immobile
Fonte: Instagram @ciroimmobile17

La crisi della Lazio coincide con l’involuzione di Ciro Immobile, beccato e insultato dai tifosi a causa dello scarso rendimento. E il Newcastle pensa al colpo di mercato

Tra i tanti danni causati dalla forzata sosta trimestrale, rientra senza dubbio quello di aver stravolto le gerarchie della Serie A. La Lazio, che a marzo volava, ora fa fatica a riprendersi e, dal rientro in campo, i biancocelesti hanno perso ulteriore terreno dalla capolista Juventus. Addio sogni di Scudetto, cullati giustamente grazie alle prestazioni straordinarie della prima parte di stagione, e brusco ritorno alla realtà. Ora la priorità resta quella di blindare la qualificazione in Champions League, la prima dell’era Lotito.

Ciro Immobile è la fotografia del momento no della Lazio. Il centravanti è reduce da 2 soli gol segnati in 5 partite – quella contro il Milan l’ha saltata causa squalifica – e, nonostante il suo bottino in Serie A sia aumentato fino a toccare quota 29, nelle ultime settimane il bomber biancoceleste sta vivendo una preoccupante involuzione. Calo fisico, normalizzazione o distrazioni che arrivano dal mercato? Difficile dirlo oggi, ma c’è qualcosa che disturba Immobile a tal punto da averlo fatto involvere in maniera decisa.

MONDIALI 1930, 11 COSE CHE FORSE NON SAPETE

Spuntato e deriso: Immobile ha smarrito la strada

La Lazio non vince più e lui timbra col contagocce. Dopo la rete segnata nel chiacchierato match vinto di misura contro la Fiorentina, Ciro Immobile è ancora andato in gol a Torino contro i granata, partita nella quale ha preso un cartellino giallo tanto pesante quanto evitabile, utile solo a confermare la sua poca lucidità in questo preciso momento storico. I tifosi, che da definizione sono sempre molto umorali, lo stanno piano piano scaricando, riversando sui social network tutto il livore accumulato in queste settimane, abbinandolo alla sempre fastidiose accuse di scarso impegno.

EIBAR FORZA 6: L’ENNESIMO CAPOLAVORO DI MENDILIBAR

Negli scorsi giorni, lo stesso Immobile ha dovuto pubblicare un post su Instagram chiedendo alla gente di non insultare più la moglie Jessica, fatta oggetto di provocazioni becere e accusata di impegnare il marito con attività che lo distrarrebbero dal fare al meglio il proprio lavoro. Ovviamente i social network alimentano malumori, ma la sensazione è che – nonostante i numeri stagionali rimangano molto alti – tra la Lazio e Immobile cominci a calare un po’ di gelo. Anche la strada verso la Scarpa d’Oro sembra essere compromessa, visto che Lewandowski è lassù e Cristiano Ronaldo sta arrivando a grandi falcate.

ALESSIO CRAGNO, IL CAGLIARI HA IL SUO SUPEREROE

Addio Lazio: c’è il Newcastle all’orizzonte

Passando invece al capitolo mercato, Immobile – ormai prossimo alla trentina – ha diversi estimatori in tutto il mondo, ma di recente è stato il Newcastle a metterlo nel mirino. Il club inglese, che proprio in queste settimane sta completando il passaggio dall’attuale proprietario Mike Ashley a un potentissimo fondo saudita, avrebbe già fatto arrivare sulla scrivania del presidente Lotito un’offerta da 50 milioni di euro. Non pochi, se consideriamo l’età e la poca esperienza internazionale del calciatore.

PAUL MERSON, COME NON ESSERE UN CALCIATORE PROFESSIONISTA

La Lazio per ora non ha ancora veramente mai preso in considerazione l’ipotesi di una cessione, ma se le cose dovessero andare avanti così, potrebbe essere Immobile in primis a chiedere di cambiare aria. Già un paio di anni fa, il celeberrimo mister Li lo aveva sondato per farne il centravanti del Milan ‘cinese’, poi rivelatosi un bluff, mentre nel gennaio del 2019 fu la Cina a tentare Immobile con un’offerta multimilionaria. Risposta: no grazie, perché il bomber campano non voleva lasciare l’Italia.

SALIOU LASSISI: LA CARRIERA MATTA DEL ‘NUOVO THURAM’ MANCATO

Non è detto però che non emergano altre opportunità, come per esempio quella che lo riporterebbe a casa, in quella Napoli la cui maglia sogna di vestire sin da quando era bambino. Suo malgrado, oggi Immobile è diventato il simbolo dell’involuzione di una Lazio che aveva fatto sognare i propri tifosi, capace a tratti di dominare il campionato ma, soprattutto, di insidiare la Juventus. Ma oggi le cose stanno diversamente e, con una Champions League alle porte, perdere uno dei simboli rischia di essere uno dei più grandi autogol dell’era Lotito.

SARR – TORINO, CARATTERISTICHE DEL DIFENSORE FRANCESE CHE PIACE AI GRANATA

Per restare sempre aggiornati, seguici su Instagram e Facebook