pavkov
Fonte immagine: @EuropaLeague (Twitter)

A minutidirecupero.it parla l’agente di Milan Pavkov, centravanti vecchio stampo della Stella Rossa eroe per i serbi nel 2-2 contro il Milan, a cui ha segnato il gol del pari a tempo quasi scaduto.

Non sta vivendo una stagione felice, in cui raramente sinora è stato la prima scelta di Dejan Stankovic, ma Milan Pavkov non è nuovo a gol pesanti come quello che ieri a Belgrado ha costretto il Milan al 2-2 al 93′, basti pensare la doppietta segnata nella storica vittoria contro il Liverpool della Champions League 2018/2019.

In esclusiva per minuti di recupero abbiamo fatto due chiacchiere con Serge Micovic, procuratore del gigante buono della Stella Rossa.

CHI E’ DATRO FOFANA, IL NUOVO TALENTO DEL MOLDE

Milan ha segnato al Milan… cos’è questo Serge, destino?

“Capisco che ciò in Italia possa far sorridere, in realtà dalle nostre parti quel nome è piuttosto comune. La cosa bella più che altro è che abbia segnato un gol storico, oltre che molto pesante. Un gol arrivato nel momento migliore possibile, contro una grande squadra. Sono gol che ogni attaccante sogna di segnare. Adesso il discorso è ancora aperto, vediamo come andrà al ritorno”.

L’hai sentito dopo la partita?

“Solo un breve messaggio per congratularmi con lui, non parliamo molto di queste cose solitamente. Mi ha risposto che è molto felice e che adesso è entusiasta in vista del ritorno, quando come tutta la Stella Rossa spera di fare l’impresa a San Siro”.

Una stagione sin qui impeccabile per la Stella Rossa, che in Serbia punta al “double”

“Da queste parti fare il “double” è l’ambizione massima di tutte le squadre serbe, e in questo momento la Stella Rossa è sicuramente la squadra favorita e più attrezzata per riuscirci. Io tra l’altro sono innanzitutto un tifoso di questa squadra e credo, dal mio punto di vista, che se la Stella Rossa vincesse campionato e Coppa e passasse il turno con il Milan, renderebbe questa stagione una delle migliori nella storia del club. Molti dei meriti, in tal caso, sarebbero di Stankovic”.

FILIPPO FALCO A MINUTI DI RECUPERO SU STELLA ROSSA-MILAN

Cosa credi che abbia dato?

“Stankovic ha dato tantissimo, portando tanto del calcio italiano. A differenza di altre squadre del calcio serbo, di cui la Stella Rossa conserva comunque alcuni principi, questa squadra difende in modo molto più organizzato e lotta sempre fino all’ultimo minuto, e sono due caratteristiche tipiche che rendono celebre il calcio italiano nel mondo. Peccato solo che ai tifosi, così appassionati, non sia possibile vivere questa squadra allo stadio per celebrarla e supportarla come essa meriterebbe”.

Come hai visto il Milan ieri?

“Credo che il Milan non abbia giocato come altre volte e in tal senso credo che l’assenza dal primo minuto di Ibrahimovic abbia inciso parecchio sulla performance. Il Milan è in calo, vero, è difficile per tutti quest’anno, e magari in questo momento il livello di concentrazione può essersi fisiologicamente abbassato, anche considerando le energie mentali che toglie l’ambizione di tornare a lottare per lo scudetto dopo tanti anni. Credo che oltre a quello che esprime in campo, la presenza di Ibra avrebbe aiutato a ridurre, attraverso la sua mentalità d’acciaio e la sua leadership, i cali di concentrazione visti ieri. Mandzukic, Rebic e gli altri sono grandissimi giocatori, ma Ibra ha la capacità di trascinare il gruppo…”.

LA SVOLTA DEL GENOA PASSA DA RADOVANOVIC

L’agente di Pavkov fra mercato e ritorno

Il tuo Milan invece, inteso come Pavkov, fu molto chiacchierato per il mercato italiano due anni fa, in seguito alla stagione in cui aveva affrontato il Napoli e segnato al Liverpool. Che successe?

“In verità di concreto ci fu poco, solo tanti rumors. Tra l’altro io come agente devo tener conto delle volontà di Milan che non è un ragazzo interessato solo ai soldi, ma che desidera la giusta atmosfera, vuole sentire fiducia, tiene tanto a ritrovarsi nel giusto clima… Sin qui ha avuto una stagione difficile ma ieri ha dimostrato ancora una volta chi è. Fa quello che deve fare, lotta, segna, credo che tutte le squadre abbiano bisogno di un attaccante così. Oltre a essere un buon giocatore poi, è anche un ottimo ragazzo. Vedremo in futuro, se si trasferirà, e se sarà per andare in italia o altrove…”

PERCHÉ IL MILAN VUOLE RIPORTARE PESSINA IN ROSSONERO

Come finisce al ritorno?

“Lo domandate al tifoso o all’addetto ai lavori? Se devo parlare col cuore ovviamente spero che la Stella Rossa vinca e se devo esprimere un pronostico, magari 2-0, forte del fatto che nel calcio tutto è possibile. Poi, razionalmente, di fronte ci sarà un grande club come il Milan, stavolta a casa propria. Mi aspetto che il gol di Pavkov per loro sia stata una grande sveglia, e che al ritorno saranno molto più agguerriti… vedremo”.

di Andrea Falco