HomeCalciomercatoChi è Jahkeele Marshall-Rutty, baby fenomeno nel mirino della Juventus

Chi è Jahkeele Marshall-Rutty, baby fenomeno nel mirino della Juventus

La Juventus sta cercando di anticipare altre big d’Europa per assicurarsi Jahkeele Marshall-Rutty, esterno offensivo classe 2004: conosciamo meglio la stellina del calcio canadese

Pensare al futuro, anticipare le rivali nei tempi delle proprie azioni e non smettere mai di crescere: sono questi passaggi obbligatori per primeggiare nel calcio moderno, in continua evoluzione. Per riuscire in questo intento, è importante impostare progetti a lungo termine anche dal punto di vista degli acquisti. Sta agendo in questa maniera la Juventus, vogliosa di assicurarsi un futuro all’altezza del suo radioso presente.

LEGGI ANCHE: Agente Koopmeiners, l’intervista a Minutidirecupero

Oltre a pensare ad eventuali rinforzi da regalare al tecnico Andrea Pirlo in estate, i bianconeri si stanno già portando avanti col lavoro anche per le successive sessioni di mercato. Piace infatti un talento che per il momento non può lasciare il suo paese d’origine, ma che sta già scatenando un’asta europea per via delle sue indubbie qualità. Si tratta di Jahkeele Marshall-Rutty, astro nascente made in Canada.

Marshall-Rutty
Fonte: @jahkeele.marshall (Instagram)

Talento cristallino e precoce

Marshall-Rutty nasce il 16 giugno del 2004 e non ci mette molto ad attirare l’attenzione di tifosi e addetti ai lavori. A 14 anni, infatti, firma per la seconda squadra del Toronto diventando il giocatore più giovane ad entrare nel mondo dei professionisti. Un anno più tardi raggiunge la prima squadra, centrando un altro record da aggiungere al suo curriculum (mai nessuno ci era riuscito a 15 anni).

LEGGI ANCHE: L’impresa dello Slavia Praga ha fatto il giro d’Europa

I primati proseguono a ritmo incessante, nella carriera di un ragazzo che pare avere i crismi del predestinato nel mondo del calcio. A 16 anni Marshall-Rutty debutta in MLS, in occasione della sfida contro i Philadelphia Union. Una giornata da dimenticare a livello di squadra (il Toronto viene sconfitto 5-0), ma indimenticabile per il classe 2004 (che diventa il più giovane debuttante nella storia della MLS).

LEGGI ANCHE: Cos’è il citomegalovirus che ha contratto Morata

Nel gennaio 2021 arriva anche la prima convocazione perla Nazionale canadese. Una chiamata decisamente precoce, che permette a Marshall-Rutty di superare un connazionale esploso presto e che attualmente è protagonista in Europa: Alphonso Davies, terzino del Bayern Monaco. Una collezione straordinaria di record che, unita alle sue prestazioni, rende il classe 2004 un talento estremamente apprezzato anche al di là dell’oceano.

Tre big d’Europa su di lui, ma per ora resta a Toronto

Mentre Marshall-Rutty sta strabiliando il pubblico americano, in Europa cominciano a fioccare le pretendenti. Come già anticipato tra queste figura la Juventus, con gli osservatori bianconeri che da tempo seguono la crescita di questo ragazzo. Oltre al club di Andrea a Agnelli ci sono in lizza il Bayern Monaco (che potrebbe fare leva sulla presenza in rosa del connazionale Davies) e il Manchester City di Guardiola, sempre pronto a forgiare nuovi talenti.

LEGGI ANCHE: Abbiamo finalmente una data per Juventus Napoli

Al di là di chi la spunterà in quest’asta di mercato, l’arrivo in Europa di Marshall-Rutty non sarà a breve. Il talento canadese deve infatti compiere 18 anni prima di poter lasciare il suo paese d’origine. Mancano ancora due anni al suo arrivo nel grande calcio, ma già nei prossimi mesi la Juventus (o una delle altre due squadre interessate a lui) potrebbe prenotarlo in vista del suo raggiungimento della maggiore età.

LEGGI ANCHE: Infortunio Chiellini | quando rientra | tempi di recupero

Dove giocherebbe Marshal-Rutty nella Juventus

Marshall-Rutty ricopre il ruolo di esterno offensivo, che interpreta mettendo a disposizione della squadra tecnica e velocità a non finire. Doti a cui si aggiunge una personalità da veterano, che giustifica la sua precoce chiamata tanto in MLS quanto in Nazionale.

LEGGI ANCHE: Renato Tapia, la Juventus guarda al peruviano del Celta per la mediana

Vista la sua forzata permanenza in Canada fino ai 18 anni, è piuttosto superfluo collocarlo nella Juventus attuale. Certamente può rappresentare uno dei punti di forza del nuovo corso bianconero, dato che il club di Andrea Agnelli sta ringiovanendo l’organico stagione dopo stagione per continuare il suo percorso di vittorie.

LEGGI ANCHE: Quale ruolo ricopriva Maurizio Lombardo alla Juventus

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Avatar
Paolo Lora Lamia
Classe ’92, ho la vocazione del giornalismo sportivo fin dall’adolescenza. Adoro il calcio, la sua storia e una narrazione sportiva tesa ad emozionare più che a creare polemiche. Giornalista pubblicista dal 2019, cofondatore di Mondoprimavera.com, collaboratore presso Gruppo GEDI e La Giovane Italia e opinionista sportivo per Toscana TV. Ho un debole per il calcio inglese (e per il Liverpool in particolare).

Articoli recenti