Home Calciomercato Origi è il nome nuovo per l’attacco dell’Inter

Origi è il nome nuovo per l’attacco dell’Inter

Fonte immagine: @divockorigi (Twitter)

L’Inter è al lavoro per cercare una quarta punta in vista dell’estate: il nome nuovo è quello di Origi del Liverpool

In attesa di capire se la volata Scudetto darà esito positivo, riportando l’Inter in vetta alla Serie A a oltre dieci anni di distanza, la dirigenza nerazzurra lavora già in vista della prossima stagione. Uno degli obiettivi estivi di mercato sarà quello di regalare a Conte una quarta punta, per implementare un reparto che – in vista della fase a gruppi di Champions League – verrà ancora rappresentato da Lukaku, Lautaro Martinez e Sanchez.

LEGGI ANCHE: Partite di oggi in tv: a che ora e dove vedere

Una pista scaldatasi nelle ultime ore porta a Divock Origi, attaccante esterno del Liverpool tra i più impattanti, numeri alla mano, a partita in corso. Il belga sarebbe ormai fuori dai piani dei Reds e Klopp, al momento, lo ha retrocesso in fondo alle gerarchie di squadra dopo Minamino e Diogo Jota. Con cinque punte davanti, Origi ha deciso di cambiare: l’Inter, in tal senso, può rappresentare un’ottima opzione.

LEGGI ANCHE: Perché il Qatar giocherà le qualificazioni mondiali in Europa

Origi all’Inter: le possibili cifre

Origi sarebbe stato proposto a Marotta, che non avrebbe chiuso la porta per l’eventuale ingaggio dell’ex enfant prodige del calcio belga. A 26 anni, l’attaccante del Liverpool è infatti nel pieno della sua carriera e, nonostante il contratto in scadenza nel 2024, per lui in Inghilterra non c’è più spazio. L’Inter lo sa e può spuntarla a un prezzo ragionevole, mettendosi in rosa un profilo interessante con uno stipendio non troppo pretenzioso.

Fonte Immagine: @thekoplegacy (Twitter)

Al Liverpool, Origi prende attualmente circa 3 milioni di euro, una cifra abbordabile per una società che dovrà fare molta attenzione ai conti, viste le ultime vicissitudini extra calcistiche capitate a Suning e alla famiglia Jindong. Con l’ok di Marotta potrebbe, anzi dovrebbe, poi arrivare anche quello di Conte, che riceverebbe in dote un elemento spendibile in più contesti tattici, fisicamente esplosivo e con qualche gol nei piedi.

LEGGI ANCHE: Origi all’Inter, affare per tutti

Da Genk a Liverpool: chi è Divock Origi

Al Liverpool dal 2015, salvo una breve parentesi al Wolfsburg, Origi è uno dei calciatori più longevi attualmente presenti nella rosa dei Reds, ma anche uno dei più scontenti perché, a oggi, ha collezionato meno di 550 minuti in campo. Klopp non lo vede, mentre in Europa – Inter a parte – il belga ha molti estimatori, soprattutto in Bundesliga dove il Borussia Dortmund avrebbe pensato a lui come post Haaland.

Cresciuto calcisticamente nel Genk, a 15 anni ha lasciato casa per trasferirsi al Lille, club col quale ha giocato cinque anni prima di volare a Liverpool. In Inghilterra ha vinto praticamente tutto, dalla Premier League alla Supercoppa Europea e il Mondiale per Club. Il suo contributo però è stato decisivo in Champions League, chiudendo la finale contro il Tottenham con un gol straordinario finalizzando un grande assist di Matip.

LEGGI ANCHE: La stagione del Liverpool può svoltare con Fabinho

Origi, caratteristiche tecniche e ruolo

Come può essere impiegato all’Inter? Origi di ruolo è una punta, che ama partire da sinistra per sprigionare la propria velocità figlia di leve importantissime. Fisicamente è travolgente, difficilmente in corsa il difensore avversario riesce a fermarlo, ma dall’alto dei suoi 188 centimetri sa farsi valere anche di testa. Vedendolo muoversi, quindi, sembra di essere di fronte a un attaccante abbastanza atipico.

LEGGI ANCHE: Ozan Kabak e Ben Davies: il Liverpool si rifà il trucco in difesa

Destro naturale, possiede un buon tiro e, a livello di caratteristiche, nella rosa dell’Inter in questo momento potrebbe apportare migliorie inedite. Resta da capire quanto i nerazzurri decideranno di affondare il colpo piuttosto che aspettare, magari guardandosi intorno per capire se possono nascere altre possibilità. A livello di esperienza, però, la candidatura di Origi sembrerebbe l’ideale.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Exit mobile version