HomeCalcio EsteroChi è Mukairu, stellina nigeriana che piace a Milan e Roma

Chi è Mukairu, stellina nigeriana che piace a Milan e Roma

Milan e Roma sondano la nuova stella del calcio nigeriano Paul Mukairu, classe 2000 di proprietà dell’Antalyaspor

Una delle sorprese del massimo campionato belga si chiama Paul Mukairu, ha 21 anni e, secondo le ultime indiscrezioni, su di lui avrebbero messo gli occhi Roma e Milan. I giallorosso starebbero cercando un esterno offensivo giovane da inserire all’interno delle rotazioni di rosa, mentre i rossoneri – soddisfatti dall’affare Hauge, concluso subito dopo aver sfidato il Bodo Glimt ai preliminari di Europa League – avrebbero deciso di perfezionare un affare molto simile a quello del norvegese.

LEGGI ANCHE: Partite di oggi in tv: a che ora e dove vedere

Mukairu, nonostante la giovanissima età e il fatto che stia giocando la sua seconda stagione a livello professionistico, piace a mezza Europa: la stampa belga ha infatti riferito di interessi vari, tra i quali spiccano quelli di Ajax, PSV e Bayer Leverkusen. A gennaio, il calciatore era stato già cercato da entrambi i club italiani, che si sono visti respingere indietro un’offerta da circa 4,5 milioni di euro.

LEGGI ANCHE: Hauge e gli altri bomber norvegesi del Milan

Mica pochi per un classe 2000, dalle qualità indubbie ma pur sempre un punto interrogativo, soprattutto per quanto riguarda un suo eventuale adattamento alla Serie A. Eppure, Mukairu quest’anno sta facendo grandi cose nel reparto avanzato dell’Anderlecht, club che l’estate scorsa lo aveva prelevato in prestito dall’Antalyaspor, società turca capace di scovarlo giovanissimo in Nigeria.

LEGGI ANCHE: La Roma guarda in Portogallo per il post Fonseca

LEGGI ANCHE: La stagione di Deloufeu finora non è stata un granché

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Paulmukairu12 (@paulmukairu12)

Infatti, Mukairu arriva proprio dal cuore dell’Africa Nera, perché quando i turchi sono andati a prenderlo lui era la stella dell’Heart Academy FC, un’accademia locale che lavora a stretto contatto con i giovani talenti affiancando loro una formazione scolastica parallelamente a quella sportiva. Da Kano sono partiti in tanti alla volta dell’Europa e così Mukairu, originario di Abuja, non ha esitato quando dalla Super Lig è arrivata l’offerta di trasferimento.

LEGGI ANCHE: Chi è Hauge, l’ala che ha incantato il Milan

Con l’Antalyaspor ha esordito due stagioni fa e nella scorsa si è imposto come uno degli esterni più impattanti del campionato, chiudendo con 3 gol segnati e una serie di giocate che hanno fatto invaghire i biancomalva. A Bruxelles, invece, si è ritagliato sin da subito uno spazio importante, superando il record personale di reti stagionali e conquistandosi l’attenzione di Gernot Rohr, attuale commissario tecnico delle Green Eagles.

Chi è Mukairu, caratteristiche tecniche e ruolo

Destro naturale, Mukairu ama partire largo da sinistra per potersi accentrare e sfruttare un buon tiro dalla media distanza o, in alternativa, tentare l’ultimo passaggio. Nell’Anderlecht viene infatti impiegato principalmente in quella posizione, con ottimi risultati. Dopo un inizio di ambientamento, di recente ha sempre giocato titolare e, a fine stagione, tornerà in Turchia per fine prestito.

LEGGI ANCHE: Ljajic, Ghezzal, Aboubakar: il Besiktas primo con le ex-promesse in cerca di riscatto

Buon fisico, rapido nelle movenze e bravo a puntare la profondità, il nigeriano è un profilo abbastanza completo che, dalla sua, ha anche l’età. Infatti, se da centrocampo in su è talvolta già decisivo, senza palla deve apprendere ancora molte nozioni, cosa che un allenatore formatore può aiutarlo a fare. Il prezzo del cartellino si aggira sui 6 milioni di euro, una scommessa che Milan e Roma potrebbero permettersi di fare, in attesa di capire il livello di un ragazzo che promette molto bene.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti