HomeSerie ACosa sta succedendo col caso Gondo e cosa rischia davvero la Lazio

Cosa sta succedendo col caso Gondo e cosa rischia davvero la Lazio

Il caso Gondo mette in allarme la FIGC: il giocatore, svincolato dalla Lazio e approdato alla Salernitana, solleva nuovi sospetti sulle multiproprietà di Lotito. Cosa succede?

Leggi anche | Stipendi Salernitana, quanto vale il monte ingaggi granata

Che il caso di Lazio e Salernitana fosse molto opaco e che avrebbe potuto dare adito a problemi e sospetti era nell’aria da tempo, ma dopo il tira e molla dell’estate sembrava che Lotito fosse riuscito a trovare una soluzione in accordo con la FIGC. Invece, le cose si sono subito complicate.

La bomba è scoppiata giovedì scorso, quando la Salernitana ha messo sotto contratto l’attaccante italo-ivoriano Cedric Gondo, rimasto senza contratto. I sospetti, che potrebbero portare a un’inchiesta della FIGC e a delle sanzioni per Lotito, sono dovuti al fatto che il giocatore era appena stato svincolato proprio dalla Lazio.

Qual è la situazione tra Lazio e Salernitana

Leggi anche | La Salernitana può giocare in Serie A?

Tutto nasce dal fatto che sia la Lazio che la Salernitana sono riconducibili, a livello di proprietà, a Claudio Lotito. Il presidente della Lazio è infatti anche cognato di Marco Mezzaroma, l’imprenditore che ha gestito in questi anni la Salernitana. Le norme della FIGC vietano che due club controllati, direttamente o indirettamente, dalla stessa persona possano concorrere nella stessa categoria.

claudio lotito
Fonte: Insidefoto

Lotito e Mezzaroma hanno sempre snobbato il problema, fino a che la Salernitana non ha ottenuto la promozione in Serie A, costringendolia trovare una soluzione. Teoricamente, la Salernitana avrebbe dovuto essere venduta, ma così non è stato; si è optato invece per una soluzione di compromesso: a luglio, la FIGC ha accettato la nomina di un trust indipendente per guidare il club campano.

Leggi anche | Cosa sta succedendo con la cessione della Salernitana

Il trust, che vede come amministratore unico il generale Ugo Marchetti, ex-vicecomandante della Guardia di Finanza, ha il compito di guidare la transizione verso una nuova proprietà nei prossimi mesi, sbloccando la situazione in via definitiva.

Il caso Gondo: cosa sta succedendo

Nonostante questa operazione, la FIGC ha imposto dei vincoli nei rapporti tra Lazio e Salernitana, che impediscono trasferimenti di alcun tipo tra le due società. Questo ha rappresentato un problema in relazione, ad esempio, a un giocatore come Cedric Gondo: si tratta di un attaccante di 24 anni che la Lazio ha acquistato dal Rieti nel 2019, ma che nelle ultime due stagioni ha giocato in prestito alla Salernitana in Serie B, segnando 11 reti.

Leggi anche |

Il caso Gondo è emerso negli scorsi giorni: il giocatore, fuori dai piani tecnici della Lazio, ha deciso d’accordo con la società di rescindere il contratto, e meno di 24 ore dopo ha firmato a titolo definitivo con la Salernitana. Formalmente non ci sarebbe nulla di illegale: non si tratta di un trasferimento diretto tra i due club e non c’è stato alcun passaggio di denaro. Ma i tempi molto stretti dell’operazione sollevano non pochi sospetti.

caso gondo
Fonte: @sslazioengnews (Instagram)

Caso Gondo: cosa succede ora e cosa rischia Lotito

Le perplessità sul caso Gondo si ricollegano anche a preesistenti dubbi che la FIGC aveva sul trust della Salernitana: Ugo Marchetti, infatti, è stato scelto come personalità super partes, ma già nel 2017 Lotito lo aveva proposto come presidente della Lega Serie A, particolare che lascia intendere che tra i due i rapporti siano più fitti di quanto si dica.

Leggi anche | Chi è il generale Ugo Marchetti, nuovo amministratore unico della Salernitana

La Federcalcio ha avviato un’indagine sull’operazione relativa a Cedric Gondo, che potrebbe portare a sanzioni verso il presidente Lotito, che già si trova inibito per 12 mesi a causa del caso Lazio tamponi della scorsa stagione. Se per la società biancoceleste non dovrebbero esserci conseguenze di alcun tipo, il suo patron rischia anche la squalifica.

Tuttavia, come ha spiegato Lorenzo Vendemiale sul Fatto Quotidiano, non sembra possibile dimostrare alcuna irregolarità nel caso Gondo: “ci vorrebbe una prova di contatti precedenti fra le parti, di cui non c’è traccia” ha scritto il giornalista.

Leggi anche | Caos Lazio-tamponi, processo al via: cosa è successo e cosa rischia la Lazio

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti