HomeCalcio EsteroOllie Watkins, l'esordio in Nazionale del nuovo Jamie Vardy

Ollie Watkins, l’esordio in Nazionale del nuovo Jamie Vardy

La pausa per le nazionali regala sempre degli spunti interessanti di riflessione e porta alla luce nuovi talenti nascosti. Uno di questi è Ollie Watkins, 25enne inglese che ha esordito e segnato il suo primo col con la maglia dei tre leoni. Queste storie sono uno dei pochi motivi per i quali si deve porre molta attenzione anche a un Inghilterra-San Marino dl giovedì sera. Ma andiamo più nel dettaglio a scoprire chi è la nuova stella del calcio inglese.

Perché l’Aston Villa ha vietato il Fantacalcio ai propri tesserati

Chi è Ollie Watkins?

Ollie Watkins (il cui nome completo è Oliver George Arthur Watkins) è nato a Torquay il 30 dicembre 1995 ed è un giocatore dell’Aston Villa, in Premier League. La squadra inglese lo ha acquistato per 30 milioni di euro dal Brentford, facendo un grosso investimento sul ragazzo cresciuto nelle giovanili dell’Exeter. Oliver è un attaccante duttile in grado di ricoprire tutti i ruoli sul fronte offensivo. Le sue qualità di finalizzatore gli sono servite per ritagliarsi un ruolo di rilevanza come punta centrale nel reparto avanzato della squadra di Smith.

Italia under 21, le combinazioni per passare ai quarti di Euro 2021

In questa stagione ha realizzato 10 goal in 28 presenze (una rete ogni 252 minuti), ma la statistica che più lo identifica è quella riguardante la posizione delle sue realizzazioni, avvenute tutte all’interno dell’area di rigore. Inoltre, ha segnato 5 goal con il destro, 2 con il sinistro e 3 di testa, dimostrando ottime qualità tecniche. Queste sue caratteristiche hanno portato il CT inglese Southgate a convocarlo (per la prima volta) per queste tre partite di qualificazione mondiale.

Ollie Watkins, il diamante dell’Aston Villa

Le prima parole dopo la prima convocazione in nazionale

“Quando mi unirò ai ragazzi dell’Inghilterra, lo prenderò con calma, mi godrò l’intero campo e vivrò ogni giorno come se fosse l’ultimo. Darò il massimo e qualunque cosa accada, accadrà” queste sono state le prime parole di Watkins in merito alla sua prima convocazione in nazionale. La sua carriera calcistica inizia nell’Exeter City, ma esplode dopo il suo approdo al Brentford (acquistato per 7 milioni) nell’estate del 2017.

LEGGI ANCHE: Il Milan del futuro guarda in Germania: piace il giovane Siebert

LEGGI ANCHE: E se André Silva andasse al Barcellona?

Nella squadra londinese segna 46 goal in tre stagioni e viene acquistato dall’Aston Villa per la cifra record di 30 milioni. In Premier League il suo impatto è dominante e sta trascinando i ragazzi di Birmingham verso la lotta per un posto in Europa League. I top club europei hanno messo gli occhi sul giovane Watkins e questa rete non può far altro che aumentare l’interesse nei suoi confronti.

Un paragone? Jamie Vardy

Come si usa fare nella NBA, abbiamo deciso di fare una comparison con Watkins, ovvero sia il giocatore al quale assomiglia di più a livello tecnico, tattico e caratteriale. Il nome che abbiamo scelto è quello di Jamie Vardy, l’eroe della Premier del Leicester. La loro storia calcistica si somiglia molto, entrambi sono partiti dai campionati minori e si sono conquistati la ribalta a suon di goal e prestazioni maiuscole.

Jamie Vardy, l’eroe del Leicester che non sembra invecchiare mai

A livello tattico sono entrambi quei numeri 9 tipici dei primi anni di questo millennio, utili al gioco della squadra ma grandi finalizzatori in area di rigore. La cosa che maggiormente li accomuna sono le movenze sui cross, entrambi riescono ad anticipare facilmente il proprio marcatore e posizionarsi nella zona perfetta per impattare il pallone. Watkins ha più abilità nel gioco palla a terra e nelle transizioni positive, ma deve ancora lavorare tanto nella gestione degli uno contro uno.

Infine, la qualità che contraddistingue Ollie Watkins e Jamie Vardy dagli altri attaccanti è la determinazione con cui sono arrivati a essere dei calciatori professionistici. In un’intervista la punta dell’Aston Villa afferma: “Anche se ho avuto il miglior gioco possibile, niente è mai perfetto. Sto ancora cercando la perfezione anche se so che non è reale, ma mi fa continuare a spingere sempre di più”. Il manifesto di un grande giocatore.

Matteo Spaggiari
Matteo Spaggiari
Classe ’97, nato in provincia di Reggio Emilia e collaboratore da anni nelle redazioni reggiane. Allenatore Uefa C e con diversi attestati come Match Analyst, Data Analyst e diplomato all’Inter Youth Master. Nella vita mi occupo di calcio, oppure il contrario, questo è il mio dilemma più grande

Articoli recenti