HomeCalcio EsteroMessi e il grande gol con dedica a Maradona

Messi e il grande gol con dedica a Maradona

Leo Messi segna un bellissimo gol nel match contro l’Osasuna e lo dedica a Maradona, esibendo una maglietta del Newell’s Old Boys

Nel weekend in cui tutto il mondo omaggia Diego Armando Maradona, non poteva mancare la firma di Leo Messi. L’argentino del Barcellona, nel match giocato e vinto contro l’Osasuna, ha dedicato la sua rete al Pibe de Oro, scomparso tragicamente in settimana a causa di una grave complicazione postoperatoria.

Le partite di oggi in tv: a che ora e dove vedere

Messi ha segnato il gol del definitivo 4-0 in un match che non ha avuto storia sin dal principio. Schierato da esterno in un 4-3-3 sperimentale, nel quale Koeman ha schierato ben cinque calciatori offensivi, la Pulga ci ha messo un po’ a entrare in partita. Poi, a una manciata di minuti dal fischio finale, ha raccolto un pallone appena fuori area e con un sinistro all’incrocio non ha lasciato scampo a Sergio Herrera.

Calciatori positivi Serie A | la lista | diversi i contagi

Messi gol per Maradona: la dedica del numero 10

Dopo il gol Messi ha esultato in maniera molto moderata, raccogliendo il timido abbraccio dei compagni e puntando subito verso una delle telecamere collocate a bordo campo. Si è poi tolto la sua maglia numero 10, esibendone una del Newell’s Old Boys preventivamente indossata sotto quella blaugrana. Il club di Rosario è quello che, tra il 1993 e il 1994, ha accolto un Maradona di ritorno dall’Europa.

Mamma, (non) ho visto Maradona

Dalle parti del Coloso del Parque intitolato a Marcelo Bielsa, il Diez si è fermato una sola stagione mettendo insieme la miseria di 5 presenze. Che però sono bastate a Messi per ammirarlo e trasformarlo nel suo idolo. Infatti, anche la Pulga ha cominciato il suo cammino nella Lepra, club nel quale ha peraltro promesso di chiudere la carriera una volta concluso il suo mega ciclo al Barcellona.

Maradona, il primo gol italiano e Gianluca Pacchiarotti

Sguardo verso la videocamera, indici al cielo, commozione visibile, un bacio e un segno della croce. Da solo, senza compagni attorno, per raccogliere l’essenza di un momento da brividi che, dalla Spagna, stanno già leggendo come una sorta di passaggio di consegne. Maradona non c’è più fisicamente, ma per il mondo del calcio la sua aura non si esaurirà mai. E Messi, volenti o nolenti, ci aiuterà a sentirci meno soli.

Maradona e la punizione “divina” alla Juventus

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti