HomeCalcio EsteroLuke Shaw è il terzino più forte della Premier League?

Luke Shaw è il terzino più forte della Premier League?

Luke Shaw è il terzino più forte della Premier League? In Inghilterra, dopo la vittoria dello United nel derby di Manchester, si sono scatenati nel tessere le lodi del duello epico vinto contro Cancelo.

LEGGI ANCHE: Infortunio Vidal | quando rientra | tempi di recupero

La vittoria di Solskjaer di domenica scorsa ha necessariamente creato un maremoto di dimensioni inimmaginabili tra i media inglesi: il City arrivava da una striscia di imbattibilità che durava da novembre, lo United, a più di dieci punti di distacco, doveva consolidare il secondo posto in una sfida che sembrava in partenza molto complicata. 

LEGGI ANCHE: Infortunio Demiral | quando rientra | tempi di recupero

Nel piano perfetto del tecnico norvegese, costruito sull’impedire al City di raggiungere quel ritmo a cui è solito creare gioco offensivo, un protagonista ha dato l’impressione di aver vinto il duello con quello che, fino a qualche ora fa, era considerato il miglior terzino della stagione in Premier League. 

Luke Shaw vs Joao Cancelo

La settimana scorsa vi abbiamo parlato di Joao Cancelo e di come questa sia la stagione della sua definitiva consacrazione in maglia Citizens. Grazie ai dettami tecnico-tattici di Guardiola, il terzino portoghese è diventato un vero e proprio pilastro della macchina offensiva del City, raggiungendo l’apice della perfezione nella gara contro il Moenchegladbach negli ottavi di andata in Champions League. 

Guardiola in questa stagione ha scelto le fasce laterali come luogo di perdizione per gli avversari, con i terzini e le ali a scambiarsi continuamente di posizione facendo si che quella porzione di campo diventi appannaggio personale dei giocatori in maglia azzurra. 

Ecco perché la gara di Luke Shaw – e di tutto il Manchester United – ha dell’incredibile, anche in vista della partita con il Milan di giovedì. 

Leggi anche: Manchester United, come gioca l’avversaria del Milan in Europa League

Innanzitutto Shaw ha vinto il duello con Cancelo giocando sulla stessa fascia del portoghese: per il terzino inglese un gol – il suo secondo in Premier in carriera – e una prestazione da difensore “vecchio stile” che bada molto di più alla sostanza che alla forma. 

Così in Inghilterra hanno scritto a più mani della necessità per Southgate di convocare il terzino in Nazionale in vista dell’Europeo di giugno, e di come i 65 minuti di Cancelo all’Ethiad siano stati eclissati da una prestazione magistrale dell’ex Southampton. 

Un infortunio dietro l’altro

Ma l’interesse intorno alla stagione di Luke Shaw, sublimata dalla prestazione nel derby cittadino, è suscitato fondamentalmente per il calvario che questo giocatore ha affrontato nel corso dei suoi sette anni di Premier League. 

Leggi anche: Le condizioni di Paul Pogba in vista della gara contro il Milan

Arrivato allo United nell’estate 2014, nei primi tre anni ha messo insieme solamente 48 presenze (in totale!), facendone registrare 8 nel 2015-16, quando a settembre si ruppe tibia e perone. 

Costretto a saltare tutta la stagione, Luke Shaw tornò agli ordini di Mourinho l’estate successiva, senza però trovare il giusto feeling con l’allenatore portoghese. I motivi, dalla scarsa forma fisica alle diverse scelte nel roster dei Red Devils, portarono Shaw a guardare dalla panchina la maggior parte delle gare della gestione Mourinho (sono 63 le gare saltate in due anni) per poi tornare prepotentemente nelle rotazioni con l’arrivo di Soskjaer. 

Dalla nomina ad allenatore dell’ex attaccante norvegese, Shaw è riuscito – grazie anche al minor numero di infortuni – a giocare 105 gare in due stagioni e mezzo, arrivando nell’attuale a 32 presenze ad inizio marzo. 

Questa evoluzione, figlia di uno sviluppo fisico che finalmente da ragione al classe ’95, lo ha portato a costringere in panchina Alex Telles, arrivato a gennaio per aumentare la profondità della rosa a disposizione di Solskjaer e ora ridotto a un ricambio del terzino inglese. 

Milan, stai attento

Tornando a ciò che interessa il calcio italiano, il Milan dovrà stare attento ad un Luke Shaw in tale spolvero? 

Leggi anche: Infortunio Theo Hernandez | Quando rientra | Tempi di recupero

Sulla fascia di competenza del laterale inglese giocheranno sicuramente Calabria e molto probabilmente Saelemaekers, gli esterni più tatticamente disciplinati della rosa rossonera. Una sicurezza in più, visto il rendimento della corsia di sinistra dello United contro la fascia totalmente offensiva del City nel derby, composta da Mahrez e Cancelo.

L’ennesima sfida nella sfida, in una gara che si preannuncia come spartiacque per la stagione – e il futuro – di entrambe le rose. 

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard!

Simone Mannarino
Simone Mannarino
Classe '94 e laureato in Storia all'Università Statale di Milano, ama il calcio in ogni sua forma ed espressione. Alla costante ricerca di storie da raccontare che permettano di andare oltre ciò che vediamo tutte le domeniche.

Articoli recenti