HomeSerie BMaresca verso il Parma: filosofia di gioco del tecnico italiano

Maresca verso il Parma: filosofia di gioco del tecnico italiano

Enzo Maresca è molto vicino alla panchina del Parma. Stile di gioco e modulo adottato dal tecnico proveniente dal Manchester City.

Dopo un’annata a dir poco deludente, il Parma l’anno prossimo ripartirà dalla Serie B. Lo farà con un nuovo tecnico e con un progetto ambizioso per tornare subito in Serie A. La guida tecnica dei gialloblu dovrebbe essere Enzo Maresca, alla sua prima esperienza fa primo allenatore.

LEGGI ANCHE: Maignan al Milan: alla scoperta del post Donnarumma

Enzo Maresca: la carriera da allenatore

Dopo il ritiro nel 2017, l’ex centrocampista ha intrapreso la carriera da allenatore diventando, il 1 giugno 2017, il vice di Fulvio Fiorin nell’Ascoli in Serie B. Intanto frequenta il corso da allenatore a Coverciano, superando brillantemente il corso a settembre.

Nel novembre 2017 lascia l’Ascoli e dopo un mese torna al Siviglia, dove aveva giocato da calciatore. In Andalusia collabora con Vincenzo Montella nell’esperienza non felicissima dell’aeroplanino in Liga.

LEGGI ANCHE: Sergio Ramos, senza Europei e rinnovo, quale futuro?

Poi nel 2018 diventa il collaboratore di Pellegrini al West Ham, lasciando il club londinese insieme al tecnico cileno nel dicembre 2019.

Infine, il 28 agosto 2020 per Maresca arriva la chiamata del Manchester City, che gli affida la squadra Under-23.

Maresca: stile di gioco e modulo

La crescita di Maresca ha vissuto una forte spinta nella sua esperienza al West Ham. Dopo il suo addio gli hammers, è venuto fuori che Pellegrini gli ha affidato completamente la preparazione tattica di un match contro il Chelsea, vinto dal West Ham. Un curioso parallelo che ha ricordato l’asse Guardiola-Arteta con lo spagnolo che ha preparato brillantemente una vittoria del City contro l’Arsenal.

Il lavoro al West Ham gli è valso la chiamata proprio del Manchester City, come manager dell’Elite Development Squad, che altro non è che l’U-23 dei Citizens. Maresca fa della preparazione tattica il suo punto di forza, potendo contare su elementi presi dalle sue esperienze in Italia, Spagna e Inghilterra. Al City Maresca ha fatto suoi alcuni principi di gioco di Guardiola, come l’attacco basato sul possesso palla.

LEGGI ANCHE: Dove va Donnarumma: il futuro del portiere del Milan

Naturalmente, il suo ruolo nella formazione giovanile del City ha influenzato non poco il suo credo tattico, visto che il suo compito è quello di formare i giocatori per la squadra di Pep. In questa sua esperienza Maresca ha adottato il 4-2-3-1, modulo che potrebbe dunque riproporre al Parma.

Una curiosità, che testimonia la passione per la tattica di Maresca, consiste nella passione del tecnico per gli scacchi e nell’applicazione dei suoi principi al suo calcio. La sua tesi per il Coverciano s’intitola, per l’appunto, “Calcio e scacchi”, mettendo in mostra le grandi similarità tra i due giochi. La cosa più importante, secondo Maresca, sia per un allenatore che per uno scacchista è: sviluppare un piano di gioco, studiare delle contromosse e scegliere al meglio come piazzare e muovere le proprie pedine.

LEGGI ANCHE: La classifica dei portieri più pagati al mondo

Scuola catalana, importanza della tattica e il mito di Pep Guardiola. Questo il bagaglio con cui Enzo Maresca si appresta ad affrontare la sua prima grande esperienza in panchina, con l’obiettivo di riportare subito il Parma in Serie A.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Danilo Budite
Danilo Budite
Romano, classe '95. Amo il calcio, soprattutto raccontarlo. Scrivo di tutto ciò che mi circonda.

Articoli recenti