Home Serie A Nestor Sensini, il difensore argentino simbolo della Serie A degli anni ’90

Nestor Sensini, il difensore argentino simbolo della Serie A degli anni ’90

nestor sensini
Fonte Immagine: @deadball.uk (Instagram)

Il 12 ottobre 1966 nasceva Nestor Sensini, difensore argentino che è stato tra le principali incarnazioni della Serie A degli anni Novanta, nel bene e nel male. Ecco la sua storia.

TORNEO APERTURA E CLAUSURA: COSA SONO E COME FUNZIONANO

Il campionato italiano degli anni Novanta è ricordato principalmente per l’alto livello dei suoi club: per la prima volta non erano più solo le tre grandi (Juventus, Inter e Milan) a potersi permettere grandi campioni e lottare per i titoli nazionali e internazionali, ma anche alcune squadre minori o “di provincia”. Nestor Sensini è stato uno dei giocatori che, in punta di piedi, ha rappresentato al meglio questo periodo.

SAMPAOLI E L’ATLETICO MINEIRO STANNO DOMINANDO IL BRASILEIRAO

La gavetta

Quando Sensini giunse in Italia, nel 1989, era un po’ una scommessa: l’Argentina era terra di grandi attaccanti e centrocampisti, ma raramente i club europei puntavano sui suoi difensori. Proveniva dal Newell’s Old Boys, dove si era in messo in mostra nella squadra da sogno allenata da José Yudica, e arrivava in Friuli, in Serie B, assieme ad altri due colpi internazionali, l’ex-centrocampista del Real Madrid Ricardo Gallego e la punta argentina Abel Balbo.

Nel giro di quattro stagioni, l’Udinese riconquistò la massima serie, iniziando a porre le basi per quello che sarebbe stato il suo periodo d’oro. Nel 1993, però Sensini era ormai uno dei difensori più interessanti in Italia, e il Parma, una delle società più ambiziose e ricche della Serie A, pagò 7 miliardi di lire ai friulani per portarlo in Emilia, agli ordini di Nevio Scala.

FRATELLI CALCIATORI, LE COPPIE CHE HANNO GIOCATO NELLA STESSA SQUADRA

La consacrazione a Parma

Al Parma, un giocatore come Sensini diventò presto un leader e un elemento imprescindibile in campo. In Argentina si era segnalato come un difensore centrale tecnico ed elegante, caratteristiche che lo rendevano impiegabile in diversi ruoli: per Scala, Sensini poteva fare l’interno in una difesa a cinque, ma all’occorrenza può essere spostato in mediana in un centrocampo folto.

JUAN BRUNETTA, QUALITÁ PER IL PARMA

Nel 1996, con l’arrivo in panchina di Ancelotti e il cambio verso una difesa a quattro, con Cannavaro e Thuram punti fermi, Sensini si adattò a giocare terzino sinistro, gestendo alla perfezione gli equilibri di una squadra talentuosa ma anche molto giovane e inesperta. Questa sua capacità di “equilibratore” della squadra sarebbe diventata un tratto distintivo di tutta la sua carriera.

PEÑAROL, IL GIGANTE FERITO D’URUGUAY

FRATELLI CALCIATORI, LE COPPIE CHE HANNO GIOCATO NELLA STESSA SQUADRA

Continuò a essere un giocatore molto affidabile anche da centrale nella difesa a tre di Malesani, allenatore che purtroppo le vedeva poco e lo relegava spesso in panchina. Sensini chiese il trasferimento, e a farsi avanti fu la Lazio, allenata da Sven-Goran Eriksson, che era da tempo un suo grande fan. Lasciò così il Parma dopo due Coppe Italia, due Coppe UEFA e una Supercoppa europea.

Sensini e lo scudetto alla Lazio

In biancoceleste visse praticamente solo la stagione 1999-2000, quella dello scudetto, in una squadra sovrabbondane di talento in ogni reparto, che è probabilmente l’esempio più estremo di cosa fosse la Serie A di quegli anni (nel bene e nel male, come di scoprirà di lì a poco, quando si andrà a guardare i libri contabili). Con 32 presenze e un gol, Nestor Sensini fu ancora una volta decisivo: lui e il connazionale Simeone erano le due pedine fondamentali per mantenere equilibrato un 11 decisamente orientato all’attacco.

BRUNO NERI, CALCIATORE E PARTIGIANO

I primi anni Duemila, Sensini li passò nuovamente a Parma, a fare da guida a una squadra giovane e in piena rifondazione, che aveva bisogno di carisma ed esperienza. Infine, nel 2002 decise di tornare a chiudere la carriera a Udine: ormai 36enne, sembrava destinato a un ruolo di secondo piano, e invece seppe imporsi un’altra volta come un punto fermo nella difesa di Spalletti, disputando quattro stagioni di ottimo livello.

Mentre Lazio e Parma – due squadre simbolo della grande Serie A degli anni Novanta – venivano travolte dai debiti accomulati in anni di malagestione, Sensini faceva da testimone alla consacrazione dell’Udinese, che era a lungo rimasta ai margini delle cosiddette Sette Sorelle e ora, dopo tanti investimenti mirati, raggiungeva finalmente l’Europa con un modello societario completamente diverso da quello del decennio precedente.

I CALCIATORI PIÙ FORTI A NON AVER MAI GIOCATO UN MONDIALE

Nestor Sensini si ritirò così nel 2006, a 40 anni. Come calciatore, visse e fece praticamente di tutto, ma l’unico suo cruccio rimase non aver vinto nulla con l’Argentina: arrivato in nazionale alla fine dell’era di Maradona, fu testimone del secondo posto a Italia ’90 e, poi, della sorprendente sconfitta in finale del torneo olimpico del 1996, contro la Nigeria.

CLAUDIO BORGHI, IL CALCIATORE PUPILLO DI BERLUSCONI AL MILAN