HomeCalcio EsteroBen Pugh, da Ipswich ai Caraibi: chi è il ct delle Isole...

Ben Pugh, da Ipswich ai Caraibi: chi è il ct delle Isole Cayman

Dal Ipswich ai Caraibi per allenare le Isole Cayman: la curiosa storia di Ben Pugh, l’allenatore inglese alle prese con una sfida impossibile

Lasciare l’Inghilterra e abbandonare l’opportunità di imporsi in un calcio di primo livello per cambiare vita trasferendosi ai tropici. Potrebbe riassumersi così la parabola di Benjamin Pugh, attuale commissario tecnico delle Isole Cayman, la cui storia è stata raccontata da un interessante approfondimento di The Guardian a qualche giorno dall’impegno molto delicato che la piccola realtà caraibica sosterrà in vista delle qualificazioni a Qatar 2022.

LEGGI ANCHE: Partite di oggi in tv: a che ora e dove vedere

Infatti, i prossimi giorni saranno molto delicati per la selezione biancorossa, inserita nel Gruppo B della zona Concacaf con Suriname, Canada e Aruba. Difficile pensare di andare avanti, ma la voglia di mettersi alla prova è più forte di tutto il resto: “Stiamo portando avanti un lavoro ben preciso – ha detto Ben Pugh alla stampa inglese – ci andrà tempo perché qui il livello del calcio non è professionistico, ma sono contento di ciò che stiamo facendo”.

LEGGI ANCHE: Perché è così difficile boicottare i Mondiali di Qatar 2022?

Ben Pugh, un inglese alle Cayman

LEGGI ANCHE: Chi è Mukairu, stellina nigeriana che piace a Milan e Roma

LEGGI ANCHE: La Repubblica Ceca punta con forza a Qatar 2022

Dal salotto di casa Ben Pugh vede il mare cristallino dei Caraibi e ancora oggi non crede ai suoi occhi: “A volte devo darmi pizzicarmi per essere sicuro di essere sveglio”, ha detto, aggiungendo che spesso la vita ti mette di fronte a sfide sulla carta impossibili ma fondamentali per una crescita personale e professionistica. Così, a 30 anni, l’inglese ha lasciato il Suffolk e un posto da manager nelle giovanili dell’Ipswich Town per trasferirsi alle Isole Cayman.

ben pugh
Fonte immagine: @bpugh23 (Twitter)

LEGGI ANCHE: L’impressionante numero dei lavoratori morti nei cantieri di Qatar 2022

“Avevo preso in considerazione il fatto che potesse andare male – ha dichiarato Pugh – ma fondamentalmente non mi importava“. I primi mesi li ha vissuti nel ruolo di vice con compiti analitici, studiando avversari e profili da aggregare alla nazionale. Poi è diventato ct, nominato dalla federazione in seguito all’addio del suo predecessore, proprio alle soglie delle qualificazioni a Qatar 2022. Una grande soddisfazione, per un ragazzo così giovane.

LEGGI ANCHE: Come sta andando l’esperienza di Xavi in Qatar?

Arcipelago senza storia

Le Isole Cayman, come ben si può immaginare, non hanno una storia calcistica vera e propria. L’unico sussulto è datato 1994, con la vittoria nella coppa caraibica per nazioni sulla Giamaica, evento epocale del quale ancora oggi si festeggia l’anniversario. Con Pugh, il piccolo arcipelago è tornato a qualificarsi per una seconda fase a oltre dieci anni dall’ultima vittoria in campo.

Il merito, in primis, è da ascrivere alle aspettative quasi nulle che si avevano sulla squadra, che indirettamente nel 2015 ha dovuto suo malgrado assorbire le conseguenza dello scandalo che ha coinvolto l’ex vicepresidente della FIFA, Jeffrey Webb, bannato a causa di forti accuse di corruzione poi confermate in appello.

LEGGI ANCHE: Lussemburgo sogna Qatar 2022

Ben Pugh ha portato un approccio più europeo e professionale, formando un paio di allenatori locali che ora lavorano come suoi assistenti, insistendo su qualche concetto tattico e sullo studio dei numeri, di dati e statistiche sulle quali lo stesso Pugh è molto preparato, essendo laureato in Scienze dello Sport. Il resto è venuto di conseguenza: “Ho avuto solo sei settimane per completare il trasloco”, racconta, “e uno dei miei obiettivi è lasciare una base sulla quale il mio successore possa lavorare al meglio”.

LEGGI ANCHE: Qatar 2022, Messi e rivoluzione: come riparte l’Argentina?

Un squadra amatoriale

Grand Cayman conta 65mila abitanti e Ben Pugh la descrive come un grosso villaggio, all’interno del quale vive la maggior parte dei calciatori presenti nell’ultima lista di convocazioni delle Isole Cayman. C’è chi fa il barista, chi il tassista, uno è un gioielliere e altri si dividono tra il lavoro di impiegato in banca e quello di infermiere in ospedale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cayman Islands (@visitcaymanislands)

Un contesto pressoché amatoriale, che però in questo periodo socialmente paradossale ha potuto contare su un situazione di enorme vantaggio: essendo così isolato, l’arcipelago delle Isole Cayman è uno dei pochi posti al mondo Covid free, quindi la squadra ha potuto lavorare tranquillamente per quasi un mese, tutti a stretto contatto con l’allenatore che ne ha approfittato per approfondire alcune questioni legate alla preparazione fisica e alla formazione tattica.

LEGGI ANCHE: Italia, girone e avversarie ai Mondiali di Qatar 2022

Dopo aver qualificato la squadra alla seconda fase per Qatar 2022 e aver fatto avanzare la federazione di ben 13 posizioni nel ranking FIFA, Ben Pugh ha come obiettivo quello di fare qualche punto nel prossimo trio di partite, magari puntando sul suo centravanti titolare Mark Ebanks, miglior marcatore tra quelli presenti nella lista del commissario tecnico inglese.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti