Chi è Ethan, il fratello di Mbappé: ruoli diversi, ma il talento c’è

Ethan Mbappè rinnova con il PSG, dove nel frattempo si lavora al prolungamento del suo più noto fratello maggiore. Ma chi è il giovanissimo talento francese? Scopriamo insieme

LEGGI ANCHE: Quanti gol ha fatto Mbappé

La notizia ha subito fatto il giro di internet, accompagnata da una facile dose di ironia: Mbappè rinnova con il PSG, ma non si tratta di Kylian, bensì del suo fratellino. Tutti sono in attesa di capire quale sarà il futuro della stella francese, il cui contratto scade nel 2022, e intanto il club parigino ha prolungato gli accordi con suo fratello (e con un altro giovane, Senny Mayulu).

Ethan Mbappè resterà a Parigi almeno fino al 2004, anno in cui compirà la maggiore età: nonostante sia ancora giovanissimo, in Francia si parla già bene di lui e ci si domanda se riuscirà a ricalcare le orme del più noto fratello.

Ethan Mbappè, alla scoperta del talento francese

LEGGI ANCHE: Italia ai quarti di finale: avversario, data e orario

Come Kylian, anche Ethan Mbappè è nato a Bondy, il comune alla periferia orientale di Parigi che ha dato i natali anche ad altri noti calciatori, come Serge Gakpe, Jonathan Ikoné e William Saliba. Classe 2006 (data di nascita 29 dicembre), è arrivato al PSG seguendo le orme del fratello maggiore, approdato a Parigi nel 2017.

Rispetto a lui, però, Ethan Mbappè gioca completamente in un altro ruolo: non è un attaccante, ma bensì un centrocampista centrale. I due fratelli sono differenti anche nell’uso del piede, visto che Kylian è di preferenza destro, mentre Ethan è un mancino naturale. Il talento 14enne deve logicamente ancora formarsi, soprattutto sotto l’aspetto fisico, ma per adesso si sta rivelando un buonissimo mediano basso, con un discreto senso tattico che gli permette di recuperare spesso palloni davanti alla difesa e far ripartire l’azione.

LEGGI ANCHE: I fratelli Bender si sono ritirati insieme

Era già stato accettato ai corsi del centro di formazione federale di Clairefontaine, ma alla fine la famiglia ha preferito lasciarlo a maturare a Parigi, per proteggerlo dalle ovvie pressioni che il suo cognome comporta in un contesto nazionale di quel livello. Nonostante la giovane età e la carriera appena agli inizi, la sua figura gode già di una grande fama mediatica, incomparabile rispetto a quella di altri coetanei: l’aspetto psicologico sarà decisivo nella sua crescita come calciatore.

Mbappè e gli altri fratelli del calcio

Ovviamente quello di Kylian ed Ethan Mbappè non è il primo e non sarà l’ultimo caso di fratelli calciatori. Innanzittutto, la stessa famiglia Mbappè conta già un terzo elemento abbastanza noto: si tratta di Jires Kembo Ekoko, 33enne attaccante franco-congolese ex-Rennes e oggi svincolato, adottato dalla famiglia di Kylian quando era ancora adolescente.

LEGGI ANCHE: Fratelli calciatori, le coppie che hanno giocato nella stessa squadra

Tra gli altri casi simili se ne possono citare diversi, come ad esempio quello di Antonio e Gianluigi Donnarumma: il primo è entrato nei ragazzi del Milan già nel 2005, per essere poi seguito otto anni dopo dal fratello minore, stesso ruolo ma destinato a diventare più forte di lui. Sempre al Milan, le cose andarono diversamente con Digão, difensore e fratello minore della stella rossonera Kakà: acquistati praticamente assieme dal San Paolo, solo il maggiore si affermò a livello internazionale.

Storicamente, è celebre il caso di Hugo Maradona, più giovane di Diego di nove anni, che raggiunse il Napoli nel 1987 ma senza mai convincere nessuno nè lì nè durante il prestito all’Ascoli. Oggi, invece, ci si attende grandi cose dalla coppia dell’Athletic Bilbao composta da Iñaki e Nico Williams: il primo è ormai da qualche anno un calciatore affermato, mentre il secondo, classe 2002, ha già fatto il suo debutto in Liga lo scorso 28 aprile.

LEGGI ANCHE: Williams al quadrato: l’Athletic Bilbao ritrova due fratelli in prima squadra

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!