Inter

Alla sua terza partecipazione consecutiva in Champions League, l’Inter evita il girone di ferro: Real Madrid, Shakhtar Donetsk e Borussia Mönchengladbach le squadre presenti insieme ai nerazzurri nel gruppo B. Per la squadra di Antonio Conte, quest’anno, il superamento del girone diventa un imperativo: conosciamo meglio tutte le squadre.

JUVENTUS, AVVERSARIE GIRONE CHAMPIONS LEAGUE 2020/21

Real Madrid, come gioca e formazione tipo

Il Real Madrid post-CR7 è senza dubbio una realtà ridimensionata in campo europeo. Campioni uscenti in Liga, i blancos sono usciti agli ottavi di finale nelle ultime due edizioni di Champions League, eliminati dall’Ajax di Ten Haag e dal Manchester City di Pep Guardiola. D’altronde, la squadra sta attraversando un periodo di ricambio generazionale in cui, insieme ai sempre presenti senatori della rosa (da Sergio Ramos a Benzema), si stanno facendo spazio tanti giovani.

BENZEMA, L’EPICENTRO DEL REAL MADRID

Mendy ha ormai scalzato Marcelo sulla fascia sinistra e rappresenta già una certezza. Valverde sta avendo sempre più importanza a centrocampo con la sua completezza e duttilità, tanto da partire titolare in due delle prime uscite stagionali. In attacco, continuamente orfano di Hazard per problemi fisici, Benzema sta facendo da chioccia alle due stelline verdeoro Vinicius e Rodrygo.

ATALANTA, AVVERSARIE E GIRONE CHAMPIONS LEAGUE 2020/21

Senza dimenticare Ødegaard, che sta facendo meditare Zizou sulla possibilità di passare al 4-2-3-1 (con Isco come altro 10). Per tradizione e livello della rosa, il Real Madrid rimane certamente la favorita a vincere il gruppo B, ma dovrà fare fatica: nelle ultime due edizioni, il bottino più ampio delle merengues è stato di 12 punti. Ecco la formazione tipo:

Real Madrid (4-3-3): Courtois; Carvajal, Varane, S. Ramos, Mendy; Modric, Casemiro, Kroos; Rodrygo, Benzema, Vinicius Jr.

DIOGO DALOT, UN PREDESTINATO AI MARGINI DELLA PREMIER LEAGUE

Shakhtar Donetsk, come gioca e formazione tipo

I “minatori” ucraini rievocano sicuramente dei piacevoli ricordi nella mente dei tifosi nerazzurri. L’Inter ha affrontato e battuto con un netto 5-0 lo Shakhtar Donetsk il 17 agosto, nelle semifinali di Europa League: una squadra apparsa quasi del tutto inefficace nella metà campo nerazzurra, portando pochissimi uomini in area di rigore, ed estremamente fragile dietro, complici i tanti errori individuali in fase d’impostazione.

ATALANTA, GIRONE E AVVERSARIE IN CHAMPIONS LEAGUE 2020/2021

I tempi in cui erano protagonisti Mircea Lucescu e talenti del calibro di Douglas Costa, Willian, Fernandinho e Mkhitaryan sembrano ormai lontani, anche se la filosofia di oggi verte ancora sulla ricchezza di talenti provenienti dal Brasile. Pur premettendo che nessun avversario è da sottovalutare, si può dire che l’Inter abbia pescato l’avversario più morbido della seconda fascia. Oltre al precedente di agosto, di ottimo auspicio è anche la scorsa edizione di Champions League, in cui gli ucraini sono stati eliminati ai gironi dall’Atalanta (nonostante la Dea avesse perso tutte le gare d’andata). Ecco la formazione tipo:

Shakhtar Donetsk (4-2-3-1): Pyatov; Dodò, Kryvtsov, Matviienko, Korniienko; Stepanenko, A. Patrick; Marlos, Kovalenko, Taison; J. Moraes.

LAZIO, AVVERSARIE E GIRONE CHAMPIONS LEAGUE 2020/21

Borussia Mönchengladbach, come gioca e formazione tipo

La squadra di Marco Rose è tra le più ostiche di quelle collocate in quarta fascia. Pur non disponendo di un vero e proprio talento di punta, i tedeschi hanno diverse frecce nel proprio arco. In attacco c’è la maggior dose di talento: tra tutti, merita particolare attenzione la coppia francese formata da Marcus Thuram e Alhassane Pléa, capace di produrre 44 gol (reti+assist) nella scorsa stagione. Particolarmente interessante anche il terzino sinistro Bensebaini, molto dotato tecnicamente, mentre Sommer assicura grande affidabilità tra i pali da diversi anni.

LAZIO, GIRONE E AVVERSARIE IN CHAMPIONS LEAGUE

Fohlen si sono qualificati direttamente ai gironi grazie al 4° posto in Bundesliga, ma il percorso quest’anno è iniziato in salita: netta sconfitta per 3-0 contro il Borussia Dortmund alla 1ª giornata, pareggio casalingo per 1-1 contro l’Union Berlino nello scorso weekend. In campo europeo la squadra fatica ad ingranare: nelle ultime due partecipazioni in Champions League non ha mai superato i gironi, mentre l’anno scorso è arrivata addirittura l’eliminazione dal girone di Europa League (a favore della Roma e del Basaksehir). Ecco la formazione tipo:

Borussia Mönchengladbach (4-2-3-1): Sommer; Rainer, Ginter, Elvedi, Bensebaini; Kramer, Neuhaus; Thuram, Stindl, Hofmann; Pléa.

THURAM E PLEA, COPPIA D’ATTACCO CHE HA CONQUISTATO LA BUNDESLIGA