HomeSerie APerché Giampaolo al Sassuolo sarebbe un'ottima idea per entrambi

Perché Giampaolo al Sassuolo sarebbe un’ottima idea per entrambi

Marco Giampaolo sarebbe pronto a tornare subito in gioco per una panchina: il Sassuolo lo avrebbe messo infatti in cima alle proprie soluzioni per il dopo De Zerbi

LEGGI ANCHE: Cosa non è andato tra Giampaolo e il Torino

Sta per partire il valzer delle panchine, e una delle più interessanti in Serie A potrebbe andare a Marco Giampaolo, allenatore da sempre molto stimato ma che purtroppo ha spesso raccolto risultati deludenti in carriera.

Per lui si parla ora del Sassuolo, che dovrà sicuramente dire addio a Roberto De Zerbi, accordatosi per sostituire Luis Castro allo Shakhtar Donetsk (che ha appena perso il titolo ucraino dopo quattro stagioni di successi ininterrotti). Dopo due colpi a vuoto, il club della Mapei potrebbe essere la soluzione giusta per l’allenatore abruzzese.

Le chance di Giampaolo

LEGGI ANCHE: De Zerbi allo Shakhtar, una scelta molto particolare

Giampaolo è da sempre considerato un allenatore molto preparato e con un’idea di calcio moderna e propositiva, ma il suo curriculum è pieno di passi falsi. Le cose migliori le ha indubbiamente fatte in contesti molto particolari, principalmente tra il 2015 e il 2019 prima con l’Empoli e poi con la Sampdoria, due ambienti con poche pressioni e in cui ha avuto la possibilità di sviluppare liberamente le proprie idee tattiche.

Allenatori

Una delle cose che si sono spesso rinfacciate all’allenatore giuliano ma nativo di Bellinzona è il fatto di non sapere reggere gli ambienti caotici e poco pazienti (la sua rottura col Brescia, nel 2013, ha fatto storia). A Sassuolo troverebbe quindi un clima perfetto per lui, dove è facile costruire progetti sul lungo periodo puntando molto sui giovani.

LEGGI ANCHE: Anche il fratello di Giampaolo è stato esonerato

Giampaolo avrebbe tutto l’interesse ad accettare questa opzione, anche perché a quasi 54 anni ha bisogno di rimettere urgentemente in pista la sua carriera. Dopo le stagioni alla Sampdoria si era guadagnato un forte credito in Serie A, che però è stato dilapidato nella fallimentare esperienza milanista. L’estate successiva ha deciso di tornare subito al lavoro, accettando l’offerta del Torino, altro contesto in cui ha faticato molto a lavorare serenamente e che fin da subito era parso poco adatto a lui.

Giampaolo Sassuolo: un progetto su misura

Da anni il Sassuolo ha avviato un proprio progetto sportivo ben preciso, incentrato su giocatori giovani e tecnici, alla ricerca di un’idea di calcio moderna e spettacolare. Prima di De Zerbi, qui era stata lanciata la carriera di Di Francesco, e Giampaolo sarebbe la corretta prosecuzione di quella linea tattica: dimostrazione che l’obiettivo è la continuità partendo da solide basi, non la rivoluzione.

LEGGI ANCHE: Roma Sassuolo, perché potrebbe servire il sorteggio per la Conference League

La rosa ha un’ossatura solida, ma al tecnico abruzzese potrebbe essere dato spazio per portare alcune novità, specialmente in vista di un probabile ricambio nell’organico: Maxime Lopez probabilmente tornerà al Marsiglia, mentre giocatori come Boga, Locatelli e Berardi potrebbero finalmente fare il salto verso club di categoria più alta.

giampaolo torino
Fonte: @torinofcinstaclub (Instagram)

Inoltre, Marco Giampaolo rappresenta un vantaggio anche sotto il profilo economico: attualmente è senza panchina, anche se ancora sotto contratto col Torino, società che ha tutto l’interesse a liberarlo e alleggerire il proprio monte salariale. L’altra opzione del Sassuolo in panchina sarebbe Vincenzo Italiano, ma dopo la salvezza dello Spezia la nuova proprietà americana di Robert Platek sembrerebbe più interessata a consolidare il gruppo piuttosto che a smembrarlo, e arrivare all’attuale tecnico dei liguri diverrebbe molto complicato.

LEGGI ANCHE: Sassuolo, per il dopo De Zerbi c’è Italiano in pole

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

98316bfe462d28c8979063b5c072b9cf?s=90&d=mm&r=g
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti