Everton Liverpool la partita più vista di sempre
Fonte Twitter

Everton-Liverpool di ieri è la partita più vista di sempre nella storia della Premier League. Registrati 5,5 milioni di audience per il derby del Merseyside. 0-0 il risultato finale.

Che il coronavirus avrebbe cambiato il mondo del calcio si era capito. Ma tutti, inevitabilmente, hanno creduto si trattasse di un’influenza totalmente negativa, e la sensazione era che di buono, nel post covid, ci fosse davvero poco. E invece … La Premier League domenica sera ha fatto registrate il numero di telespettatori più alto per una sua gara: Everton-Liverpool partita più vista della Premier League con un’audience di 5,5 milioni di spettatori.

IN CAMPO DOPO TRE ANNI: RIECCO BRUNO SORIANO

A rivelarlo è stata Sky Sport UK, detentrice dei diritti tv per quella gara, giocata alle 20 in un Goodison Park necessariamente vuoto a causa del nuovo regolamento imposto della FA. Il friendly derby di Liverpool si è concluso oltretutto con un risultato piuttosto scialbo, uno 0-0 che assiste il morale dell’Everton – visto il livello tecnico del Liverpool – e che comunque, nonostante il pareggio, non blocca il cammino dei Reds verso il titolo.

FINALMENTE ERIKSEN

Everton-Liverpool la partita più vista di sempre

Dopo il lockdown voluto da Boris Johnson, il calcio in Inghilterra sembrava avesse qualche difficoltà a riprendere. Ma i remunerativi contratti televisivi inglesi hanno avuto la meglio, e la maggioranza dei club ha spinto per tornare a giocare, nonostante il rischio di contagio in Inghilterra ancora alto.

DALLA PROVINCIA ALLA SERIE A: DI CARMINE FA SOGNARE VERON

Di fatto, la FA ha diviso le restanti nove giornate del campionato inglese fra emittenti private e statali, così da evitare assembramenti dei tifosi nei locali pubblici per vedere le partite. Attualmente, in Inghilterra, sarà possibile guardare la Premier League su Sky Sport (privata, con abbonamento), BBC (pubblica) e Amazon Prime Video (privata, con abbonamento). Ma la mossa di Amazon è in realtà un’escamotage per rendere visibile a tutti i quattro nuovi incontri assegnati dalla FA dopo le venti partite già trasmesse dalla piattaforma prima del locdown. Proprio Burnley-Manchester City, gara d’andata del match giocato ieri sera all’Etihad, è stata la prima partita di Premier League trasmessa su Amazon Prime Video.

Amazon infatti ha deciso – grazie a una mossa rivoluzionaria nello streaming di partite di calcio – di trasmettere sulla piattaforma Twitch le partite di Premier League gratuitamente. Chi è iscritto con un account al portale di streaming potrà assistere alle partite e interagire con altri tifosi: un atto tanto rivoluzionario quanto fruttifero per visibilità e pubblicità di campionato e broadcaster.

GUEDES, GOL ASSURDO IN VALENCIA-OSASUNA (VIDEO)

Goodison Park centro dell’Inghilterra per una sera

I dati fatti registrare dai broadcaster nella trasmissione delle partite sono in generale molto alti. Sky Sport ha mandato in onda il derby di Liverpool sia sui suoi canali ad abbonamento che su Pick, il canale in chiaro inglese dell’emittente di Murdoch. Il dato di 5,5 milioni di audience supera il precedente record di 4,3 milioni, di proprietà del derby di Manchester (United contro City) della stagione 2011-2012. La rivalità fra le due città, quindi, si sbarca anche nell’universo del broadcasting televisivo.

L’altra partita trasmessa domenica (ma da BBC One) ha indicato dati di ascolto molto importanti. Bournemouth-Crystal Palace, finita 2-0 per le Eagles di Roy Hogdson, ha portato sulla BBC 3,9 milioni di inglesi. Una partita fra terzultima e nona in classifica. Se questa non è passione …

La Premier League può contare ancora su altre otto giornate di campionato, e come detto, Amazon ne trasmetterà quattro su Twitch mentre le restanti 92 gare saranno ancora disponibili per il pubblico inglese su canali in chiaro. L’obiettivo, come detto, è evitare assembramenti per guardare le partite, e la richiesta è partita direttamente dal governo inglese.

Il Parlamento infatti – in maniera analoga a quanto si prova a fare con la Serie A – ha chiesto che venga data la possibilità agli inglesi di non uscire, ma allo stesso tempo, poter guardare le partite. Ovviamente si tratta di un punto d’incontro fra broadcaster e Premier League, ma intanto anche operazioni del genere servono per assistere la popolazione in una delle epoche storiche più difficili di sempre.

LA SQUADRA CHE HA SEGNATO PIU’ GOL IN UNA STAGIONE DI SERIE A