lazio
Fonte: Instagram @official_sslazio

Girone di Champions League abbordabile per la Lazio, che trova sulla sua strada Borussia Dortmund, Zenit e Bruges: alla scoperta delle avversarie biancocelesti

La Lazio torna in Champions League e, già con ampio anticipo, si può pronosticare una concreta corsa dei biancocelesti verso i quarti di finale. Non ce ne vogliano i tifosi laziali, che all’occorrenza possono anche fare gli opportuni scongiuri, ma l’urna di Nyon è stata particolarmente benevola con la squadra di Inzaghi.

KRASNODAR: ESORDIO IN CHAMPIONS LEAGUE DOPO 12 ANNI

In primis, perché dalla prima fascia è uscita l’avversaria più abbordabile assieme al Porto, ovvero i campioni russi dello Zenit. In secondo luogo, perché dall’urna numero due è sbucato il Borussia Dortmund, ostacolo complicato che però poteva essere pure peggiore considerando i nomi nel pot. Infine, Drogba e Maolida hanno regalato alla Lazio il Bruges, pescato dalla quarta fascia. Sulla carta, niente male davvero.

GIOVANI E STATISTICHE: COME IL MIDTJYLLAND HA CONQUISTATO LA CHAMPIONS LEAGUE

Zenit, come gioca e formazione tipo

Lo Zenit di mister Semak sulla carta potrebbe essere un’avversaria da prendere con le molle, ma la Lazio ha ampiamente le armi per poterla affrontare. Il mercato ha portato in dote una sola novità in entrata – il centrale Lovren, ex Liverpool – in una squadra nella quale comunque non manca la qualità. La stella è l’iraniano Serdar Azmoun, in passato vicino proprio ai biancocelesti, ma anche Sebastian Driussi, l’ex Barcellona Malcom e Wilmar Barrios meritano di essere tenuti sott’occhio.

HATEBOER, INIZIO DA SOGNO: GASPERINI SE LO GODE

Lo Zenit, una Coppa UEFA e una Supercoppa nel 2008, gioca un calcio altamente fisico e nello stesso tempo reattivo, imperniato su una manovra offensiva che fa riferimento al gigantesco centravanti Dzyuba, ben implementato dalla presenza di Azmoun. La fase difensiva, invece, lascia un po’ a desiderare, e sarà proprio lì – con intensità e spinta – che la Lazio dovrà andare a colpire i campioni in carica russi.

JUVENTUS, AVVERSARIE GIRONE CHAMPIONS LEAGUE 2020/21

Formazione tipo (4-4-2): Kherzakov; Karavaev, Lovren, Rakitskyi, Douglas Santos; Malcom, Ozdoev, Barrios, Erokhin; Dzyuba, Azmoun. Allenatore: Semak

ANDREJ GALABINOV, IL BOMBER CHE NON TI ASPETTI

Borussia Dortmund, come gioca e formazione tipo

Il Borussia Dortmund non ha certo bisogno di troppe presentazioni. Il club tedesco è ormai frequentatore abituale della Champions League, dalla quale lo scorso anno è uscita dopo un doppio confronto molto tirato contro il PSG. Ma oggi, la squadra di Favre ha un anno di esperienza in più, fondamentale soprattutto per un gruppo con un’età media così bassa, al quale in estate è stato aggiunto il promettente classe 2003 inglese Jude Bellingham.

LE PARTITE DI OGGI IN TV: DOVE GUARDARLE E A CHE ORA

Se rimane Sancho, il BVB diventa la favorita per vincere il raggruppamento. Il wonder kid inglese si associa perfettamente con Haaland, altro gioiello strappato a gennaio al Salisburgo. Favre cerca di mettere tutti i suoi protagonisti nelle condizione di puntare gli spazi e devastare gli avversari con folate, principalmente sugli esterni, dalle quali nasce sempre qualcosa di interessante. E, in questo laboratorio di idee, quest’anno troveranno spazio anche Reinier (2002) e Moukoko (2004).

INTER, AVVERSARIE GIRONE CHAMPIONS LEAGUE 2020/21

Formazione tipo (3-4-2-1): Hitz; Piszczek, Emre Can, Hummels; Meunier, Delaney, Dahoud, Guerreiro; Reus, Brandt (Sancho); Haaland. Allenatore: Favre

LAZIO E CALCIOMERCATO, QUANTO VALE LA ROSA DI INZAGHI?

Bruges, come gioca e formazione tipo

Sulla carta, il Bruges dovrebbe avere poche speranze di qualificazione agli ottavi di finale di Champions League. Eppure, la compagine belga campione in carica in Jupiler League potrebbe lasciare qualche spunto interessante in eredità. In panchina siede uno degli allenatori più innovativi del movimento belga, Philippe Clement, 46enne i cui dettami tattici vertono sullo sfruttamento delle transizioni offensive, efficaci grazie a una serie di velocisti niente male trovati, in primis, dai tanti scout presenti in Africa.

DIOGO DALOT, UN PREDESTINATO AI MARGINI DELLA PREMIER LEAGUE

Emmanuel Dennis, nigeriano classe 1997, e Krepin Diatta, senegalese di due anni più giovane, ne sono il fulgido esempio. In realtà il Bruges rimane comunque un discreto mix di esperienza e nuove proposte. Davanti alla difesa comanda Eder Balanta, ex ragazzo prodigio del River Plate, con due leader della manovra come Vanaken e Vormer ai propri lati. In difesa dirigono il croato Mitrovic e l’intramontabile Mignolet, mentre il centravanti è l’ex spezino Okereke.

ATALANTA, AVVERSARIE E GIRONE CHAMPIONS LEAGUE 2020/21

Formazione tipo: (4-3-3): Mignolet; Mata, Koussounu, Deli, Ricca; Vanaken, Balanta (Rits), Vormer; Diatta, Okereke, Dennis. Allenatore: Clement

DIOGO DALOT, UN PREDESTINATO AI MARGINI DELLA PREMIER LEAGUE

Per restare sempre aggiornati, seguici su InstagramFacebook Twitter