HomeCalcio EsteroL'ultima giornata di Ligue 1 sarà la più emozionante e aperta al...

L’ultima giornata di Ligue 1 sarà la più emozionante e aperta al mondo

La Ligue 1 ci regala il finale di campionato più emozionante al mondo, che deciderà non solo la corsa per il titolo, ma anche i piazzamenti europei e lo spareggio retrocessione

LEGGI ANCHE: Lille, macchina da gol che vince con gli sconosciuti

Erano anni che la Ligue 1 non veniva decisa all’ultima giornata, in una condizione di incredibile incertezza per quanto riguarda non solo lo scudetto, ma anche i piazzamenti UEFA e l’ultima retrocessa.

Domenica 16 maggio, infatti, la vittoria del PSG sullo Stade Reims e il pareggio interno del Lille con il Saint-Etienne hanno riaperto la lotta scudetto, che vede ora tre squadre in altrettanti punti. Vediamo cosa può succedere.

Ligue 1: la corsa scudetto

LEGGI ANCHE: Il PSG ha qualche problema a gestire le pressioni

Il Lille guida ancora la classifica con 80 punti, ma una sola lunghezza di vantaggio sul PSG; in terza posizione c’è invece il Monaco, che si trova a due punti dai parigini e a tre dai Dogues. Sono queste le squadre in lotta per il titolo, e che attualmente occupano anche le tre posizioni che consentono l’accesso alla Champions League.

lione lille ligue 1
Fonte: @losclive (Instagram)

Il Lille, ovviamente, deve vincere domenica in casa dell’Angers dodicesimo, mentre le sue due avversarie se la dovranno vedere in trasferta rispettivamente con il Brest sedicesimo (e in lotta per non retrocedere) e con il Lens sesto (in lotta per l’Europa). Cosa succede, però, in caso di arrivo a pari punti?

LEGGI ANCHE: È tornato il Monaco

Il Lille è in vantaggio sia contro il PSG (0-0 all’andata, e 1-0 al ritorno) che contro il Monaco (2-1 all’andata, e 0-0 al ritorno), e si trova quindi nella miglior situazione possibile. Il Monaco, pertanto, è escluso dalla possibilità di vincere lo scudetto, non potendo in alcun modo superare il Lille in testa alla classifica.

Ligue 1: la corsa all’Europa

Più complicata la storia in merito alle posizioni che qualificano alle coppe europee: in Ligue 1, da quest’anno, sono le prime sei. Le prime due accedono direttamente alla fase a gironi della prossima Champions League, mentre la terza all’ultimo turno preliminare; quarto e quinto posto valgono la qualificazione ai gironi di Europa League, mentre il sesto porta in Conference League.

LEGGI ANCHE: Rinnovi, acquisti sbagliati, Ligue 1 che sfugge: tutti i problemi del PSG

Le prime tre della classifica sono già sicure, ma devono ancora decidersi le rispettive posizioni. Escluso dalla lotta per lo scudetto, il Monaco può ancora scavalcare il PSG al secondo posto: ha due punti di ritardo, e in caso di arrivo alla pari sarebbe secondo per gli scontri diretti (vittoria 3-2 all’andata, e poi 2-0 al ritorno). Allo stesso tempo, però, i monegaschi devono guardarsi dal Lione, quarto a un solo punto: l’OL è in vantaggio negli scontri diretti, avendoli vinti entrambi.

monaco
Fonte Immagine: @asmonaco (Instagram)

Il Marsiglia, quinto, non ha possibilità di rientrare in lotta per le prime quattro posizioni, ma non può dirsi neppure sicuro di un posto in Europa League, poiché ha solo tre punti di vantaggio sul Lens, che lo supererebbe in caso di arrivo a pari punti. E il Lens, che se la vedrà in casa col Monaco terzo, deve stare attento perché ha un solo punto di vantaggio sul Rennes (impegnato in casa col Nimes già retrocesso), e rischia di perdere il posto in Conference League.

Ligue 1: la zona retrocessione

LEGGI ANCHE: Com’è andata la stagione di De Sciglio al Lione

Nel campionato francese retrocedono direttamente due sole squadre, che si sa già saranno Digione e Nimes, che sono pure certe delle proprie rispettive posizioni in classifica. La terzultima, però, dovrà affrontare in uno spareggio la vincitrice dei playoff della Ligue 2 (una tra Tolosa, Grenoble e Paris FC): attualmente, a rischio ci sono addirittura sei squadre, dal Nantes attualmente terzultimo (40 punti) allo Stade Reims tredicesimo (42 punti).

Domenica, i Canaris affrontano il Montpellier ottavo (e senza più obiettivi), cosa che mette in difficoltà soprattutto Strasburgo, Brest e Lorient, tutte e tre a 41 punti, con questi ultimi che in base alla classifica avulsa occupano la posizione più bassa. Diventa così molto interessante lo scontro diretto tra Strasburgo e Lorient, con gli arancioneri che hanno assolutamente bisogno di una vittoria per stare al sicuro (mentre gli alsaziani potrebbero anche accettare una sconfitta, essendo davanti anche al Brest, contemporaneamente impegnato in casa col PSG).

Ligue 1: classifica e ultima giornata

LEGGI ANCHE: Pape Sarr, la rivelazione della Ligue 1 gioca nel Metz

Domenica 23 maggio è la data finale della Ligue 1 2020/2021: tutte le partite saranno giocate in contemporanea alle 21:00, e saranno visibili in Italia su DAZN. Ecco le sfide dell’ultima giornata:

squadre multimilionarie
Fonte Immagine: @football.stats4 (Instagram)

Saint-Etienne – Digione
Lione – Nizza
Stade Reims – Bordeaux
Angers – Lille
Lens – Monaco
Rennes – Nimes
Brest – PSG
Strasburgo – Lorient
Nantes – Montpellier
Metz – Marsiglia

Classifica: Lille 80, PSG 79, Monaco 77, Lione 76, Marsiglia 59, Lens 56, Rennes 55, Montpellier 51, Nizza 49, Metz 46, Saint-Etienne 46, Angers 44, Stade Reims 42, Bordeaux 42, Strasburgo 41, Brest 41, Lorient 41, Nantes 40, Nimes 35, Digione 18

LEGGI ANCHE: Come Jonathan David ha cambiato la stagione del Lille

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti