HomeSerie AQuale ruolo ricopriva Maurizio Lombardo alla Juventus

Quale ruolo ricopriva Maurizio Lombardo alla Juventus

La Roma potrebbe allargare il suo organigramma con Maurizio Lombardo, reduce da un’esperienza decennale alla Juventus: ecco il ruolo che ricopriva in bianconero

La Roma targata Tiago Pinto sta prendendo forma. Il nuovo direttore generale giallorosso, operativo a partire dal gennaio del 2021, sta avviando una serie di contatti con l’obiettivo di far crescere il club da tutti i punti di vista. Nei giorni scorsi ha parlato con Francesco Totti, che con la sua società di consulenza gestisce un paio di talento del vivaio romanista. Un dialogo molto costruttivo, che un giorno potrebbe diventare più stretto.

LEGGI ANCHE: Chi è Tiago Pinto, il nuovo direttore generale della Roma

Si tratta al momento di un’ipotesi suggestiva, mentre è decisamente più concreto l’imminente ingaggio di Maurizio Lombardo, dirigente che nell’ottobre del 2020 ha interrotto un rapporto con la Juventus che durava da quasi dieci anni. Certamente non un dirigente così conosciuto dal grande pubblico, ma che può evitare uscite a vuoto che sono costate care alla Roma in questa stagione.

Lombardo
Fonte: @JuventusFC (Twitter)

LEGGI ANCHE: Perché il Milan vuole riportare Pessina in rossonero

Lombardo alla Roma: quale sarà il suo ruolo

La posizione per cui è stata contattato Maurizio Lombardo è quella di segretario sportivo. Si tratta del ruolo ricoperto ad inizio anno nella Roma da Pantaleo Longo, il protagonista in negativo della vicenda Diawara che ha portato il club a perdere per 3-0 a tavolino contro l’Hellas Verona. In seguito al licenziamento di Longo, quel ruolo è rimasto vacante e le conseguenze non sono state certo positive.

LEGGI ANCHE: Hellas Verona-Roma, perché è arrivata la sconfitta a tavolino

Dopo qualche mese di quiete, la Roma è andata incontro ad un’altra gaffe per aver operato sei cambi nel corso della sfida di Coppa Italia contro lo Spezia. Un errore inaccettabile per un club blasonato come quello giallorosso, che il nuovo dirigente Tiago Pinto non vuole più vedere. Ecco perché si è rivolto a Lombardo, con l’obiettivo di trovare una figura in grado di svolgere queste mansioni burocratiche e conoscere i regolamenti fino all’ultima postilla. Le parti si sono piaciute al primo incontro e, nei prossimi giorni, dovrebbe esserci la fumata bianca o nera.

LEGGI ANCHE: Partite di oggi in tv: a che ora e dove vedere

Maurizio Lombardo alla Juventus: dai contratti al caso Suarez

Avendo appurato l’importanza di coprire questo ruolo, la domanda sorge spontanea: perché Tiago Pinto si è rivolto proprio a Maurizio Lombardo? Certamente il suo curriculum parla chiaro visto che, a partire dalla stagione 2011/12, è entrato a far parte della dirigenza della Juventus. Un elemento meno in vista rispetto ai vari Beppe Marotta, Fabio Paratici e Pavel Nedved, ma comunque importante in questi nove anni di successi bianconeri.

LEGGI ANCHE: Calciatori positivi Serie A | la lista | i contagi

Nel suo ruolo di segretario generale, Lombardo si occupava principalmente dei contratti dei giocatori. Una sorta di figura a metà tra Paratici (direttore sportivo) e Stefano Bertola (Chief Financial Officier). Un compito svolto evidentemente nel modo migliore, per meritarsi la conferma in un club vincente come la Juventus per nove stagioni consecutive. Gli ultimi mesi di Lombardo a Torino sono stati turbolenti, per via del suo coinvolgimento nella vicenda Suarez.

LEGGI ANCHE: Come la Juventus è diventata un brand internazionale

Un caso certamente spinoso che, unito alla volontà del patron Andrea Agnelli di snellire la dirigenza, ha portato alla separazione tra le parti. Lombardo però potrebbe avere presto una nuova occasione, portando alla Roma la competenza maturata in nove ani di Juve ed evitando le gaffe degli ultimi mesi.

LEGGI ANCHE: Chi è Jahkeele Marshall-Rutty, baby fenomeno nel mirino della Juventus

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Avatar
Paolo Lora Lamia
Classe ’92, ho la vocazione del giornalismo sportivo fin dall’adolescenza. Adoro il calcio, la sua storia e una narrazione sportiva tesa ad emozionare più che a creare polemiche. Giornalista pubblicista dal 2019, cofondatore di Mondoprimavera.com, collaboratore presso Gruppo GEDI e La Giovane Italia e opinionista sportivo per Toscana TV. Ho un debole per il calcio inglese (e per il Liverpool in particolare).

Articoli recenti