qarabag maccabi tel aviv
Fonte Immagine: @footballxelmundo / @fkqarabagh (Instagram)

Il match di Europa League tra Maccabi Tel Aviv e Qarabag pone di fronte due squadre simbolo di Paesi noti soprattutto per questioni geopolitiche, che però spesso si riflettono nel calcio.

VILLARREAL, UNA EUROPA LEAGUE… “ASIATICA”

Due paesi in guerra fin da quando sono nati, Israele e Azerbaijan: due conflitti diversi che continuano a tenere banco sulle pagine di attualità internazionale, tra loro molto simili, e che pure non hanno impedito la crescita del calcio locale. Ora, le due squadre si affrontano nei gironi di Europa League, in una sfida tra nazioni politicamente molto vicine, a dispetto di quello che potrebbe sembrare.

CLUB BRUGGE, LA NUOVA SPERANZA DEL CALCIO BELGA IN CHAMPIONS LEAGUE

Un’alleanza geopolitica

Se infatti Israele è da sempre in conflitto con gli arabi palestinesi, ovviamente musulmani, l’Azerbaijan è una delle poche nazioni a maggioranza musulmana a intrattenere ottime relazioni diplomatiche ed economiche con il paese ebraico: gli ebrei sono presenti a Baku e dintorni da secoli, e la città azera fu la sede della prima scuola ebraica dell’Unione Sovietica, nel 1982.

CHI SI RICORDA IL CLAUDIO RANIERI GIOCATORE?

I rapporti odierni tra i due paesi sono visti con particolare favore in Israele, specie dalla parte più conservatrice della società: l’Azerbaijan è un importante fornitore energetico, un fattore fondamentale per un paese che è formalmente in conflitto con la maggior parte dei paesi produttori di petrolio e gas naturale. Inoltre, Baku è visto come un importante alleato in chiave anti-Iran, visto che in quest’ultimo risiedono molti azeri: una guerra tra Iran e Israele comporterebbe grossi problemi interni per Teheran.

DINAMO KIEV – JUVENTUS 0-2, L’ANALISI: LE 3 CHIAVI DEL MATCH

L’Azerbaijan, negli ultimi tempi, ha lavorato molto sulla sua immagine internazionale, aprendosi a nuovi mercati per potenziare la propria economia già in forte espansione. Avere ottime relazioni con Israele, così come con importanti potenze occidentali, è una questione fondamentale per la reputazione del regime nepotista di Ilham Aliyev (al potere dal 2003, dopo essere succeduto al padre). Inoltre, Israele fornisce a Baku gran parte delle proprie tecnologie e armamenti, sostenendo molto la crescita del paese.

FINALMENTE DEMBELÈ: IN GOL AL BARÇA DOPO PIÙ DI UN ANNO

Il Maccabi Tel Aviv è Israele

La complicata situazione politica in Medio Oriente va avanti ormai da decenni, e in questi anni di governo Netanyahu stiamo assistendo a un rafforzamento del discusso programma israeliano di annessione delle colonie palestinesi. Nonostante questo, però, proprio di recente il paese ha migliorato i propri rapporti con due paesi musulmani da sempre piuttosto ostili, come Sudan ed Emirati Arabi Uniti.

Dal 1974, Israele è stato costretto ad abbandonare la AFC ed entrare nella UEFA, motivo per cui ormai i suoi club giocano nelle coppe europee; lo sport è così diventato uno strumento con cui avvicinarsi ai paesi occidentali e mantenere con loro ottimi rapporti (anche se è nel basket, più che nel calcio, che Israele ha ottenuto buoni risultati).

DINAMO KIEV – JUVENTUS, QUANDO PIRLO GIOCAVA PER LUCESCU

Da questo punto di vista, il Maccabi Tel Aviv rappresenta uno dei migliori biglietti da visita possibili (sia nel calcio che nel basket, essendo una polisportiva): ha sede nella città più moderna e alla moda del paese, lontana dal conflitto etnico che si avverte invece a Gerusalemme, e negli ultimi anni ha investito molto per portare nomi di caratura internazionale in squadra, specialmente in panchina (Oscar Garcia, Paulo Sousa, Peter Bosz).

FRANCISCO GENTO, PIÙ VELOCE DEL VENTO

Così, nell’ultimo decennio, il Maccabi è tornato ad avere un ruolo di primo piano nel calcio locale, vincendo cinque campionati e arrivando tre volte secondo. L’identificazione del club più vincente d’Israele con il suo potere politico è diventata più forte con il progressivo spostamento verso destra della classe media di Israele, da sempre sostenitrice del Maccabi e che oggi vota Netanyahu. Qualche mese fa, gli ultras hanno preso parte agli attacchi verso i contestatori del presidente, unendosi ai tifosi del Beitar Gerusalemme, notoriamente i più conservatori e violenti del paese.

PREMIER LEAGUE, PERCHÈ LE BIG PRENDONO TROPPI GOL

Il Qarabag è l’Azerbaijan

Il caso dell’Azerbaijan è ancora più particolare. Dalla sua nascita, nel 1991, il paese si è trovato in guerra con l’Armenia (un conflitto che, come in Medio Oriente, è anche religioso, essendo gli armeni principalmente cristiani) per il controllo della regione di confine del Nagorno-Karabakh. Di fatto, non è mai stata stipulata alcuna pace, e il conflitto ha visto una nuova escalation proprio nel corso degli ultimi mesi.

BARCELLONA, ANSU FATI E PEDRI DA RECORD IN CHAMPIONS LEAGUE

Come si evince facilmente dal nome, il Qarabag è la squadra della comunità azera della regione, ma alle sue spalle ha una storia particolare e molto intrecciata con la politica: club da sempre marginale, è stato progressivamente trasformato nella corazzata del calcio azero grazie al sostegno del governo di Aliyev. Si è spostato a giocare a Baku, ospitato nell’avveniristico stadio Tofiq Bahramov, e da sette anni vince il campionato locale oltre a partecipare regolarmente alle fasi a gruppi delle coppe europee.

GLI STADI PIÙ ALTI AL MONDO: SOLO SUDAMERICA NELLA TOP 10

Proprio come il Maccabi Tel Aviv, il Qarabag è un perfetto simbolo del paese: gioca in una città giovane e moderna, che già di per sè è il volto internazionale della propria nazione, e ha saputo costruire una serie di successi sportivi che portano praticamente a identificare il calcio locale con i suoi colori. Se c’è una squadra che incarna il proprio paese in tutto e per tutto questo è indubbiamente il Qarabag, per espressa volontà della politica.

LAZIO BORUSSIA DORTMUND 3-1, L’ANALISI: LE 3 CHIAVI DEL MATCH

Così sia gli azeri che gli israeliani riescono a essere non solo due squadre di calcio impegnate nell’Europa League 2020-21, ma anche due macchine di propaganda politico-sportiva, che portano in giro per il continente l’immagine di due nazioni moderne, ricche e forti, capaci di andare avanti con lo sport e la vita nonostante siano “sotto attacco”.