HomeCalcio EsteroChi è Justin Che, il nuovo talento del Bayern Monaco

Chi è Justin Che, il nuovo talento del Bayern Monaco

Justin Che, difensore centrale dell’under 19 del Bayern, è il nome caldo da seguire della nuova generazione di talenti americani

Si chiama Justin Che, ha 17 anni, di lui si parla un gran bene e, dagli Stati Uniti, è partito alla volta della Germania per giocare con il Bayern Monaco. Il talento americano classe 2003 è uno dei ragazzi sui quali il club bavarese conta parecchio nel prossimo futuro, visto che a livello giovanile il ragazzo ha già dato prova di essere un profilo molto interessante.

LEGGI ANCHE: Maglia Napoli 2021-2022: l’ultima curiosa idea di De Laurentiis

Aggregato attualmente alla squadra under 19 del Bayern, Justin Che viene considerato uno dei wonderkid dal futuro più importante in prospettiva e, proprio per questo motivo, la società ha deciso di imbastire i discorsi che porteranno il giovane difensore a firmare il suo primo contratto da professionista. Accadrà a fine stagione, con validità da fine novembre in poi, quando diventerà maggiorenne, in modo tale da blindarlo e respingere tutte le attenzioni che sta ricevendo in questi mesi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Justin Che (@justin_che46)

Justin Che, da Dallas al Bayern

Secondo Transfermarkt, Justin Che è il trentesimo prodotto dell’academy dei Dallas FC. La franchigia texana sa lavorare molto bene con i giovani e, soprattutto di recente, ha inondato l’Europa di ragazzi sgrezzati in casa. Il ragazzo si è presentato subito bene al Bayern, facilitato dalle origini tedesche della madre che lo hanno portato, sin da bambino, a imparare la lingue e le più diffuse abitudini del posto, decisamente differenti da quelle americane.

LEGGI ANCHE: Premier League, lotta al razzismo: i club boicottano i social

Justin Che al Bayern ci è arrivato grazie a uno dei tanti casting figli dell’accordo tra club datato 2018: dei sei invitati nella sua tornata, solo lui è riuscito a superare la selezione. Una volta completato il passo più importante, è stato subito aggregato all’under 19, venendo impiegato quindi sotto età. La dirigenza, infatti, ha voluto metterlo alla prova per capire quale grado di maturazione abbia già raggiunto. E, secondo la stampa tedesca, le sue prestazioni non sono passate inosservate.

Justin Che, caratteristiche e ruolo

Difficile dire oggi se e quando verrà aggregato alla prima squadra, ma considerato l’imminente arrivo di Nagelsmann – uno che coi giovani lavora bene – si può ipotizzare di vedere Justin Che con i grandi già a partire dal prossimo ritiro estivo. In campo, nasce centrocampista ma ben presto viene retrocesso in mezzo alla difesa. Si tratta infatti di un calciatore estremamente versatile, muscolare ma anche tecnico abbastanza per tenere la palla tra i piedi e sapere che farne.

LEGGI ANCHE: Tottenham, un’altra finale persa: è finito un ciclo

Si spinge spesso avanti per dare appoggio alla manovra offensiva, è preciso nei passaggi e nei lanci sulla media-lunga distanza, ma soprattutto copre un’enorme porzione di campo con le sue falcate, che gli permettono di rimediare quando perde palla. La marcatura è un po’ il suo punto debole, fatica a giocare sull’anticipo e punta molto sui recuperi inseguendo l’avversario, così come di testa deve ancora migliorare.

LEGGI ANCHE: Cosa hanno in comune l’Inter e la Juve di Conte

Il tempo per crescere ce l’ha, ma nel frattempo va specificato come comunque in patria goda di ottima fama, tanto da entrare nel giro degli Usa dall’under 16 e percorrendo con gli anni tutte le categorie. Qui, a proposito di posizione, è stato addirittura utilizzato da terzino destro, ruolo nel quale ha manifestato più di un problema nelle coperture. Tornato centrale, si sta esprimendo su buoni livelli, a conferma di quanto il movimento americano sia cresciuto nell’ultimo decennio.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti