liga
Fonte: Instagram @cadizclubdefutbol

Due graditi ritorni infiammeranno la prossima stagione in Liga: dal Cadice, assente dai grandi palcoscenici dal 2006, all’Huesca, che riappare dopo un solo anno

Qualche giorno fa era toccato al Cadice, nelle ultime ore a festeggiare è stato il Huesca. Andalusia ed Aragona avranno una rappresentante a testa in più nella Liga 2020/21, che si preannuncia come una delle più scoppiettanti degli ultimi anni. Il verdetto, arrivato con due giornate d’anticipo, sorprende perché né Cadice né Huesca, almeno alla vigilia, erano state inserite nel lotto delle favorite in previsione della lotta promozione.

RONALDO – IMMOBILE, SFIDA DA RECORD IN SERIE A

Invece, i due slot occupati dalle succitate implicano l’esclusione dalla prossima Primera Division della maggior parte delle protagoniste tanto attese. Solo una tra la Real Saragozza – che quest’anno si è letteralmente suicidata -, l’Almeria del ricco progetto saudita, il Girona e il Rayo Vallecano avrà quindi la possibilità di tornare al piano superiore, abbandonando una cadetteria lunga, estenuante e troppo dispendiosa a livello di impegni.

JOAO PEDRO, L’ORO DI CAGLIARI

Cadice, la protagonista che non ti aspetti

L’obiettivo di inizio stagione del Cadice era quello di provare a giocarsi la promozione ai playoff. Col passare delle giornate, però, la consapevolezza che la squadra allenata da Alvaro Cervera potesse scrivere un pezzo importantissimo della propria centenaria storia è andata sempre più in crescendo. Merito, in primis, proprio del lavoro portato avanti dal classe 1965 originario della Guinea Equatoriale, risultato decisivo col passare dei mesi.

LEEDS IS BACK: 16 ANNI DOPO È DI NUOVO IN PREMIER LEAGUE

Dopo un inizio sorprendentemente positivo, la squadra ha ingranato la quinta non abbandonando mai più le prime due posizioni della classifica. Nemmeno dopo il lockdown, i ‘pajaritos’ hanno perso smalto. La società, nella figura del presidente Manuel Vizcaino, ha riportato in Liga una squadra che tra gli anni Ottanta e i Novanta frequentava regolarmente i piani alti del calcio spagnolo, salvo poi sprofondare in una crisi economica irreversibile.

GIOVANI E TALENTUOSI: MOUKOKO, IL FUTURO È GIÀ QUI

Gli ultimi 25 anni sono stati un calvario, passati tra seconda e terza divisione con una sola puntata, nel 2005/06, in Liga. Una sorta di canto del cigno, che dopo anni ancora brucia viste le potenzialità che una piazza calda, e non solo a livello di clima, come Cadice ha spesso fatto intravedere. Un pubblico, quello che riempie le tribune dell’Estadio Ramon de Carranza, molto appassionato, che quest’anno è finalmente tornato a godersi una squadra capace di emozionare giocando un calcio offensivo e propositivo.

NAPOLI, IL PEGGIOR ATTACCO DELLA CHAMPIONS E IL TRIDENTE ETERNO

I protagonisti della cavalcata

Alberto Cifuentes ha 41 anni, fa il portiere e a Cadice ha trovato una sorta di seconda giovinezza. Con la fascia di capitano legata al braccio ha guidato i suoi compagni nella cavalcata vittoriosa di quest’anno, culminata con la promozione diretta in Liga. La dirigenza, consapevole della difficoltà del campionato, gli ha affiancato diversi elementi di esperienza.

DARWIN NUNEZ VERSO L’ITALIA: NAPOLI E ROMA SUL TALENTO DELL’ALMERIA

Dal centrocampista argentino Augusto Fernandez, grande feticcio di Simeone all’Atletico Madrid, fino ad Alberto Jurado, passando per il centrale difensivo Juan Cala (che vanta parecchie presenze ai piani alti), il mix messo a disposizione di Alvaro Cervera si è rivelato esplosivo, esaltando le doti della stella del Cadice versione 2019/20, quel Anthony Lozano arrivato in estate dal Girona, altra squadra retrocessa dalla Liga. L’honduregno ha segnato e fatto segnare, rivelandosi come uno degli attaccanti più incisivi della Segunda Division.

I 10 GOL PIÙ VELOCI NELLA STORIA DEL CALCIO

Huesca, in Liga dopo un solo anno

I suicidi sportivi di Real Saragozza e Almeria hanno permesso all’Huesca di tornare in Liga a soli dodici mesi dalla fine della prima storica avventura in massima serie della piccola realtà aragonese. Che, lo scorso anno, prima di mollare definitivamente aveva messo in difficoltà anche alcune big. Per provare a riaffacciarsi tra le grandi, la società ha affidato la panchina a Michel, tecnico giovane ma già collaudato per la categoria.

BELOTTI E MERCATO: IL GALLO PUÒ FUNZIONARE IN UNA BIG?

Reduce da diverse esperienze con il Rayo Vallecano, Michel ha saputo imbastire un 4-2-3-1 molto ordinato, nel quale spicca la qualità dei suoi interpreti offensivi. Per esempio, a Huesca si è rilanciato il giapponese Shinji Okazaki, capace di diventare il vero valore aggiunto del club oscense assieme a Mikel Rico, reietto nelle ultime stagioni a Bilbao e arrivato a parametro zero la scorsa estate. Inoltre, in Aragona si sono ritrovati diversi giovani di grande prospettiva come Rafa Mir (Wolverhampton), Jordi Mboula (Monaco), Dani Raba (Villarreal) e soprattutto Segio Gomez.

IL REAL MADRID FA 34: LA VITTORIA DI UN GRANDE GRUPPO

Parola d’ordine: riprogrammare

Il baby prodigio del calcio spagnolo, che il Borussia Dortmund ha prestato per fargli accumulare minuti, nel girone di ritorno si è ritagliato un posto da titolare, andando ad allungare ulteriormente le rotazioni di Michel. Il resto lo ha fatto una difesa migliorata parecchio col passare delle giornate, nella quale Pulido e Luisinho hanno a tratti dominato, e la consapevolezza di possedere una qualità che altre squadre non avevano a disposizione.

MARIO PASALIC, IL SOLDATO DI GASPERINI

Ora non resta che capire come non ripetere più gli errori del passato. Della squadra che aveva conquistato la Liga un paio di anni fa non è rimasto quasi nessuno, ma è ovvio che la dirigenza dovrà massicciamente puntellare una rosa composta oggi prevalentemente da calciatori in prestito. Rivedere e riprogrammare sono quindi le due parole d’ordine per un Huesca che, nella propria storia, non è mai stata abituata a frequentare palcoscenici così importanti.

View this post on Instagram

❤️? La noche del triunfo del Huesca no se vivió como se hubiese deseado, pero la celebración iba por dentro y los corazones azulgranas aceleraron sus pulsaciones conforme pasaban los minutos y veían que el sueño se iba a hacer realidad. Sin reblar, no cesaron de animar al equipo, pero al mismo tiempo predominó la moderación que se había pedido. Han sufrido minuto a minuto, como si fueran ellos los que corrían en el césped del Alcoraz y se estuvieran midiendo ante el rival en tan importante jornada, y cuando ha finalizado el partido se han conformado con sonreír bajo las mascarillas. ? www.diariodelaltoaragon.es @sdhuesca #huesca #huescanumancia #futbol #laliga #segundadivision #primeradivision #vamoshuesca

A post shared by Diario del Altoaragón (@diarioaltoaragon) on

Per restare sempre aggiornati, seguici su Instagram e Facebook