Pedro Roma
Foto: Twitter @_Pedro17_

Se non avesse subito al 95′ con Caicedo il gol del’1-1, probabilmente la Juve di Pirlo avrebbe oggi un’altra dimensione: Lazio battuta all’Olimpico, terza vittoria in una settimana e pausa “tutti contenti”. Ma non è andata così, e la realtà, per Pirlo, è un’altra. Non c’è ancora la vera sustanza di questa Juve in Serie A, ancora troppo donna petrosa – per continuare il paragone dantesco – e poco avvezza a uscire dalla timidezza. E anzi, rimane asistematica.

Pirlo e il suo staff (13 persone) prima potevano lamentare l’assenza di Ronaldo, ma adesso? L’ennesima delusione con il portoghese in campo? La solidità granitica che prima distingueva la Juve ora è smarrita, nemmeno dimenticata: è proprio assente. Se non fosse per la presenza in rosa di buoni giocatori – va comunque detto, ben messi in campo – la partita dell’Olimpico sarebbe stata da 0-0, perché anche la Lazio non è che abbia giocato questo gran calcio – ma ok, senza Immobile e Leiva.

É veramente preoccupante la condizione tattica e delle idee di questa Juve, per cui non bastano più le corroborazioni di Pirlo sul concetto di “squadra in costruzione”: si è capito che la Juve s’ha da fare, ma, uno, questa non è la strada tecnicamente giusta; due, non è ammissibile una sequenza di risultati tale.

CAOS LAZIO CON I TAMPONI: LA VERA STORIA (E I PERCHÉ)

GIGI RIVA, IL BOMBER DEL POPOLO

Il Milan ha mantenuto la vetta e per come si era messa la gara con l’Hellas si può dire che l’atteggiamento è stato da grande squadra. Sotto di due gol i rossoneri hanno pareggiato e sfiorato (e meritato) la vittoria più volte: spia di un atteggiamento da grande squadra e che, nonostante la giovane ma caparbia rosa (come spesso sottolinea Pioli ai microfoni), permette al Milan di ragionare su massimi concetti, di correre lungo una corrente di prima fascia – almeno un anno fa, le cose erano diverse, soprattutto nella testa.

Il Verona, se non fosse per Zaccagni e Silvestri, probabilmente avrebbe subito una grave sconfitta, anche perché il calcio metal di Juric a San Siro si è visto poco.

serie a
Fonte: Twitter @fcin1908it

Tutti questi discorsi per risparmiarsi l’aggressione del Sassuolo, ancora splendido in alta classifica della Serie A e fermato proprio quando la vetta solitaria sarebbe stata assicurata. I neroverdi ricoprono una posizione che si aspettava prendesse l’Inter o l’Atalanta, bloccate a Bergamo su un giusto 1-1 che rimane positivo per entrambe le squadre. L’Inter non si è involuta, ma pare stanca e la Dea soffre degli stessi problemi. Ma non c’è crisi per Conte e Gasperini, solo una maggiore attenzione ai dettagli, cosa che in Champions ha fatto la differenza per i nerazzurri di Milano.

UN PICCOLO CLUB PORTOGHESE VUOLE FARE CAUSA ALL’ATLETICO MADRID

Gattuso si lamenta che appiccicano al Napoli la tag di “Scudetto”, ma niente da fare: è così. Con l’acquisto più costoso della storia del club e un roster da 15 giocatori stabilmente convocati nelle varie nazionali, più un gioco finalmente verticale e solido, con molte certezze e dettagli da limare, gli azzurri non possono non pensare di arrivare all’obiettivo preposto due anni fa con il primo Ancelotti. La rosa lunga c’è, i fenomeni pure – Osimhen, pur giovane, è già una certezza – e non serve che crederci. Chi crede, vince.

DALKURD, LA SQUADRA DEI RIFUGIATI DI GUERRA

La Roma continua il suo ottimo periodo di forma grazie alla quadra giusta trovata da Fonseca. Dieci gol fatti e zero subiti in otto giorni sono tanti, quasi sorprendenti visti gli affanni da cui veniva la Roma qualche settimana fa. A esaltarsi finora sono stati gli over, i campioni, i Mkhtyarian, i Pedro, gli Smalling – in tutto ciò niente Dzeko causa covid-19: questi giocatori stanno dando a Fonseca la solidità necessaria per un progetto lungimirante, in Europa e in Serie A, nato nelle incertezze di un mercato un po’ ambiguo e con una nuova proprietà insidiatasi a Trigoria.

L’alta classifica – e i complimenti a un allenatore straniero che sta mandando avanti la baracca insieme ai senatori chiesti da lui – è meritata. Il grande test il 29 novembre contro il Napoli.

Poi c’è lo Spezia, ancora. Una squadra definitivamente appurata come ostica, cinica sotto porta e organizzata in difesa, con Italiano che non rinuncia a niente né sul piano del gioco né in quello dell’atteggiamento. Ci vuole sostanza in Serie A, e lo Spezia ne ha più delle colleghe neopromosse, che invece faticano a trovare il giusto ordine in campo. Quando si dice che nel calcio italiano servono idee, lo Spezia di Italiano è un esempio lampante.

LO SPEZIA COME GIOCA? I 3 SEGRETI DI VINCENZO ITALIANO