HomeCalcio EsteroEuropaChi è Sandi Lovric, lo sloveno che ha affondato la Croazia

Chi è Sandi Lovric, lo sloveno che ha affondato la Croazia

Sandi Lovric, sloveno di origine croata, ha messo a segno la rete decisiva della Slovenia contro la Croazia. Centrocampista del Lugano un tempo vicino alla Serie A, potrebbe essere uno dei giocatori da seguire nelle qualificazioni

LEGGI ANCHE: Infinito Burak Yilmaz: nella stagione d’oro al Lille anche una tripletta all’Olanda

I derby delle nazionali balcaniche non sono mai derby come tutti gli altri: frizioni e dissapori centenari covano sotto la sottile patina del match sportivo. Slovenia – Croazia non ha magari il livello di tensione che può esserci in un Serbia – Kosovo, ma è comunque una sfida tra due delle prime nazioni a dare il via alla dissoluzione della Jugoslavia all’inizio degli anni Novanta.

LEGGI ANCHE: La Roma guarda in Portogallo per il post Fonseca

LEGGI ANCHE: La stagione di Deloufeu finora non è stata un granché

Ed è anche una delle partite che ieri sera hanno aperto le qualificazioni UEFA ai Mondiali del 2022. Il risultato, a sorpresa, ha visto i vicecampioni del mondo in carica cadere 1-0 in Slovenia, sotto un gol di un ragazzo promettente che racchiude nella sua storia le complessità dei rapporti tra questi due paesi, Sandi Lovric.

Sloveno e croato

LEGGI ANCHE: La Repubblica Ceca punta con forza a Qatar 2022

Sulla sua carta d’identità, Lovric ha scritto come luogo di nascita Lienz, in Austria, come tanti ragazzi balcanici nati negli anni Novanta, e infatti la sua prima selezione è stata quella dell’Austria: a livello giovanile, ha rappresentato la nazionale di Vienna tra il 2013 e il 2019, prima di optare per la Slovenia.

Un’opzione curiosa, visto che Lovric è figlio di croati: i suoi genitori emigrarono in Slovenia prima della sua nascita in cerca di lavoro, e da lì successivamente si mossero verso la più ricca Austria, dove si stabilirono definitivamente. Lo stesso giocatore ha dichiarato di parlare fluentemente il croato, oltre al tedesco; ma parte della sua vita l’ha trascorsa in Slovenia, dove i genitori avevano ancora dei legami e dove di frequente la famiglia andava in vacanza.

LEGGI ANCHE: Italia, lutto al braccio contro l’Irlanda del Nord per ricordare cinque grandi campioni

Una storia non troppo diversa da quella del suo compagno di Nazionale Josip Ilicic, nato in Bosnia da una famiglia di origine croata e cresciuto poi in Slovenia. Oggi Ilicic gioca all’Atalanta, e anche Lovric è stato nel mirino di club italiani, venendo osservato già negli anni scorsi da Juventus, Inter e soprattutto Bologna.

Lovric, un centrocampista in attesa di consacrazione

Il gol alla Croazia, arrivato con un bel tiro dal limite dell’area, può accendere i riflettori su questo centrocampista classe 1998, in possesso di un discreto talento ma anche in cerca della sua occasione per farsi notare da club più blasonati.

LEGGI ANCHE: Perché il Qatar giocherà le qualificazioni mondiali in Europa

Mediano o trequartista elegante e specializzato nei passaggi a tutto campo, è cresciuto allo Sturm Graz, con la cui maglia nel 2015, a soli 16 anni, aveva attirato l’interesse di Inter e Juventus. La sua crescita in Austria non è stata convincente come ci si poteva aspettare all’inizio, e così nel 2019 Lovric ha deciso di non rinnovare il proprio contratto, rendendosi disponibile a parametro zero. Fu in quel momento che il Bologna pensò di portarlo in Italia, ma l’affare non si concluse, e lo sloveno ripiegò sul più modesto Lugano.

Lovric, tra Lugano e Lubiana

Il club svizzero non è certamente la vetrina migliore a livello europeo, ma Sandi Lovric ha decisamente alzato il livello generale della squadra, in particolare grazie al suo modo di condurre il gioco e di servire passaggi decisivi ai compagni (14 assist tra la scorsa stagione quella attuale). Grazie a lui, il Lugano si trova al terzo posto in classifica, che consentirebbe l’accesso ai preliminari di Europa League.

LEGGI ANCHE: Qualificazioni mondiali 2022 UEFA: squadre, gironi e regolamento

Lovric fa parte del nuovo corso della Slovenia del ct Matjaz Kek, che dopo il fallimento delle qualificazioni agli Europei ha aggiunto nuovi nomi alla rosa della Nazionale (oltre a lui, anche Petrovic del Rapid Vienna, Gnezda Cerin del Rijeka e Kramer dello Zurigo).

E il primo risultato importante, firmato proprio da Lovric, si è già visto: la Slovenia ha sconfitto l’avversaria più temibile del girone, e sabato affronterà la Russia. Le altre rivali in vista di Qatar 2022 saranno le abbordabilissime Cipro e Malta, e poi la Slovacchia, ieri bloccata a Cipro sullo 0-0.

LEGGI ANCHE: Chi è Mukairu, stellina nigeriana che piace a Milan e Roma

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti