HomeCalcio EsteroAmine Adli, 5 curiosità sul giovane obiettivo del Milan

Amine Adli, 5 curiosità sul giovane obiettivo del Milan

Si chiama Amine Adli, ha 21 anni ed è da qualche settimana finito nel mirino del Milan: ecco 5 curiosità per conoscere meglio il talento francese

Il Milan punta forte su Amine Adli. Il trequartista francese è in cima alla lista dei papabili rinforzi estivi di Maldini e Massara, che sono rimasti estremamente stupiti dalla classe di questo ragazzo messosi particolarmente in luce nella seconda serie francese con la maglia del Tolosa.

Le due società stanno lavorando per perfezionare il passaggio del ragazzo in rossonero, in modo tale da mettere a disposizione di Pioli un elemento sul quale il Milan può ragionevolmente pensare di lavorare a fondo. In attesa di capire quando la trattativa verrà chiusa, abbiamo raccolto alcune curiosità su di lui.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Amine Adli (@amine_ad10)

Amine Adli, il gioiello del Tolosa

Amine Adli è nato nella piccola ma celebre Seine-Maritime, città che ha dato i natali a diverse celebrità francesi, e calcisticamente è nato e cresciuto nel Tolosa, club per il quale fa anche il tifo sin da ragazzino. Classe 2000, a 19 anni appena compiuti ha esordito con la prima squadra in un match di coppa contro il Lione.

Un mancino di grande qualità

Amine Adli è un trequartista che muove palla con grande naturalezza, sfruttando un piede sinistro dal tocco straordinario, preciso e dolce, ma anche comprendente un calcio forte e preciso. Alcuni ex compagni lo hanno definito come un calciatore “con un piede illuminante, capace di accendere la partita con una sola giocata”.

Mvp della Ligue 2

L’ultima stagione, culminata con lo spareggio playoff perso in una finale abbastanza controversa, Amine Adli è stato eletto mvp della Ligue 2, seconda divisione del calcio francese. I numeri, se confrontati al fattore anagrafico, sono stati di buonissimo livello: con 8 gol e 7 assist il talento francese è stato il miglior under 21 del campionato.

 

L’idolo è Messi

In una intervista rilasciata a L’Equipe, Amine Adli ha svelato qual è il suo idolo calcistico: “Sono cresciuto guardando il Barcellona di Messi – ha detto – quindi non posso non menzionare lui come mio calciatore preferito”. Tuttavia, ha aggiunto, “non mi ispiro a lui perché emularlo è semplicemente una cosa impossibile”.

Caratteristiche da top player

Eppure, Amine Adli ha qualità fuori dal comune. Rapido nel breve, bravo nel dribbling, tecnico quando si decide a provare la giocata, preciso nelle aperture e nelle rifiniture, discreto in zona gol. A questa miscellanea di pregi fa da contraltare un solo difetto: spesso tende a velocizzare troppo le scelte di gioco: “In questo deve migliorare – ha detto un suo ex allenatore – ma ha potenzialità da top”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Amine Adli (@amine_ad10)

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti

Resta aggiornato con Telegram