livorno
Fonte Immagine: @livornocalcio (Instagram)

A Livorno è nato un progetto di azionariato popolare per salvare il club amaranto. Ce lo siamo fatto raccontare da uno dei suoi componenti, Alessandro Colombini

19° posto in classifica in Serie C, dopo la retrocessione dell’anno scorso dalla B: la crisi del Livorno sembra sul punto di travolgere definitivamente il club amaranto, che solo sette stagioni fa giocava in Serie A e oggi intravede una drammatica caduta in quarta serie. Il punto più basso da quando, nel 1999, Aldo Spinelli ha preso le redini della società.

LEGGI ANCHE: Europa League, dove vedere le partite di stasera in tv

Così, in città è nato un progetto per salvare un club storico, che in questi ultimi vent’anni è arrivato anche a disputare le coppe europee. “Abbiamo raccolto oltre 800 adesioni in 24 ore” ci racconta entusiasta Alessandro Colombini, uno dei membri di Livorno_popolare. Ma, da quando lo abbiamo sentito, le firme hanno già superato quota 1.000, tra cui alcuni nomi illustri come Marco Amelia, Emerson Ramos Borges, il sindaco Luca Salvetti e anche Alessandro Diamanti.

Il progetto di Livorno Popolare

“Sono almeno cinque anni che Livorno vive una situazione drammatica – spiega Colombini, che si occupa di comunicazione ed è stato tra i primi a entrare nel progetto – l’anno scorso tra la retrocessione e il Covid, la città è stata travolta dall’apatia, e come livornesi non lo potevamo accettare. Le prime adesioni dimostrano che non eravamo gli unici ad avvertire questo bisogno”.

Da tempo, l’interesse e l’investimento di Spinelli nel club è calato, e lo scorso settembre l’imprenditore ligure ha ceduto la maggioranza delle azioni accusando stampa e tifosi di averlo voluto cacciare. Ma nel frattempo a Livorno non è arrivata alcuna nuova proprietà stabile, e a dicembre è dovuto intervenire ancora Spinelli per coprire le spese ed evitare il fallimento del club.

LEGGI ANCHE: Infortunio Chiellini | quando rientra | tempi di recupero

“Chi è interessato al Livorno arriva, dà un’occhiata ai conti, e poi non è più interessato al Livorno” dice ancora Colombini. Così, proprio a settembre 2020, è nata l’idea di riunire un gruppo di studio per vagliare la possibilità di salvare il Livorno tramite un progetto di azionariato popolare, che all’inizio di questa settimana si è presentato pubblicamente attraverso un proprio sito e i relativi canali social. “Siamo usciti con nomi e cognomi, perché vogliamo che sia chiaro che non faremo il passo più lungo della gamba: ogni decisione sarà adeguatamente soppesata”.

LEGGI ANCHE: Livorno verso il fallimento: una gestione tutta italiana

Il primo passo consiste nel raccogliere le adesioni, dando la possibilità a tutti gli interessati di sottoscrivere il progetto e restare informati sui suoi prossimi sviluppi. “Puntiamo ad arrivare ad almeno 3.000 firme. Non chiediamo soldi, ma credibilità: avere la possibilità di rappresentare un ampio numero di persone ci permetterà di interfacciarci con la società e poter studiare approfonditamente i conti”.

Azionariato popolare: utopia o possibilità?

Il progetto di Livorno_popolare si fonda su solide basi, e ha coinvolto fin da subito persone che non sono solo (o necessariamente) tifosi, ma anche esperti di economia, come Francesco Bellanca, CEO di Feral Horses. “Non vogliamo illudere nessuno – continua Colombini – non pensiamo si possa reggere tutto sulle quote societarie, per cui siamo aperti anche a imprenditori privati esterni al gruppo”.

LEGGI ANCHE: La Roma cambia sponsor: ufficiale l’accordo con New Balance

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da _popolare (@livorno_popolare)

I modelli a cui ispirarsi sono diversi, dal 50%+1 del calcio tedesco alla partecipazione dei tifosi nei club spagnoli come Real Madrid e Athletic Bilbao, dai supporter trust inglesi fino al calcio popolare del Centro Storico Lebowski. “Ma vogliamo essere un ibrido di ognuno di questi, perché Livorno è una realtà unica. Abbiamo due principi inderogabili: mantenere una quota di maggioranza nel club, e avere una scuola calcio gratuita“.

Livorno_popolare si affida quindi ai tifosi, per riportare prima di tutto interesse nella squadra cittadina, svillupando un progetto coinvolgente e aperto a tutti. Ancora Colombini precisa, giustamente: “Non vogliamo passare per un gruppo di illuminati che arriva con la medicina giusta per i tifosi, ma dare il via a un percorso da fare assieme, in piena trasparenza e condivisione”.

LEGGI ANCHE: Champions League, dove vedere le partite di stasera in tv

Un aspetto fondamentale sarà quello legato al merchandising, che per funzionare avrà bisogno di una comunicazione efficace, anzi di una vera e propria narrazione nuova attorno a Livorno-popolare e al Livorno Calcio. Un valido riferimento, da questo punto di vista, è senza dubbio l’esperienza del St. Pauli di Amburgo, “Penso che in Italia non ci sia una piazza migliore di Livorno per seguire questo esempio, visti i valori comuni e l’identità della squadra”.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard