HomeCalciomercatoDavid Luiz criticato e senza squadra: no dall'Italia, può andare in Brasile

David Luiz criticato e senza squadra: no dall’Italia, può andare in Brasile

David Luiz è un difensore di grande esperienza, ma che negli anni si è attirato anche molte critiche e oggi si ritrova senza contratto, accostato a club come Spezia e Salernitana

Leggi anche | Conte all’Arsenal: perché è poco probabile adesso

In pochi mesi, David Luiz è passato dall’essere difensore di un top team di Premier League come l’Arsenal a essere svincolato e cercato solo da club di secondo piano, come ad esempio Spezia e Salernitana, due società che quest’anno saranno in lotta per evitare la retrocessione.

Oltre all’età avanzata (34 anni), il brasiliano si porta anche dietro la fama di pessimo difensore, che però contrasta non poco con una carriera che l’ha visto vestire le maglie di Benfica, Chelsea e PSG, oltre che del Brasile.

David Luiz, croce e delizia

Leggi anche | Perché Mustafi è considerato il peggior difensore in Europa

David Luiz rappresenta perfettamente, nel bene e nel male, l’evoluzione del ruolo del difensore centrale degli ultimi anni: il suo successo è stato dovuto proprio al suo stile di gioco abbastanza unico, che gli consente di accomunare indubbie doti fisiche con una tecnica insolita per la maggioranza dei suoi colleghi.

Si è sempre segnalato per il controllo di palla e la precisione nei passaggi, oltre che per le sue frequenti incursioni offensive, spesso palla al piede, o i calci da fermo. Tutte caratteristiche che gli hanno permesso di sommare 36 gol e 27 assist in circa 15 anni trascorsi nel calcio europeo: numeri più da centrocampista che da difensore.

Leggi anche | Ederson vuole giocare al posto di De Bruyne

A dispetto di altri centrali moderni emersi nell’ultimo decennio, però, David Luiz ha sempre anche dato l’impressione di un totale disinteresse per il gioco difensivo e per la lettura tattica delle marcature. Spesso istintivo ed irruento nei tackle, il brasiliano è stato spesso criticato per i suoi errori di piazzamento e le frequenti amnesie.

Negli anni non sono mancati gli allenatori che hanno provato, all’occorrenza, a utilizzarlo infatti in una posizione più avanzata, cercando di aggirare i suoi limiti difensivi spostandolo a centrocampo. Ma con il passare del tempo, questi difetti hanno finito per diventare sempre più evidenti, soprattutto in un contesto molto complicato come quello recente dell’Arsenal, suo ultimo club.

Le possibilità di mercato di David Luiz

Leggi anche | Nandez, svelata l’offerta del Napoli che ha offeso il Cagliari

A 34 anni, il centrale brasiliano sembra ormai avviato alla conclusione della sua carriera nel calcio professionistico, anche perché a settembre ancora non ha trovato una nuova squadra. Inizialmente si era parlato della possibilità d’ingaggio da parte della Lazio, allenata da Sarri che già lo aveva avuto e apprezzato al Chelsea, ma alla fine non si è concluso nulla.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da David Luiz (@davidluiz_4)

Nella scorsa settimana era emerso a sorpresa il nome dello Spezia, sollevando non poche ironie, specialmente dopo le dichiarazioni del ds dei liguri Pecini al Secolo XIX: “Siamo stati contattati da un agente per David Luiz: non ho ben capito, però, se parlasse sul serio”.

Leggi anche | Perchè Ribery ha scelto la Salernitana? Il motivo e le statistiche del francese

Ancora più di recente, invece, si è parlato della Salernitana, ma l’ipotesi è sembrata subito complicata. Lo stesso David Luiz ha pubblicato una storia su Instagram che sembra alludere a finte voci di mercato sul suo conto (“Ogni giorno una fake news diversa” ha scritto), e alla fine lo stesso ds campano Fabiani ha chiuso la storia: “Credo che con l’arrivo di Ribery si chiude la campagna acquisti della Salernitana”.

Al momento, quindi, per il difensore brasiliano il futuro più probabile sembra quello del ritorno in Brasile, per giocare con il Flamengo.

Leggi anche | Calciatori svincolati Serie A: le occasioni a parametro zero

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti