pedro gonçalves
Fonte Immagine: @pedrogoncalves28 (Instagram)

Pedro Gonçalves è uno dei giocatori che stanno brillando maggiormente nello Sporting Lisbona giovane, spettacolare e ancora imbattuto in campionato. Scopriamo assieme chi ha ereditato il ruolo di Bruno Fernandes

L’INVOLUZIONE DI VERDI STA DANNEGGIANDO IL TORINO

Lo Sporting Lisbona è una delle squadre più in forma del campionato portoghese, al momento, nonostante la bassa età media della squadra e la relativa poca esperienza del suo allenatore Ruben Amorim, che però sta riuscendo a valorizzare i suoi giovani. Primo tra tutti Pedro Gonçalves, il 22enne centrocampista che ha già messo a segno 5 gol in altrettante apparizioni con la maglia dei Leões.

Gonçalves, che è noto anche come Pote, è uno dei talenti più interessanti di questa stagione di Liga NOS, in cui sta finalmente vivendo la sua consacrazione dopo essere stato a lungo considerato una promessa.

JOAO MARIO TORNA A CASA: LO SPORTING LISBONA PER IL RILANCIO DI UN TALENTO INCOMPRESO

Sotto il segno di Mendes

NELSON SEMEDO AL WOLVERHAMPTON, L’ENNESIMO COLPO PORTOGHESE DI MENDES

Pedro Gonçalves ha iniziato la sua carriera al Chaves, il club della sua città natale, e fin da giovanissimo attirava su di sé le attenzioni di molti osservatori, tanto che già a 12 anni venne contattato dal Braga per venire a giocare in una delle società emergenti del Portogallo, molto focalizzata sui giovani. Lì, ha fatto la conoscenza di Jorge Pires, un procuratore molto legato a Jorge Mendes e dallo stile non dissimile.

Ancora adolescente, Gonçalves si è trasferito nelle giovanili del Valencia, ma già nel 2017 faceva il salto nei ragazzi del Wolverhampton, con la cui nuova dirigenza Mendes e Pires avevano stretto un ormai celeberrimo accordo di collaborazione. Però in Inghilterra non è riuscito a ritagliarsi il suo spazio, chiuso da giocatori come Moutinho e Ruben Neves.

Così, Pedro Gonçalves è diventato uno dei talenti che Pires e Mendes hanno scelto di parcheggiare al Famalicão. Qui, il centrocampista lusitano è stato uno dei principali artefici dell’ottima stagione del piccolo club dei dintorni di Braga, che ha chiuso la scorsa stagione al sesto posto in campionato, dopo essere stato addirittura primo in classifica. Gonçalves, alla sua prima vera stagione da professionista, è sceso in campo complessivamente in 40 occasioni, segnando 7 gol e servendo 8 assist.

I MIGLIORI MARCATORI DELLA STORIA DELLA BUNDESLIGA

Al posto di Bruno Fernandes

Al Famalicão, sotto la guida di João Pedro Sousa, Pedro Gonçalves è stato a volte impiegato in posizione più avanzata, rispetto a quella di mezzala, così da poter essere ancora più determinante nell’ultimo quarto di campo. Gli osservatori dello Sporting hanno così deciso di puntare su di lui per il nuovo corso del club di Lisbona, investendo 6,5 milioni di euro nella sua acquisizione.

LO SPEZIA COME GIOCA CON ITALIANO? I 3 èUNTI CHIAVE DELLA MIGLIORE NEOPROMOSSA

Qui, Ruben Amorim ha scelto di impiegarlo principalmente come trequartista nel suo 3-4-2-1 particolarmente offensivo. Un ruolo con una certa rilevanza, visto che fino allo scorso gennaio quella posizione era occupata da Bruno Fernandes, poi passato al Manchester United. In quella sessione di mercato, lo Sporting non era riuscito a trovare un sostituto, e ha dovuto così provvedere nella successiva occasione.

Inizialmente, Pedro Gonçalves era stato preso proprio per giocare in mezzo al campo, lasciando spazio in avanti alla promessa Tiago Tomas. Ma ben presto Amorim ha pensato di modificare il fronte offensivo, trasformando gli esterni in trequartisti, e Gonçalves è stato avanzato, imponendosi subito come uno dei migliori in campo nel pareggio contro il Porto il 17 ottobre, e poi segnando una doppietta nel match successivo in casa del Santa Clara.

BRUNO FERNANDES SI È PRESO IL MANCHESTER UNITED

Pedro Gonçalves al centro del progetto Sporting

Nella partita di ieri contro il Tondela, sconfitto dallo Sporting per 4-0, Pedro Gonçalves ha messo a segno altre due reti, portando a 5 il suo bottino stagionale, ed è ora secondo in classifica marcatori, alla pari con Rodrigo Pinho del Maritimo e con una rete in meno di Thiago Santana del Santa Clara. Non male per un un giocatore che finora è sempre stato considerato soprattutto per le sue ottime assistenze tra le linee, che l’anno scorso lo resero il miglior passatore della Liga NOS.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Continuamos juntos 💚🦁 #eusousporting #x20

Un post condiviso da Pedro Gonçalves (@pedroogoncalves28) in data:

“DIEGO MARADONA”, LUCI E OMBRE DEL DIO DEL CALCIO

Amorim sta sfruttando al massimo, invece, l’abilità negli inserimenti di Pedro Gonçalves, che in campo parte da mezzala avanzata destra ma è poi libero di svariare su tutto il fronte offensivo, visto che i suoi partner sono giocatori più esterni (Nuno Santos) o più abituati a giocare da punta (Tiago Tomas).

Questo dinamismo ne fa un calciatore tatticamente molto duttile, che al momento si sta affermando come la pedina fondamentale dello scacchiere di Amorim, in un ruolo che sulla carta sarebbe invece dovuto essere appannaggio di João Mario (che contro il Tondela ha giocato la sua prima partita da titolare in stagione, schierato però da regista basso). Oggi, le grandi speranze dello Sporting di tornare a vincere un titolo nazionale che manca dal 2002, passano molto da suoi piedi.

LE PARTITE DI OGGI IN TV: A CHE ORA E DOVE VEDERLE