Calciatori che hanno segnato più punizioni

Quali sono i calciatori che hanno segnato più punizioni nella storia del calcio? Il calcio di punizione è il gesto meno collettivo di questo sport ma allo stesso tempo il più affascinante. Scopriamo i dieci calciatori che da punizione hanno imbarazzato i portieri di qualsiasi latitudine

Leggi anche | Olanda: cosa aspettarsi dagli Orange a Euro 2020

Ecco che chi calcia la punizione, si cala immediatamente in un’altra realtà. Una realtà individuale che nel calcio non è consentita quando si ricerca la vittoria. La punizione, ancor più del rigore, diventa simbolo dell’Io in un terreno di gioco dove tattica, movimenti coordinati e chimica di squadra sono tutto. 

Leggi anche | Turchia – Italia: 0-3, statistiche, migliore in campo e le parole di Mancini

calciatori che hanno segnato piu punizioni: divinamente letali

Se oggi dovessimo chiedere a un ragazzino quale calciatore associa ai calci di punizione risponderebbe Leo Messi. E senza dubbio gli daremmo ragione: nelle ultime stagioni l’argentino ne ha messe a segno 35, riuscendo a perfezionare un fondamentale grazie – secondo la leggenda – al grande Diego Armando Maradona, per altro presente in questa speciale classifica. 

Leggi anche | I MIGLIORI CALCIATORI D’EUROPA PER CARATTERISTICHE

Ma l’argentino con i suoi 52 gol su calcio di punizione non ha il primato tra i calciatori che hanno segnato più punizioni, e anzi si trova ben dietro a molti altri specialisti del settore. 

10. Cristiano Ronaldo, Frantzeskos e Marcelinho Carioca: 57

57 gol su calcio di punizione per i tre calciatori – con qualche dubbio di assegnazione a Marcelinho per il quale alcuni conti danno 59 calci di punizione e non 57 – che Cristiano Ronaldo domina per notorietà e fama. 

Leggi anche | TUTTI I GOL DI CRISTIANO RONALDO

Il portoghese, dopo anni in cui la tecnica con cui calciava rendeva imprendibile qualsiasi tipo di punizione, ha allentato la rincorsa al podio della specialità, ritornando a segnare quest’estate contro il Torino. 

Per quello che riguarda il greco Kostas Frantzeskos e il brasiliano Marcelinho Carioca, le loro carriere si sono snodate lungo il percorso dei calci di punizione, divenendone in breve delle vere e proprie sentenze di morte annunciata per il portiere di turno e rendendoli partecipi di questa classifica dei calciatori che hanno segnato più punizioni nella storia.

Il primo riuscì a segnare 57 gol da calci di punizione giocando in patria, nella sua Grecia, tra Paok e Panathinaikos, mentre il secondo ha militato un po’ ovunque in Brasile (Flamengo, Vado da Gama, Santos, Corinthians) approdando in Europa per una breve parentesi con il Valencia nella stagione 1997-98. 

9. Rogerio Ceni: 59

Chi se non il portiere leggendario del San Paolo degli ultimi trent’anni? Rogerio Ceni, autore di 130 gol in carriera, è riuscito nella sua incredibile carriera a segnare ben 59 calci di punizione, unico giocatore non di movimento a figurare in questa classifica di calciatori che hanno segnato più punizioni. 

Leggi anche | UN PASSATO INGOMBRANTE: SQUADRE CHE NON ESISTONO PIÙ

La sua carriera al San Paolo è notoriamente avvolta da un’aura di leggenda, e proprio secondo tali memorie, si racconta dalle parti di Sao Paulo che Rogerio Ceni abbia provato 1500 calci di punizione allenandosi per sei mesi prima di calciare la prima in gare ufficiali. 

Il suo allenatore Muricy Ramalho lo designò a causa di mancanza di alternative, ma il gol contro l’Uniao Sao Joao nel 1997 racconta del grande genio del portiere: sfruttando un errore del collega mise la palla raso terra, sul palo di competenza del collega. 

Una genio che ha reso normale qualcosa che di normale non aveva niente. 

8. Ronald Koeman: 60 

La disgrazia di chi torna in patria ergendosi a profeta consiste nell’impossibilità di ripetere gesti eroici che avevano contraddistinto la propria carriera. Ronald Koeman, difensore olandese e catalano per adozione, con uno score di 211 gol e 56 assist, è recentemente tornato in Catalogna per allenare un decadente Barcellona. 

Leggi anche |Rapporto costo per gol: la top 25 in Europa

Ma se la crisi blaugrana è certificata ormai da tempo – e quindi Koeman sembra essercisi trovato solamente nel mezzo – ecco che quella Coppa dei Campioni del 1991-92 vinta contro la Sampdoria rappresenta l’apice della carriera di Koeman calciatore rendendolo potenziale profeta di ritorno in patria. 

Sono 60 i gol su calci di punizione per l’olandese, uno quello segnato in quella finale che aprì le porte dell’Europa al Barça, e lo rese uno dei migliori giocatori del suo tempo e tra i calciatori che hanno segnato più punizioni. 

7. Zico e Maradona: 62

Cosa aggiungere a tutto ciò che è stato scritto su di loro? Possiamo provarci, giusto per puro divertimento, enumerando ciò che il brasiliano ha compiuto sul campo da calcio: 22 gol in 39 presenze con l’Udinese, 346 in 457 presenze nella prima esperienza con il Flamengo a cui vanno aggiunte le 24 reti nelle 77 presenze prima di trasferirsi in Giappone. 

Per Diego invece non aggiungeremo nulla. Abbiamo già scritto molto e ogni surplus sarebbe superfluo. Citiamo solo quella punizione incredibile contro la Juventus, il 3 novembre 1995: un capolavoro balistico di divina fabbricazione che vi abbiamo raccontato qui. 

Leggi anche | MARADONA E LA PUNIZIONE DIVINA ALLA JUVENTUS

Sono 62 i calci di punizione messi a segno dai due numeri dieci, un’enormità, ma non abbastanza per la vetta. 

5. David Beckham: 65

Esiste un tutorial su YouTube per imparare – o tanto meno provare – a calciare le punizioni come David Beckham. La prima vera icona extra-campo del mondo del calcio è spesso e volentieri ricordato non solo per quelle che furono le sue qualità tecniche, ma anche – se non sopratutto – per tutto il mondo che gli ruotò intorno dopo il matrimonio con Victoria. 

Ciò che però viene tralasciato a causa di una memoria selettiva di deprecabile attuazione, era la terrificante eleganza con cui Beckham riusciva in ogni gesto tecnico e atletico in un campo di calcio. 

DAVID BECKHAM TORNA SU FIFA 21 CON UNA SORPRESA

Visione di gioco, lancio lungo millimetricamente perfetto e calci di punizione deliziosi furono il marchio di fabbrica di un centrocampista dotato di una qualità tecnica eccelsa. 

Sono 65 le punizioni messe a segno in carriera, tra le quali troviamo quella che portò l’Inghilterra ai mondiali 2002: la catarsi di un’icona che nel ’98 aveva fallito l’uscita mondiale con un’espulsione contro l’Argentina non riuscendo nel riportare il “Football at home”.

4. Victor Legrotaglie e Ronaldinho: 66

Se del primo i più sanno poco e niente, iniziamo catalogando i suoi 66 gol su calcio di punizione nel periodo che va dal 1953 al 1976 con il Gimnasia y Esgrima de Mendoza, squadra nella quale milita per tutta la carriera.

Nato nel 1937 a Las Herras, il “Maestro” come veniva chiamato dalle sue parti, rifiutò nel corso della propria carriera trasferimenti di importanza capitale come quello al Real Madrid, negli anni sessanta, quando i Galacticos arrivarono in Argentina per reclutare talenti da portare in Spagna. 

Leggi anche | Perché Cristiano Ronaldo odia la Coca-Cola

In quell’occasione rifiutò il contratto e si tenne l’orologio d’oro, regalo dell’allora presidente del Real Madrid campione di tutto. 

I suoi 66 gol, ai quali possiamo affiancare i 12 segnati direttamente da calcio d’angolo, lo posizionano sul gradino più basso del podio, al fianco di Ronaldinho. 

Bene, come presentare in breve Ronaldinho? Forse potremmo definirlo, per introdurre i suoi 66 fantascientifici gol su punizione, come il creatore, insieme al connazionale Ronaldo, del calcio a noi contemporaneo. 

Prima delle sue giocate e del suo divenire continuo nel campo da calcio, certe cose non si erano mai viste, mai nemmeno immaginate. La punizione contro l’Inghilterra al mondiale 1998 racchiude in sé tutta l’essenza giocosa e follemente geniale del Gaucho. Un capolavoro, come ogni cosa che gli abbiamo visto fare su un campo di calcio. 

2. Pelé: 70 

A quota 70 gol tra i calciatori che hanno segnato più punizioni, il numero dieci per eccellenza: Pelé. 

Leggi anche | I CINQUE MOTIVI PER CUI PELÉ È IL PIÙ GRANDE GIOCATORE DI SEMPRE

Difficile, come per gli altri, scrivere qualcosa che non sia già stato detto. Per questo ecco le sue punizioni, e i suoi migliori gol, per il secondo gradino del podio. 

1. Juninho Pernanbucano: 77 

Dulcis in fundo, l’artista verdeoro che fece dei calci di punizione la sua opera prima. Juninho Pernabucano è il calcio di punizione resosi uomo, con traiettorie che di volta in volta si modificavano rendendo impossible anche solo prevedere dove la palla potesse finire. 

Gradino dunque più alto del podio riguardo i calci di punizione per Juninho, nell’attesa che qualcuno riesca, un giorno a insidiare questa cristallizzata classifica.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!