Quanti Adama Traoré ci sono nel calcio?

Adama Traoré è stato l’eroe del mercoledì di Champions dello Sheriff Tiraspol, decisivo nella vittoria all’esordio, ma non è il primo calciatore internazionale con quel nome. Chi sono gli altri?

Leggi anche | Perché Donnarumma sta facendo panchina al PSG

Uno dei colpi a sorpresa di questo inizio dei gironi di Champions League lo ha fatto registrare lo Sheriff Tiraspol, discussa squadra moldava all’esordio assoluto nella competizione, capace di battere un club molto quotato come lo Shakhtare Donetsk.

Ad aprire le marcature è stato Adama Traoré, ala mancina arrivata a Tiraspol lo scorso febbraio, e a sentire il suo nome qualcuno potrebbe aver storto il naso: “Ma cosa ci fa lì? Non giocava in Inghilterra?” o “Ma gioca ancora alla sua età?”. Ebbene, reggetevi forte: nel calcio ci sono stati diversi Adama Traoré. Ecco i più noti (finora, almeno).

Adama Traoré, quello dello Sheriff Tiraspol

Leggi anche | Sheriff Tiraspol in Champions: il club dello Stato che non c’è

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FC SHERIFF | ФК ШЕРИФ (@fc_sheriff)

Nato nel 1995 a Bamako, in Mali, questo Adama Traoré è uno dei personaggi del momento nel calcio europeo. Non solo per il suo gol storico contro lo Shakhtar, ma anche perché si tratta del primo Adama Traoré ad aver segnato un gol in questa fase della Champions League.

La sua carriera ha iniziato a decollare quando, nel 2014, ha lasciato il Mali per i congolesi del Mazembre, uno dei più noti club africani, da cui poi ha fatto il salto in Europa. Nel 2018 è stato acquistato dal Metz, dove però ha sempre faticato a trovare spazio, andando in prestito prima al piccolo Orleans e poi ai sauditi dell’Al-Adalah. Fino a che, a inizio 2021, non è passato allo Sheriff Tiraspol.

Adama Traoré, quello più famoso

Leggi anche | I migliori calciatori d’Europa, per caratteristiche

Chiunque segua la Premier League sa che Adama Traoré è uno degli attaccanti più forti del torneo: gioca al Wolverhampton dal 2018, e in precedenza ha vestito le maglie di Middlesbrough e Aston Villa, che lo aveva acquistato dalle giovanili del Barcellona. È infatti nato in Catalogna nel 1996 da una famiglia di immigrati maliani, anche se rappresenta la Spagna (8 partite per lui con le Furie Rosse).

Ai tempi dei blaugrana aveva anche fatto un esordio giovanissimo con il Barça per volontà del Tata Martino, che lo mise in campo prima in Liga e poi, pochi giorni dopo, in Champions contro l’Ajax, sostituendo Fabregas ma piazzandosi all’ala destra. Quella è stata però anche la sua unica presenza in coppa.

Adama Traoré, il più esperto

Leggi anche | In Svizzera per riprendersi l’Inter: Sebastiano Esposito incanta Basilea

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FC Basel 1893 -fanpage FCBasel (@baselfc1893)

Il più esperto degli Adama Traoré, non solo in termini d’età ma anche di presenze in Champions League, è anche l’unico non di origine maliana: è infatti nato nel 1990 in Costa d’Avorio, nazione che ha rappresentato in 13 occasioni, sebbene sia cresciuto in Australia. Terzino sinistro, ha iniziato a giocare nel paese oceaniano con Gold Coast United e Melbourn Victory, prima di passare ai portoghesi del Vitoria Guimarães.

Nel gennaio 2015 si è trasferito al Basilea, dove è divenuto presto titolare, arrivando a giocare ben 6 incontri di Champions League nell’edizione 2016/2017. Successivamente ha vissuto due stagioni in Turchia nel Goztepe, dopo le quali è tornato in Australia, dove tutt’ora è impiegato con la maglia del Western Sydney.

Adama Traoré, il quasi-sosia

Leggi anche | Perché il Monaco sarà la rivale del PSG nella prossima Ligue 1

Il quarto e ultimo degli Adama Traoré di fama internazionale ha un che di già visto: nato nel 1995 a Bamako, in Mali, alto 178 centimetri e mancino di piede, sarebbe la copia sputata dell’attaccante dello Sheriff, se non fosse per il fatto che è un centrale di centrocampo. E da ragazzo era pure stato una promessa: dal Mali, nel 2014 venne acquistato dal Lille e, dopo un’ottima stagione in Ligue 1, acquistato dal Monaco per 14 milioni di euro.

Con il club del Principato esordì anche in Champions League, giocando 20 minuti contro il Leverkusen nel dicembre 2016. Purtroppo per lui, non convinse mai del tutto e iniziò a girare in prestito (cogliendo un’altra ventina di minuti in Champions nel settembre 2018, sempre al Monaco e contro l’Atletico Madrid). Un anno fa ha lasciato la Francia per trasferirsi nella Super Lig turca, per giocare nell’Hatayspor.

Leggi anche | Coppa d’Africa 2022, i possibili effetti sulla Serie A

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!