Renato Sanches, ritorno al futuro: l’Europeo è la cura

Renato Sanches: andata e ritorno. Ci sono voluti cinque anni, due fallimenti, tre campionati e tante lacrime, ma quello visto contro la Francia è finalmente il vero centrocampista totale esploso ad Euro 2016.

C’è voluto tanto, forse troppo, ma alla fine Renato Sanches è tornato quello che abbiamo imparato a conoscere nei dodici mesi della stagione 2015-16. 

Una stagione vissuta da protagonista prima del rollercoaster che in tre anni lo ha portato al Lille, nel nord della Francia. Vediamo com’è andata. 

Leggi anche | Jadon Sancho e il rapporto complesso con l’Inghilterra

Renato Sanches: andata e ritorno

35 presenze, 2 gol, 1 assist e poi di corsa all’Europeo al fianco di Cristiano Ronaldo: questa la prima stagione da professionista di Renato Sanches prima di vincere il premio come miglior giovane della manifestazione, approdare al Bayern Monaco per 80 milioni di euro (tra bonus e parte fissa) e iniziare a piangere sonoramente. 

“Penso che Renato Sanches esista solamente nelle competizioni internazionali”

Su Twitter, dopo l’imperiosa partita giocata contro la Francia, un utente apostrofava così la prestazione del portoghese: una stella cometa, visibile solamente nel corso delle competizioni internazionali. 

Leggi anche | La classifica dei marcatori Europei 2021

Eppure ci sono stati 1596 giorni di mezzo tra quello splendido gol alla Polonia nei quarti di Euro 2016 e il gol segnato ad Andorra lo scorso novembre: una montagna russa inarrestabile che ha percorso binari attraverso la Baviera e il Galles, per poi fermarsi – forse definitivamente – nel nord della Francia. 

 

In quei 1596 giorni Renato Sanches ha vissuto da separato in casa al Bayern Monaco – troppo irruente, troppo giovane, troppo inesperto, troppo costoso – e poi da centro di gravità di uno Swansea in totale caduta libera. 

A diciott’anni però, è facile che sia la pioggia del Galles a trascinarti a fondo, e non che il tuo talento riporti a galla una squadra destinata alla retrocessione. 

Leggi anche | Anche Lautaro in bilico: l’Inter pesca in Bundesliga

L’errore gallese

Da una splendida intervista del The Athletic a diverse personalità importanti nel corso della carriera di Renato Sanches emerge questa dichiarazione: 

“Renato ha smesso di imparare quando ha lasciato il Benfica, e dovrebbe tornare al club dove è stato firmato per 750 euro e 25 palloni nel 2007. Ha bisogno di tornare in Portogallo perché è un ragazzo e non è pronto per il livello della Premier League”.

Le parole sono di Carlos Carvalhal, manager portoghese dello Swansea ai tempi dell’acquisto di Renato Sanches. 

“Penso che l’errore non sia stato quello di andare al Bayern Monaco; penso che l’errore sia stato quello di andare allo Swansea. Quando Renato è andato allo Swansea – e ho parlato con lui in questo periodo – tutti si aspettavano che salvasse il club: ‘Ora abbiamo Renato dal Bayern Monaco!”

Leggi anche | Mercato Milan: non solo Giroud in ballo con il Chelsea

Helder Cristovao è un 35 volte nazionale portoghese e allenatore del Benfica B quando Renato Sanches bullizzava letteralmente qualsiasi avversario si trovasse di fronte. L’analisi del problema è chiara: le pressioni erano troppe, lui si sentiva solo e in Galles non aveva alcuna intenzione di trasferircisi. 

Se dunque lo Swansea è stato un vero e proprio errore condito dallo splendido passaggio al tabellone rosso come le magliette dello Swansea contro il Chelsea nel corso di una gara di Carabao Cup, il ritorno al Bayern Monaco non ha avuto miglior sorte. 

Il desiderio di rivalsa

Tornato in Baviera nell’estate del 2018 Renato Sanches ha fatto subito fatica a riambientarsi all’idea di calcio del Bayern, e ha più volte espresso il desiderio di cambiare aria, di nuovo. 

L’investimento fatto sul suo talento era tale però che il Bayern volle provare, un’ennesima stagione, a tenerlo in rosa senza però grandi successi. 

Leggi anche | Perché Bruno Fernandes sta rendendo così poco in nazionale? 

Il trasferimento al Lille, giunto a seguito di fitti colloqui con José Fonte – portoghese capitano della squadra – Luis Campos – DS del Lille – e Gerard Lopez – l’allora presidente del club – ha progressivamente restituito fiducia e concretezza a un giocatore in totale crisi identitaria. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Renato Sanches (@renatosanches18)

 Nella prima parte della scorsa stagione, Renato Sanches ha carburato scrollandosi di dosso tutti i fantasmi dei tre anni precedenti: a marzo 2020, appena prima della chiusura della Ligue 1 a causa pandemia, è entrato in nomination come miglior giocatore del mese con Kylian Mbappé grazie ai 3 gol in 9 partite segnati con la maglia del Lille. 

La stagione successiva è ripartita all’insegna del ritorno in nazionale – ottobre 2020 – e della grandissima prestazione sfoderata con il Milan a San Siro: un Lille spaziale, un Renato Sanches dominante. 

Poche settimane dopo ecco la conclusione di quei 1596 giorni: gol contro Andorra su assist di Cristiano Ronaldo, e balzo indietro fino al gol contro la Polonia di cinque anni prima. 

Renato Sanches 2
Fonte immagine: profilo Ig @RenatoSanches

Un Europeo per ricominciare

Ora che il Portogallo ha passato il girone più complicato dell’Europeo anche grazie a due grandissime prestazioni del talento del Lille contro Ungheria e Francia, ecco che lo spazio per Renato Sanches nell’undici di Fernando Santos sarà garantito anche contro il Belgio, domenica per gli ottavi di finale. 

Leggi anche | Spagna tra cambi e certezze: le scelte di Luis Enrique verso la Croazia

E questa andata e ritorno è coincisa letteralmente con il ritorno in auge delle voci di mercato dai top club di tutta Europa: 

“È un giocatore più maturo e un uomo più maturo. Ha migliorato il suo calcio. Ci sono già alcuni club interessati, perché abbiamo avuto una recente discussione. Ma tutti devono essere felici perché questo accada. Non so se Renato resterà con noi o no. Non ancora. Vediamo. Ma essendo un giocatore di alto, alto profilo, è logico che ci siano alcuni top club interessati a lui”.

Olivier Letang, direttore sportivo del Lille, attende il mercato, e intanto si gode Renato Sanches, campione in Ligue 1 nel nord della Francia.

 

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!