HomeSerie ACaos Lazio-tamponi, processo al via: cosa è successo e cosa rischia la...

Caos Lazio-tamponi, processo al via: cosa è successo e cosa rischia la Lazio

Cosa rischia la Lazio nel caso tamponi? Ecco gli aggiornamenti sul processo al club biancoceleste, che coinvolge direttamente come imputati il presidente Lotito e due medici

LEGGI ANCHE: Lotito contro la rosa e Inzaghi: cosa sta succedendo alla Lazio

È arrivata anche la sentenza d’appello del processo per il caso Lazio-tamponi, scoppiato nel novembre 2020 e che ha già portato, un mese fa, al deferimento del presidente Lotito.

Rispetto al primo grado di giudizio, la società biancoceleste puntava alla piena assoluzione degli imputati (Lotito, ma anche i medici Pulcini e Rodia) e all’annullamento della multa. Invece, il Tribunale ha addirittura aumentato sia i mesi d’inibizione per il presidente laziale che l’ammenda che dovrà pagare il club.

LEGGI ANCHE: Lazio-Torino, rinvio o vittoria a tavolino?

La Procura federale della FIGC ha compiuto un’indagine conclusasi il 22 gennaio 2021, e che ha confermato le gravi accuse contro la Lazio: nella mattina del 16 febbraio, è stato infatti disposto il deferimento di Claudio Lotito e dei medici Pulcini e Rodia, rispettivamente responsabile sanitario e medico sociale. L’accusa è di aver violato, o comunque non vigilato, le norme sanitarie previste.

LEGGI ANCHE: Dove vedere Juventus-Genoa in tv e streaming

A questo punto, il caso arriverà davanti al Tribunale federale potrebbe avere conseguenze molto dannose per il club: cosa rischia la Lazio? Teoricamente, dalla penalizzazione in classifica a qualcosa di più grave. Ma vediamo di spiegarlo meglio.

LEGGI ANCHE: Dove vedere Inter-Cagliari in tv e streaming

Caso Lazio-tamponi: cosa è successo

Per capire cosa rischia la Lazio, occorre ricostruire il caso tamponi dall’inizio. Il 26 ottobre scorso, la Lazio ha effettuato il consueto giro di tamponi in vista della trasferta di Champions League contro il Club Brugge: Ciro Immobile è risultato positivo al coronavirus, e come lui pare altri componenti della rosa biancoceleste, come Lucas Leiva, Luis Alberto, Strakosha, Lazzari e Luis Felipe.

“Pare”, perché la società non ha mai comunicato i nomi, che i media hanno dedotto dagli assenti negli allenamenti e nelle convocazioni; ad oggi, Immobile è l’unico della cui positività si ha certezza, anche se la Lazio non ha mai smentito gli altri nomi. Ad ogni modo, nessuno di loro ha potuto raggiungere il Belgio il 28 ottobre.

LEGGI ANCHE: Perché Mancini non ha convocato Jorginho

Fabio Rodia, coordinatore dello staff medico della Lazio, chiarisce però che i casi evidenziati erano “dubbi” e la società ha deciso di metterli in isolamento a scopo precauzionale. Il 30 ottobre nuovi tamponi vengono effettuati, stavolta non dal laboratorio Synlab (a cui fa riferimento la UEFA) ma da Diagnostica Futura di Avellino, che da maggio collabora con la Lazio: il responso è di negatività per Leiva, Strakosha e Immobile, che così tornano a disposizione di Inzaghi per la sfida con il Torino. Il test viene ripetuto il 31 con lo stesso esito: i tre sono convocati, anche se restano in panchina; Leiva e Immobile entrano a gara in corso e quest’ultimo segna anche un gol.

LEGGI ANCHE: Xabi Alonso allenerà davvero il Borussia Monchengladbach?

La situazione però si complica lunedì 2 novembre, con i test per la partita di Champions League in casa dello Zenit: il giorno seguente escono i risultati e, se per Diagnostica Futura sono negativi, per Synlab Leiva, Strakosha e Immobile sono invece ancora positivi. A questo punto, il laboratorio di Avellino precisa che Immobile è risultato “lievemente positivo” al gene N: si tratta di un gene che fa parte della famiglia del coronavirus ma non legato al Sars-Cov-2 (cioè, alla malattia Covid-19), come spiegato da Walter Taccone, proprietario del centro medico campano.

I tre giocatori sono rimasti a casa per la trasferta in Russia, ma a questo punto la Lazio ha deciso di chiedere un parere terzo, rivolgendosi al Campus Biomedico ci Roma: nella giornata di ieri, venerdì 6 novembre, il laboratorio avrebbe confermato la positività di Leiva, Strakosha e Immobile. Anche qui il condizionale, per le ragioni già spiegate sopra. Ma nel frattempo, la Lazio comunicava che gli stessi test, effettuati ad Avellino, avevano dato tutti esito negativo.

LEGGI ANCHE: Galabinov sfida l’Italia, l’agente: ‘Una vetrina che gratifica lui e chi gli vuole bene’

Inchieste e sospetti

L’alternanza di positività dei tre giocatori della Lazio desta forti sospetti, al punto che Giuseppe Chiné, Procuratore federale della FIGC, decide di aprire un’inchiesta. Un atto necessario, visto che di mezzo ci sarebbero delle possibili violazioni del protocollo, oltre che un esposto in procura fatto dal presidente del Torino Urbano Cairo, contro la cui squadra la Lazio potrebbe aver schierato giocatori di cui era nota la positività al coronavirus.

La Lazio è sotto accusa anche per non aver segnalato all’Asl i casi di elementi della rosa contagiati, impedendo così di predisporre le misure per l’isolamento fiduciario; la società nega questa dimenticanza, ma a quanto pare la comunicazione sarebbe avvenuta senza fornire la necessaria documentazione agli uffici sanitari. Inoltre, c’è un’altra confusione riguardante i test rapidi e quelli molecolari, che potrebbero dare risultati diversi.

LEGGI ANCHE: Dopo gli infortuni, è arrivato il momento di Kalajdzic

Alcuni giornali, come ad esempio La Repubblica, fanno notare come Taccone, proprietario del laboratorio di Avellino, sia stato presidente del club di calcio campano dal 2012 fino al fallimento del 2018 e, durante quel periodo, fu molto vicino a Lotito al punto da sostenere la sua candidatura a presidente della Lega Serie B.

Cosa rischia la Lazio

Immobile si è allenato con la squadra nonostante Synlab lo avesse dichiarato positivo. Per questo, ora la Lazio rischia una penalizzazione di un punto in classifica; ma se dovessero emergere ulteriori irregolarità, attualmente al vaglio delle indagini, le conseguenze potrebbero essere anche più gravi. Per la Gazzetta dello Sport, “le violazioni del protocollo su cui si indaga iniziano ad essere diverse e la posizione del club sembra aggravarsi giorno dopo giorno”: il riferimento è alla mancata comunicazione della Lazio all’Asl competente.

LEGGI ANCHE: Domenico Berardi è finalmente maturato

Inizialmente, Lotito è restato in silenzio, ma dall’ambiente laziale più vicino al presidente sono trapelate – come riporta il Corriere dello Sport – rassicurazioni sul rispetto dei regolamenti da parte del club capitolino, e le sempre presenti ipotesi di complotto, ormai un leitmotiv della cronaca calcistica.

Successivamente, La Repubblica ha pubblicato un’intervista a Lotito, in cui il proprietario della Lazio accusava Cairo di agire contro di lui perché “mi odia a morte perché ha perso con me, i suoi giornali mi attaccano per questo” (Cairo è editore della Gazzetta dello Sport), più altre considerazioni medico-sanitarie di dubbia consistenza e ancor più dubbio gusto.

LEGGI ANCHE: Diritti tv Serie A 2021-2024: tutto il campionato a Dazn

Intanto, però, i test effettuati al Campus Biomedico non vengono tenuti in considerazione dalla Lega Serie A e dalla FIGC, e tantomeno quelli di Synlab, che serve la UEFA, ma unicamente quelli di Diagnostica Futura, a cui la Lazio fa riferimento ufficialmente.

Quando ci si domanda cosa rischia la Lazio, va considerato che il caso a livello giuridico è molto complesso. Paco D’Onofrio, avvocato e professore di diritto presso l’Università di Bologna, ha spiegato a TMW Radio che le conseguenze per il club possono andare dalla multa alla retrocessione.

LEGGI ANCHE: Calciatori positivi Serie A | la lista | i contagi

La sentenza sul caso Lazio tamponi

La richiesta della Procura della FIGC è stata, a sorpresa, di 200mila euro di multa alla Lazio, 13 mesi e 10 giorni di inibizione al presidente Lotito, e 16 mesi ai medici sociali Rodia e Pulcini. Niente penalizzazione o tantomeno retrocessione per il club, nonostante secondo l’accusa i fatti siano comprovati e il massimo dirigente della società biancoceleste sia minacciato di lunga inibizione.

La sentenza del Tribunale federale presieduto da Cesare Mastrocola ha ridotto leggermente le richieste della Procura: 150mila euro di multa alla Lazio e 7 mesi di inibizione al presidente Lotito, mentre 12 mesi di inibizione sono stati comminati ai medici Pulcini e Rodia.

LEGGI ANCHE: Il focolaio Covid in Nazionale è stato sottovalutato

Nelle motivazioni della sentenza, rese pubbliche il 7 aprile, il Tribunale dice che Lotito non si può imputare direttamente della mancata comunicazione dei positivi all’Asl (che era compito dei medici della Lazio), ma è stato comunque punito perché avrebbe “dovuto imporre, unitamente ad altri soggetti qui non deferiti, compresi gli stessi calciatori, un comportamento idoneo e vietare categoricamente ai positivi di poter rientrare nei ranghi della squadra ed imporre loro l’isolamento previsto”. Ora, la Lazio ha comunque 30 giorni per presentare ricorso.

Il 30 aprile è poi arrivata la sentenza del processo d’appello, che ha aumentato la pena per la Lazio: l’inibizione di Lotito è passata da 7 a 12 mesi, e la multa a carico della società da 150mila a 200mila euro.

LEGGI ANCHE: Il caso Suarez e i rischi della Juventus: spiegato bene

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti