Camavinga, il Rennes deve venderlo: si riapre l’asta

Camavinga è da circa un anno uno dei calciatori più ricercati al mondo: su di lui ci sono vari club, tra un anno sarà disponibile a zero, ma il Rennes abbassa il prezzo

LEGGI ANCHE: Le strade di Eduardo Camavinga e il Rennes stanno per separarsi

Un anno fa tutti volevano Eduardo Camavinga, ma nessuno lo ha acquistato. Troppi, i soldi richiesti dal Rennes, che sperava con lui di fare un incasso clamoroso come avvenuto pochi anni prima al Monaco con Mbappé. Ma di mezzo ci si è messa la pandemia, e la cifra richiesta è divenuta insostenibile per chiunque.

Oggi si sta tornando a parlare del talento francese, con il Manchester United che, dopo Jadon Sancho, è in pole position anche per quest’altro colpo di mercato. Anche perché il Rennes, nel frattempo, è costretto a dover vendere adesso, a qualsiasi cifra.

Il prezzo del fenomeno

LEGGI ANCHE: Ligue 1 in crisi profonda: talenti in saldo

Un anno esatto fa, il direttore sportivo del Rennes Florian Maurice dichiarava a RMC Sport che il suo club era pronto a rifiutare anche la discussa offerta da 80 milioni di euro per Camavinga che si diceva stesse per formulare il Real Madrid.

Bayern Monaco - Camavinga
Fonte: Twitter @InfiniteMadrid

Il club bretone aveva le idee chiare sul suo talento, all’epoca appena 17enne: il Rennes era arrivato terzo in campionato, ottenendo la qualificazione alla Champions League, e più che a vendere puntava a rafforzarsi. Dal mercato arrivarono infatti nomi importanti come Guirassy, Rugani, Terrier, Alfred Gomis, Dalbert e Doku. La stagione non è però andata come sperato, il tecnico Julien Stéphan è stato licenziato a inizio marzo e alla fine il club ha chiuso solo sesto.

LEGGI ANCHE: Kaio Jorge, 5 curiosità sull’obiettivo del Napoli

Già a novembre, però, il Rennes iniziava ad avere qualche ripensamento: la crisi della pandemia e le difficoltà nel trattare un rinnovo con Camavinga (che va in scadenza a giugno 2022), hanno convinto i bretoni a moderare le loro richieste. Si era iniziato a parlare di 70 milioni per il centrocampista, e a dicembre il prezzo era ufficialmente sceso a 50; ad aprile, era opinione comune che il Rennes avrebbe accettato anche 35 o 40 milioni, pur di non perderlo a zero.

La fila per Camavinga

Siamo a inizio luglio, e secondo Fabrizio Romano i rossoneri sarebbero a un passo dall’accordarsi col Manchester United per soli 30 milioni di euro. Senza dubbio un affare, visti i tempi, e sebbene si stia pur sempre parlando di un 18enne con ancora pochissima esperienza al di fuori della Ligue 1 e reduce da un Europeo U21 abbastanza anonimo con la Francia.

LEGGI ANCHE: Primo colpo del Manchester United: ufficiale Jadon Sancho

Però la notizia del prezzo di saldo che i Red Devils stanno riuscendo a spuntare al Rennes potrebbe riaprire l’asta per Camavinga, con grande gioia del club che ne detiene il cartellino. Lo United punta chiaramente ad anticipare la concorrenza, che voleva aspettare placidamente la scadenza del contratto del centrocampista.

A Manchester, Camavinga andrebbe a giocare in un club solido, ambizioso, con molti giovani e, soprattutto, accanto al suo idolo Paul Pogba. Ma proprio per questo sarebbe difficile per lui riuscire a trovare tanto spazio da titolare, almeno all’inizio: a Parigi e Madrid si troverebbe invece in condizioni migliori, e a Monaco di Baviera giocherebbe in un club che sa come trattare coi giovani (vedi Davies e Musiala).

LEGGI ANCHE: Jorginho, una semplicità da pallone d’oro

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!