HomeCalcio EsteroEuropei 2021, la situazione nazionali e vaccini

Europei 2021, la situazione nazionali e vaccini

In vista degli Europei 2021 fa molto discutere il tema dei vaccini alle nazionali, soprattutto per la poca omogeneità nella distribuzione delle dosi

La positività al Coronavirus riscontrata qualche giorno fa per Sergio Busquets ha gettato nel panico l’intero gruppo squadra spagnolo, ma indirettamente ha accesso un campanello d’allarme che forse, vista la situazione, andava previsto con un po’ di anticipo. Nelle ultime ore, anche Diego Llorente, difensore del Leeds, è risultato positivo al coronavirus.

LEGGI ANCHE: Convocati Italia Europei 2021: i 26 scelti da Roberto Mancini

Qualche giorno, la Svezia ha comunicato la positività di Mattias Svanberg e Dejan Kulusevski: i due sono stati messi in isolamento fiduciario e nei prossimi giorni verranno monitorati, mentre lo staff della nazionale scandinava ha già preallertato la disponibilità delle riserve a disposizione del ct Janne Andersson.

busquets
Fonte immagine: @5sergiob (Instagram)

Nazionali vaccini: lo strano caso della Spagna

La positività di Busquets ha fatto molto discutere, perché in Spagna – in vista degli Europei e delle Olimpiadi – il Governo aveva dato l’ok per la vaccinazione a tappeto di tutti gli atleti e gli addetti ai lavori coinvolti.

LEGGI ANCHE: Dalle rose allargate agli arbitri: cosa cambia in vista degli Europei 2021

Si sta cercando di capire cosa sia andato storto: probabilmente, nonostante il Ministero della Salute locale abbia aperto una corsia preferenziale per i calciatori aggregati alle Furie Rosse, qualcuno ha deciso liberamente di non sottoporsi al vaccino. Busquets, evidentemente, è uno di questi.

mbappé
Fonte Immagine: @szvdesign (Instagram)

Nazionali vaccini: i calciatori volontari

Molti paesi di quelli che avranno la propria rappresentante ai prossimi Europei hanno seguito l’esempio della Spagna, lasciando libero arbitrio sulla decisione di vaccinarsi o meno. Per esempio, la Francia ha un gruppo squadra con calciatori già vaccinati e altri no.

LEGGI ANCHE: Calendario Europei 2021: calendario, date, partite e gironi

Idem l’Olanda, dove alcuni hanno ufficialmente rifiutato di farlo, la Svizzera – la federazione ha previsto la somministrazione della prima dose direttamente in ritiro – e l’Austria, dove però i giocatori sono stati vaccinati dai club in quanto il medico federale Fiedler ha addirittura sconsigliato di sottoporsi anche solo alla prima dose.

Roberto Mancini Europei 2021
Fonte Immagine: @mrmancini10 (Instagram)

Nazionali vaccini: le squadre vaccinate

L’Italia si è presentata al raduno preconvocatorio con tutti e 28 i selezionati da Roberto Mancini già vaccinati, con la prima dose fatta a inizio maggio e la seconda dose iniettata tre settimane dopo. Lo stesso è successo in Belgio e Polonia.

LEGGI ANCHE: Le guide ai gironi degli Europei 2021: squadre, calendario e partite

Nel primo caso è stata necessaria una sola dose, nello specifico con Johnson & Johnson, mentre nel secondo il primo ministro polacco Morawiecki ha addirittura dato priorità alla nazionale, assicurandosi che qualunque componente della spedizione europea fosse vaccinato.

brexit
Fonte Immagine: @sanchooo10 (Instagram)

Vaccini alle nazionali: l’Inghilterra dice no

Nonostante il ct Gareth Southgate si augurasse che per gli Europei le dosi fossero già state somministrate, l’Inghilterra si presenterà al via con nessun componente della spedizione vaccinato perché nel Regno Unito la campagna procede per fasce d’età.

LEGGI ANCHE: Rigoristi Europei 2021: gli specialisti di ogni Nazionale

Inoltre, alcuni calciatori hanno detto no per non passare per privilegiati. Insomma, la sensazione è che nelle prossime settimane si possano venire a creare situazione spiacevoli, figlie della poca organizzazione di una UEFA forse troppo ottimista nel confermare il format itinerante del torneo.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

75387536bf8277a4a0c328b6d3d9d91b?s=90&d=mm&r=g
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti