ladinetti
Fonte: Instagram @riccardo_ladinetti

Figlio di Cagliari, lanciato da Zenga: Riccardo Ladinetti è uno dei nuovi talenti in rampa di lancio del calcio italiano

Giovane, talentuoso e con un contratto in scadenza nel 2021. La prossima grande plusvalenza in casa Cagliari potrebbe essere rappresentata da Riccardo Ladinetti, centrocampista classe 2000 che, proprio sul finire della stagione 2019/20, ha fatto il suo esordio in Serie A. A lanciarlo è stato Walter Zenga, uno che avrà anche qualche difetto, ma sulle potenzialità dei calciatori ha spesso dimostrato di vederci lungo.

I GIOIELLI DELLA LIBERTADORES: QUANTI NOMI IN CHIAVE MERCATO

Nella fattispecie, Ladinetti è stato mandato in campo per la prima volta contro il Sassuolo, giocando 45 minuti in un match aperto da Caputo e pareggiato da Joao Pedro nel finale. Un tempo di grande qualità, nel cuore della manovra sarda, condotta con l’autorità di chi sa che, nonostante la poca esperienza, è consapevole dei propri mezzi. Poi altri 58 minuti sono arrivati contro l’Udinese, da titolare, e 28 nella passerella finale contro il Milan. Totale, 126 minuti giocati. Di qualità.

ARTURO VIDAL, COME GIOCHERÀ NELL’INTER DI CONTE

View this post on Instagram

CALCIOMERCATO! Indipendentemente da quello che sta accadendo per #Torreira, il #Torino valuta un profilo molto interessante da aggiungere al centrocampo: Riccardo #Ladinetti del @cagliaricalcio. Regista puro classe 2000, dopo una straordinaria passata stagione in Primavera ha esordito in Serie A il 18 luglio contro il Sassuolo. Il ragazzo piace tantissimo sia al direttore Vagnati che lo segue da tempo e voleva portarlo a Ferrara che a Massimo Bava, sulle sue tracce da circa tre anni. @riccardo_ladinetti può rappresentare un’ottima scelta come investimento per il futuro e può già risultare utile nelle rotazioni in mezzo al campo con Giampaolo che ha approvato l’eventuale operazione. Solo un anno di contratto rimasto con il club sardo, un milione circa la valutazione. Tutto alla portata per il Toro che continuerà a monitorare la situazione e deciderà se avanzare concretamente. #ForzaToro #TorinoFC #FVCG #SFT

A post shared by Toro Goal (@torogoal_official) on

GODIN E I SUOI FRATELLI: I MIGLIORI URUGUSAYANI DEL CAGLIARI

Una vita per il Cagliari

Numero 35 sulle spalle, un passato a tinte rossoblu e la voglia di fare bene con la squadra della sua città. Potrebbe riassumersi così la prima, brevissima parte di carriera di Riccardo Ladinetti, che sin da bambino sognava di poter esordire in Serie A con la maglia del suo amato Cagliari. Lui nel capoluogo sardo ci è nato e cresciuto, calcisticamente e non, promettendo molto soprattutto a livello giovanile.

MORATA ALLA JUVENTUS: AFFARE O RISCHIO?

Con la Primavera, Ladinetti ha giocato per tre stagioni quasi intere, arrivando a toccare quota 58 presenze complessive, condite da qualche gol e una discreta quantità di assist, chiudendo la stagione con la fascia di capitano al braccio. Il 2020, nonostante mille peripezie extrasportive, è stato il suo anno: prima la convocazione da parte di Zenga, poi la firma sul primo contratto professionistico, attorniato da una marea di aspettative e da una scadenza al 2021.

DRIBBLING, PLAYSTATION E FANTACALCIO: ALLA SCOPERTA DI ZITO LUVUMBO

Riccardo Ladinetti: caratteristiche tecniche

Ladinetti è il classico centrocampista centrale dotato di ottime qualità in regia, che di solito viene schierato come play basso a schermo davanti alla difesa. In Primavera giocava con il numero 5 e i paragonano, a Cagliari, si sono subito sprecati. Siamo di fronte al nuovo Daniele Conti? I tifosi rossoblu lo sperano, ma il classe 2000 ha più volte detto di ispirarsi a Luka Modric, Andrea Pirlo e Sergio Busquets, tutti tra i top nel ruolo. Resta da capire se e quante possibilità avrà con Di Francesco.

5 TALENTI DALLA B DA SEGUIRE QUEST’ANNO IN SERIE A

Destro naturale, sa orchestrare molto bene il gioco nelle medie-lunghe distanze e non disdegna la conclusione verso la porta avversaria. Maturo, sia tatticamente che dal punto di vista temperamentale, Ladinetti sa farsi valere anche in fase di non possesso. Corre tanto e lo fa bene in una zona abbastanza delicata del campo, ama tenere palla e possiede un’ottima visione di gioco, con la quale smista i palloni sempre in maniera intelligente.

SAM LAMMERS, A SCUOLA DA VAN NISTELROOY

Un’occasione di mercato

In questi giorni si è parlato anche di un interessamento del Torino, ma fargli lasciare la sua terra non sarà affatto facile. Detto ciò, i granata avrebbero già formalizzato un’offerta da circa 1 milione di euro, prontamente respinta dal Cagliari che lo valuta di più. Davide Vagnati, su imbeccata di Massimo Bava, tornerà però alla carica molto presto, per regalare a Marco Giampaolo un innesto di ottime prospettive da alternare all’esperto venezuelano Tomas Rincon.

JACK REYNOLDS, L’INGLESE CHE INVENTÒ IL CALCIO TOTALE

Ladinetti, dal canto suo, è stato convocato per la prima partita della nuova stagione, pareggiata – guarda caso – proprio per 1-1 contro il Sassuolo. Stessa avversaria e stesso risultato dell’esordio, ma questa volta il 19enne cagliaritano – che compirà 20 anni solo a dicembre – non ha trovato spazio. Rog, Oliva e Marin dovrebbero essere più avanti nelle gerarchie e, anche per questo, l’opzione di lasciare la Sardegna potrebbe trasformarsi, ben presto, in una necessità.

View this post on Instagram

Il giorno più bello della mia vita. 18.07.20

A post shared by Riccardo Ladinetti (@riccardo_ladinetti) on

Per restare sempre aggiornati, seguici su InstagramFacebook Twitter