Che cos’è Misma Pasion, il fenomeno social contro la misoginia

Sui social network impazza il fenomeno Misma Pasion, lanciato da Asensio per solidarietà con una collega vittima di insulti misogini

Uomini e donne contro la misoginia e l’intolleranza di genere, uniti da due semplici parole. Misma Pasion, stessa passione, coniato quasi per caso, è diventato un termine virale sui social network e in particolar modo su Instagram, utilizzato dai calciatori per esprimere solidarietà alle colleghe donne dopo il caso che ha travolto l’inconsapevole Maria Isabel Rodriguez Rivero, in arte Misa, stella della squadra femminile del Real Madrid.

LEGGI ANCHE: Partite di oggi in tv: a che ora e dove vedere

Misa è stata insultata pesantemente sotto a un post pubblicato la sera in cui il Real Madrid ha spazzato via le poche resistenze del Liverpool nel match valevole per i quarti di finale di andata di Champions League. Nello stesso giorno, anche Misa e compagne hanno passato il turno e così, per celebrarlo, la calciatrice ha deciso di pubblicare due foto e, appunto, la didascalia “Misma Pasion“.

Cosa è successo

La foto pubblicata da Misa ritrae lei e Asensio esultare alla stessa maniera, braccia larghe e sorriso stampato in faccia. Il messaggio era chiaro chiaro, o almeno avrebbe dovuto esserlo: apparteniamo allo stesso club, mettiamo in campo la stessa passione in ciò che facciamo. Invece no, perché subito dopo la pubblicazione del post il portiere del Real Madrid è stata sbeffeggiata, nella migliore delle ipotesi, e insultata anche pesantemente con epiteti sessisti e misogini.

LEGGI ANCHE: Dove vedere Juventus-Genoa in tv e streaming

Il che, diciamolo, non sorprende, visto che – sebbene i tempi siano cambiati – il calcio è uno sport fondamentalmente di stampo machista, nel quale le differenze di genere sono ancora troppo rimarcate e mai abbastanza combattute. Misa, alla fine, ha cancellato il post ma poche ore Asensio ha ripreso la foto, ricondividendola sui propri account sociale rilanciando l’identitario Misma Pasion.

LEGGI ANCHE: Dove vedere Inter-Cagliari in tv e streaming

Misma Pasion, il fenomeno social

Il giorno dopo è stato un fioccare di omaggi al coraggio della ragazza, con un sacco di calciatori di spicco che hanno deciso di unirsi alla manifestazione di sostegno lanciata da Asensio, che a parte ha aggiunto – dedicando il pensiero a Misa – una frase molto importante: “Niente e nessuno può impedirti di dire cosa pensi“.

LEGGI ANCHE: Regolamento Serie A, cosa succede in caso di arrivo a pari punti?

Il resto lo ha fatto il tam tam social, che ha visto unirsi al coro il terzino brasiliano Marcelo, l’account della nazionale argentina di calcio, il Tottenham, l’Eintracht, l’Everton tra le altre realtà di spicco del calcio mondiale.

LEGGI ANCHE: Record punti Serie A, la classifica completa

Purtroppo, questa non è la prima volta e, probabilmente, non sarà l’ultima in cui si verificano fatti incresciosi come questi, eventi intrisi di cattiveria e pregiudizi da costringere una ragazza addirittura ad autozittirsi per evitare di incassare altri insulti. Però lo sport ha anche un lato solidale, venuto fuori con grande impatto, urlando al mondo che per l’intolleranza nel calcio non c’è, e mai ci sarà, spazio.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!