Il Napoli si gode la maturazione definitiva di Fabian Ruiz

Centrocampista solido ma silenzioso, talvolta poco appariscente ma decisivo: Fabian Ruiz è una delle pietre angolari del Napoli di Spalletti

La bella vittoria del Napoli sul Bologna porta principalmente la firma di Lorenzo Insigne, capace di trasformare due calci di rigore in rapida successione per regalare agli azzurri il primo posto in coabitazione con il Milan.

Napoli Fan Token, cos’è il business che sta cambiando il calcio

Nella squadra dei 28 punti in 10 partite, tuttavia, non spicca solo il numero 24 con la fascia di capitano al braccio. Tra i protagonisti del Napoli di Spalletti c’è infatti anche Fabian Ruiz, che il match contro il Bologna lo ha aperto grazie all’ennesima botta dalla distanza, uno dei pezzi forti del suo repertorio.

Fabian Ruiz, ‘tuttocampista’ nato

L’inizio di stagione di Fabian Ruiz è stato decisamente positivo, a livello di prestazioni singole ma anche, e forse verrebbe da dire soprattutto, per come lo spagnolo ha saputo subito calarsi nel calcio che Spalletti ha deciso di plasmare attorno al suo Napoli.

La svolta del Napoli passa anche da Zambo Anguissa

Reduce da una stagione complessivamente positiva ma anche, per certi versi, complicata, Ruiz al momento rappresenta una certezza per il tecnico di Certaldo. Titolarissimo, lì in mezzo, assieme al socio Zambo-Anguissa, a comporre una cerniera di quantità e qualità.

Zambo Anguissa, dalle strade del Camerun al Napoli: la storia di un sogno realizzato

Entrambi si completano, dando vita a una delle coppie mediane più forti ed efficaci del campionato. Se il camerunense taglie e cuce il gioco, Fabian Ruiz si occupa di appoggiare la manovra offensiva agendo spesso tra le linee alla ricerca dell’ultimo passaggio o, come successo contro il Bologna, della conclusione.

Tiratore scelto e risorsa tattica

Quello segnato alla squadra di Mihajlovic è il suo gol numero 9 da quando veste i colori azzurri. Ma c’è una particolarità: tutte le reti di Fabian Ruiz, in Italia, sono arrivate con tiri scagliati da fuori area. Nessuno nei primi cinque campionati d’Europa ha fatto meglio.

Migliori partenze Serie A: Napoli a caccia del record storico

Il tiro, forte e preciso, è senz’altro una delle specialità della casa e Spalletti lo sa, così come ne era consapevole Gattuso che però faticava un po’ a incasellarlo tatticamente. Da mezzala faticava, col passaggio a due spesso ha dovuto contendere il posto a Zielinski.

A Napoli è arrivato Luciano Spalletti: come giocheranno i partenopei?

Questo gli ha fatto perdere, seppure per un breve periodo, la nazionale spagnola, con Luis Enrique che solo recentemente è tornato a chiamarlo. Però di Ruiz il Napoli non può fare a meno, come dimostra la sua heatmap stagionale completamente colorata per quanto si muove per il campo.

Un futuro da scrivere

Classe 1996, Ruiz è arrivato al Napoli nell’estate del 2018 in cambio di 30 milioni di euro. Il Betis, col quale il giocatore si era imposto in Liga, alla fine cedette alla corte degli azzurri, liberando il calciatore verso l’Italia nonostante le ricche offerte di altre big d’Europa.

Che, già alla fine della prima stagione, si erano rifatte sotto con il Napoli. Barcellona, Real Madrid, Manchester United sono solo alcuni dei club che hanno cercato, a più riprese, il centrocampista spagnolo, in scadenza 2023 e quindi al centro già di voci riguardanti l’eventuale rinnovo.

Che, qualora non arrivasse, potrebbe aprire scenari di mercato la prossima estate. Ora, però, non c’è spazio per queste cose: con il Napoli primo e il sogno Scudetto almeno da accarezzare, Spalletti se lo tiene ben stretto, sperando finalmente di poter festeggiare qualcosa a fine stagione.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI