Ha smesso di fumare e ora è il giocatore che corre di più in Champions League

Sebastien Thill è una delle sorprese della stagione col suo Sheriff Tiraspol, ed è anche un giocatore con una curiosa storia alle spalle.

Leggi anche | Sheriff Tiraspol in Champions: il club dello Stato che non c’è

Una famiglia di calciatori, quella di Sebastien Thill, anche se fino a un anno fa nessuno si aspettava che sarebbe stato proprio lui, a quasi 28 anni, a diventare il più noto del clan grazie alle sue prestazioni in Champions League.

Il suo gol nel finale della sfida del Bernabeu contro il Real Madrid è un pezzo da collezione, simbolo perfetto di un avvio di stagione clamoroso per un ragazzo che solo un anno e mezzo fa non era nemmeno un professionista. E che addirittura era un fumatore regolare, mentre adesso è il giocatore che corre di più nell’elite del calcio europeo.

Sebastien Thill, dalle sigarette ai record

Leggi anche | L’incredibile statistica delle prime due partite di Champions dello Sheriff

49,1 km percorsi in Champions League: più di qualsiasi altro giocatore in questa stagione. Non male per un giocatore che tecnicamente sarebbe un trequartista, archetipo del calciatore tecnico ma poco propenso allo sforzo fisico.

Fino al 2020 la sua carriera non era certo quella che è oggi: giocava in Lussemburgo, nel Progres Niederkom, la squadra dov’era conclusa la carriera di suo padre Serge, e che ancora oggi ne detiene il cartellino. Nessun contratto professionistico, Sebastien Thill andava a lavorare la mattina (tagliava l’erba dei prati per il Comune di Differdange), e poi passava il pomeriggio agli allenamenti.

Leggi anche | Stipendi Sheriff: quanto vale il monte ingaggi del club di Tiraspol

Ed era un fumatore abituale: “Prima ero un po’ matto, volevo godermi la vita e per me significava necessariamente fumare e bere qualcosa con gli amici, o mangiare cibo spazzatura, tipo la pizza alle 10 del mattino”. Poi, la decisione di cambiare strada: il trasferimento al piccolo club russo del Tambov e una vita da atleta, dieta equilibrata e niente fumo. “Ho perso 6 chili, mi sento bene e mi dico che avrò tempo per divertirmi quando la mia carriera sarà finita”.

Iscriviti al nostro canale YOUTUBE

Poi, l’estate scorsa, un’altra chiamata per giocare nell’Europa dell’Est, allo Sheriff Tiraspol. Chi l’avrebbe mai detto che sarebbe stato un club misconosciuto di una repubblica separatista moldava a consacrarlo al massimo livello del calcio europeo?

Una famiglia di calciatori

Leggi anche | Lussemburgo sogna Qatar 2022

Con le prestazioni di queste prime partite di Champions League, Sebastien Thill è senza dubbio diventato il più noto membro della sua famiglia, se non addirittura il più famoso calciatore lussemburghese di sempre (di sicuro, è stato il primo a segnare nella fase finale della prima competizione continentale).

Tutt’altro che pronosticabile, per lui che non era certo considerato il più promettente dei Thill. Suo padre Serge, attivo tra il 1991 e il 2007, è stato un calciatore molto noto in Lussemburgo, mentre i suoi fratelli minori hanno iniziato a giocare all’estero prima di lui: Olivier, classe 1996, nel 2018 era all’Ufa, in Russia, e oggi gioca con gli ucraini del Vorskla assieme a Vincent, classe 2000, cresciuto al Metz e passato anche dal Nacional de Madeira.

Leggi anche | Champions League, non solo Sheriff: le altre vittorie clamorose

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI