HomeCalcio EsteroConte all'Arsenal: perché è poco probabile adesso

Conte all’Arsenal: perché è poco probabile adesso

L’ipotesi Conte Arsenal tiene banco sulla stampa inglese, con la crisi dei Gunners che mette a rischio la panchina di Arteta. Ma il tecnico italiano può davvero divenire il nuovo allenatore dei londinesi?

Leggi anche | Tutti gli acquisti dell’Arsenal della stagione 2021/22

L’inizio di Premier League dell’Arsenal è semplicemente incommentabile, con tre sconfitte su tre (Brentford, Chelsea, Manchester City), 0 gol fatti e 9 subiti. Un ruolino di marcia che ha portato Mikel Arteta nuovamente al centro delle critiche, dopo che nella scorsa stagione i Gunners hanno chiuso all’ottavo posto, fuori dall’Europa, seppure in due anni abbiano speso 251 milioni di euro sul mercato.

Logico, a questo punto, che sulla stampa già si speculi su chi potrebbe essere il suo sostituto già nei prossimi mesi, e che il primo nome a emergere sia stato quello di Antonio Conte, l’ex-tecnico dell’Inter attualmente senza contratto. Un’ipotesi suggestiva, ma non semplice da percorrere.

Conte Arsenal, perché sì

Leggi anche | Perché la cessione di Tomiyasu può essere un problema per il Bologna

La voce circolata negli ultimi giorni sostiene che tra Conte e l’Arsenal ci sarebbe già addirittura un pre-accordo, anche se i suoi termini non sono chiarissimi. D’altronde, Conte ha dimostrato in queste ultime due stagioni all’Inter di essere un allenatore perfettamente in grado di rimettere insieme squadre in confusione e portarle a grandi risultati in tempi abbastanza brevi.

antonio conte
Fonte immagine: @Inter_en (Twitter)

Inoltre conosce già Londra, avendoci allenato due anni sulla sponda blu, quella del Chelsea, vincendo un campionato, una FA Cup e un titolo di allenatore dell’anno. Non c’è dubbio quindi che i tifosi apprezzerebbero un suo arrivo all’Emirates. Il tecnico pugliese, d’altro canto, avrebbe l’opportunità di abbracciare un progetto economicamente molto solido e con grandi potenzialità di crescita, avendo a disposizione fin da subito una rosa profonda, giovane e di grande valore.

Leggi anche | Stipendi Arsenal, quanto vale il monte ingaggi dei Gunners

Tutto passa ovviamente dalla decisione cruciale di esonerare Arteta, che sembra aver ormai esaurito il suo bonus presso la dirigenza dell’Arsenal, dopo due stagioni con più bassi che alti, sia in termini di risultati che di gioco.

Conte Arsenal, gli ostacoli

Federico Pastorello, agente di Conte, ha però confermato a Freddie Paxton del The Guardian che tra il suo assistito e l’Arsenal non esiste alcun pre-accordo, e che i Gunners non avrebbero ancora contatto l’allenatore italiano. Allo stesso modo, il Sun oggi spiega che Conte non sarebbe l’unico nome sul tavolo: oltre a lui saranno considerati anche Brendan Rodgers, Steven Gerrard, Eddie Howe, Graham Potter e addirittura Gian Piero Gasperini.

Leggi anche | Perché Mustafi è considerato il peggior difensore in Europa

Ciò detto, l’ipotesi Conte Arsenal risulta problematica anche per altre motivazioni: l’ex-allenatore dell’Inter ha da poco firmato un contratto con Sky Sport come ospite della nuova stagione di Champions League. È vero che questo accordo prevederà probabilmente una forma di svincolo in caso di importante offerta di campo, ma è stato firmato da pochi giorni, in un momento in cui già si iniziava a dubitare della permanenza di Arteta all’Emirates.

Antonio Conte non è un allenatore che ama subentrare in corsa (in carriera lo ha fatto solamente due volte: al Bari nel gennaio 2008 e all’Atalanta nel settembre 2009), ma preferisce avere tempo per lavorare con calma con la squadra e portare volti nuovi in rosa. La scelta di un ruolo da commentatore a Sky sembra essere stata fatta proprio per impiegare questa stagione in attesa di un ritorno in panchina nella prossima.

Leggi anche | Quando Antonio Conte giocava all’attacco

Al momento, quindi, le possibilità di un approdo di Conte all’Arsenal sembrano molto remote. Anche perché, al netto della pessima partenza dei Gunners, non va sottovalutato il fatto che la loro Premier League è incominciata affrontando i campioni nazionali e d’Europa in carica. Sabato, i ragazzi di Arteta ospiteranno il Norwich e potrebbero iniziare a fare punti, migliorando l’umore dell’ambiente.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti