HomeNotizieLa campagna vaccinale della Serie A è in ritardo

La campagna vaccinale della Serie A è in ritardo

Serie A e vaccini: dopo il caso Spezia, il piano vaccinale della Lega rivela le sue falle, e la FIGC spinge ad accelerare i tempi, in vista dell’avvio del campionato

LEGGI ANCHE: Messi ha finanziato un piano vaccini per l’Argentina

Il piano della Lega Serie A di vaccinare tutti i calciatori prima dell’inizio della stagione non sta procedendo benissimo, come dimostra il caso dello Spezia, che a pochi giorni dall’avvio del ritiro si trova già la rosa con diversi elementi contagiati.

Al fine di evitare un’altra stagione complicata come quella scorsa, la FIGC ha lanciato l’allarme invitando i club di Serie A e B a provvedere al più presto alle vaccinazione dei propri dipendenti, un passo fondamentale per riavvicinare gradualmente il calcio italiano a una situazione di normalità.

Serie A e vaccini: dalla Nazionale al caso Spezia

LEGGI ANCHE: Europei 2021, la situazione nazionali e vaccini

Già a inizio giugno si era tornati a parlare dei problemi del Covid-19 nel calcio dopo la positività di Busquets, che ha gravato notevolmente sul difficile avvio degli Europei da parte della Spagna. Poche federazioni si erano preoccupate di rendere obbligatorio il vaccino per i giocatori, con il risultato che molti hanno iniziato il torneo senza aver fatto nemmeno una dose.

busquets
Fonte immagine: @5sergiob (Instagram)

Nella rosa dell’Italia, la maggioranza dei giocatori aveva già completato il ciclo (solo Belotti, Raspadori e Jorginho hanno ricevuto la seconda dose il giorno della finale), anche perché alla fine di maggio la Lega Serie A aveva reso noto di voler vaccinare tutti i giocatori del campionato italiano prima addirittura della partenza dei ritiri, come spiegava Il Messaggero.

LEGGI ANCHE: Copa America 2021, cosa sta succedendo col vaccino Sinovac

Purtroppo, questo proposito è rimasto in gran parte disatteso, come ha dimostrato il caso Spezia: sabato scorso, il club ligure ha annunciato 8 positivi nel gruppo squadra, che adesso sono già saliti a 11. Vincenzo Salini, medico sociale dello Spezia e membro della commissione medica della FIGC, ha spiegato che gran parte della rosa aveva ricevuto la prima dose, ad eccezione di due giocatori no-vax, che hanno deciso di rifiutarla.

Serie A e vaccini: ancora in ritardo

Attualmente, solo 4 club su 20 hanno provveduto a vaccinare i propri giocatori: si tratta di Bologna, Empoli, Fiorentina e Milan, con la Roma che ha avviato l’iter per la prima dose di recente. Secondo il Corriere dello Sport, nessun’altra società del massimo campionato italiano ha ancora provveduto ad iniziare la propria campagna vaccinale, anche se alcuni atleti hanno proceduto singolarmente.

LEGGI ANCHE: Gattuso parla e racconta le vicende Fiorentina e Tottenham

La FIGC sa che senza i vaccini si corre il serio rischio di un’altra stagione d’incertezza, non solo per quanto riguarda il rendimento dei giocatori, ma anche e soprattutto per il rischio di focolai nei club che possono portare al rinvio delle partite e a complicazioni riguardo il calendario. Nessuno vuole che si ripeta un’altra situazione in stile Juventus-Napoli.

juventus-napoli
Fonte immagine: InsideFoto

Con il campionato di Serie A al via nel weekend del 21 agosto, i tempi per riuscire a completare il ciclo vaccinale di due dosi è abbastanza stretto. Ecco perché la Federcalcio ha ricordato l’urgenza del momento ai club di A e B, e nel frattempo si sta interfacciando con le varie Asl per organizzare le vaccinazioni degli atleti con Pfizer e Moderna.

LEGGI ANCHE: Calciomercato estate 2020, un anno dopo: come sono andati i colpi più importanti

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti

Resta aggiornato con Telegram