È fatta: il Milan è di RedBird

Il Milan è stato ufficialmente ceduto al fondo statunitense RedBird, che stava trattando il club da Elliott nelle ultime settimane.

Si è conclusa positivamente la riunione odierna tra i dirigenti di Elliott e quelli di RedBird, che doveva sancire la cessione definitiva del Milan dal primo al secondo. Il club campione d’Italia si trova quindi da ora con un nuovo padrone, il fondo USA RedBird Capital.

Secondo quanto appreso da varie fonti nei giorni scorsi, RedBird ha acquistato il 70% delle quote del club rossonero, pagando a Elliott 1,3 miliardi di euro. Nei prossimi giorni, ma forse già nelle prossime ore, la nuova proprietà lavorerà alla definizione del progetto sportivo, incontrando Maldini e Massare per discutere del rinnovo dei loro contratti e del budget per il calciomercato.

Milan, che cosè RedBird Capital e quanto vale il suo patrimonio

Il nuovo proprietario del Milan è un fondo nato nel 2014 negli Stati Uniti, e che gestisce un capitale da 6 miliardi di dollari. Quella rossonera non è la prima esperienza di RedBird Capital nel calcio, avendo anche una quota di minoranza nel Liverpool e detenendo anche la maggioranza delle quote del Tolosa, neopromosso in Ligue 1.

A capo del fondo c’è il suo creatore Gerry Cardinale, ex-partner di Goldman Sachs che attualmente gestisce i team di creazione di valore dell’azienda RedBird, coprendo la gestione del portafoglio, il finanziamento, la compensazione della gestione e la monetizzazione. Secondo varie fonti, il suo patrimonio supererebbe il miliardo di dollari.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI