la rete del vantaggio.

Seguirono diversi minuti di assalto Sheriff, infrantosi contro le maglie della difesa del Balti e le parate magistrali di Artur Nazarciuc. Se tutto ciò potrà essere d’ispirazione a Simone Inzaghi è difficile a dirsi, ma se non altro potrebbe aggiungere ulteriore motivazione all’Inter per la sfida già decisiva di questa sera: una vittoria sarebbe senza dubbio un successo storico, e meno scontato di quanto avremmo detto solo un mese fa.

Leggi anche | Dove vedere Inter-Sheriff di Champions League in tv e streaming

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI